L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Mosul: la recensione del war movie prodotto dai registi di Avengers (Venezia 76)

Mosul: la recensione del war movie prodotto dai registi di Avengers (Venezia 76)

Di Marco Triolo

Viviamo nell’epoca della globalizzazione, e Mosul è la dimostrazione che questo vale anche per il cinema. Viviamo nell’era di The Raid, diretto da un regista gallese in Indonesia. Come un novello Gareth Evans, Matthew Michael Carnahan (sceneggiatore di World War Z) se ne va in Iraq (il Marocco, in realtà) per il suo debutto alla regia, prodotto dai registi di Avengers: Endgame, Anthony e Joe Russo. Il risultato è un film di guerra di stampo americano girato completamente in lingua araba e con un cast di attori mediorientali, molti dei quali esuli iracheni.

Mosul

Mosul è tratto da un articolo di Luke Mogelson, pubblicato sul New Yorker. Che racconta la storia vera di un team SWAT incaricato di lottare senza sosta contro le forze dell’ISIS. Il film incorpora tutte le caratteristiche del moderno cinema di guerra americano. Ci sono chiari echi di Black Hawk Down e Salvate il soldato Ryan, due capisaldi del filone che hanno ridefinito lo stile dei film di guerra, dalla fotografia desaturata all’uso della camera a mano. E fino all’impressionante dettaglio dei set e a un sound design capace di rendere al meglio la potenza frastornante del fuoco bellico. Da quei film, Carnahan ha anche mutuato l’attenzione al cameratismo tra i soldati e, soprattutto da Spielberg, l’idea di una missione molto personale.

Come è chiaro, dunque, Carnahan non ha inventato nulla. Eppure rimescola tutto in maniera efficiente e mantiene alto il ritmo dal primo secondo. Mosul inizia infatti con un trio di poliziotti assediati dall’ISIS in un bar e, da lì, non molla praticamente mai. Un assalto totale che sfocia in diversi scontri a fuoco tesissimi. E si chiude con un finale inaspettatamente intimo e sottotono.

Mosul

Un war movie dal punto di vista degli iracheni

A colpire più di tutto è la scelta di girare il film in arabo con attori pressoché sconosciuti. Vent’anni fa sarebbe stato impossibile. Oggi è l’unica scelta possibile, invece: i film di ogni nazionalità circolano in maniera molto più capillare e non ha più senso che un intero cast arabo parli in inglese con l’accento. Perché quel film non lo vedranno solo gli americani. Carnahan ha scelto un ottimo cast – Suhail Dabbach, Adam Bessa, Ahmed Adel, Thaer Al-Shayei, Isaac Elias e Mohimen Mahbuba, tra gli altri. E tutti gli attori si sono impegnati a recitare nel particolare dialetto arabo della zona.

Questo contribuisce al generale realismo e alla resa del film. Un war movie che magari non innoverà formalmente il genere come altri prima di lui, ma che, per una volta, restituisce la complessità di un conflitto che da troppo vediamo raccontato solamente dal punto di vista americano. La storia, si dice, è raccontata dai vincitori. Per fortuna, ogni tanto è raccontata anche dalle vittime.

ScreenWeek sta seguendo l'edizione 2019 del Toronto International Film Festival. Segui QUESTO LINK per non perderti tutte le nostre recensioni in anteprima!
Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Le Mans ’66 – Si va in guerra nel nuovo trailer italiano 15 Settembre 2019 - 20:00

Le provocazioni di Ferrari e la realizzazione di un auto in grado di competere contro la casa automobilistica italiana nel nuovo trailer italiano di Le Mans '66

Black Narcissus – Nel cast Alessandro Nivola e Gemma Arterton 15 Settembre 2019 - 19:00

Alessandro Nivola e Gemma Arterton interpreteranno i protagonisti della miniserie di tre episodi Black Narcissus basata sul romanzo Narciso nero

El Gato Negro – Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ 15 Settembre 2019 - 18:00

Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ El Gato Negro, basato sul fumetto messicano creato da Richard Dominguez

La storia di Dune (FantaDoc) 12 Settembre 2019 - 16:28

Il lungo e tortuoso percorso che ha portato il Dune di David Lynch, con il suo cast pieno di stelle, a diventare un grandissimo successNO.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Lancillotto 008 11 Settembre 2019 - 12:15

Dare tutto un altro significato all'espressione "monkey business": gli scimpanzé agenti segreti di Lancillotto 008.

7 cose che forse non sapevate su George della Giungla, Superpollo e Tom Slick 10 Settembre 2019 - 16:58

"Tu parti con la liana ma poi non arrivi mai"... Ma le curiosità su George della giungla e i suoi sodali Superpollo e Tom Slick arrivano invece subito, eccole!