L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La mafia non è più quella di una volta, Maresco invece sì: la recensione da Venezia 76

La mafia non è più quella di una volta, Maresco invece sì: la recensione da Venezia 76

Di Lorenzo Pedrazzi

Dopo la separazione da Ciprì, Franco Maresco ha continuato la sua esplorazione di un’umanità misera e paradossale, legata alle contraddizioni della sua terra – la Sicilia – e al gusto per il grottesco che lo accompagna fin dai tempi di Cinico TV. La mafia non è più quella di una volta prosegue sul medesimo percorso, affermandosi come un vero e proprio sequel di Belluscone – Una storia siciliana: tornano l’ineffabile Ciccio Mira e i cantanti neomelodici, ma stavolta i loro sforzi “creativi” ruotano attorno a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in occasione del venticinquesimo anniversario della loro morte (il film è stato infatti girato nel 2017).

Franco Maresco è l’operatore invisibile che resta dietro la macchina da presa, ma interviene sia come narratore sia come “personaggio”, interagendo con l’azione e parlando direttamente ai protagonisti. Dopo aver scoperto che diversi palermitani non hanno un buon ricordo dei due magistrati, Maresco si rivolge alla grande fotografa Letizia Battaglia, che lo accompagna nella città siciliana e nel disagiato quartiere ZEN. È proprio qui che Ciccio Mira, famigerato organizzatore di spettacoli e presentatore televisivo, allestisce un’esibizione di cantanti neomelodici in ricordo di Falcone e Borsellino, dove però nessuno – né gli artisti, né il produttore, né lo stesso Mira – ha intenzione di ricordare la loro lotta contro la mafia. Quando Maresco chiede ai diretti interessati se diranno qualcosa tipo “Abbasso la mafia”, tutti si nascondono dietro un generico “Non mi interessa”, e infatti lo show si trasforma in una baracconata nazionalpopolare che sembra fare contenti gli spettatori.

Maresco dipinge questo avvilente ritratto con l’ironia di un perenne disilluso, e chiaramente racconta solo una parte limitata di Palermo e della Sicilia, ma quantomeno ha il merito di introdurre un controcanto: la passione e la fiducia di Letizia Battaglia – evidente anche nel suo amore per il sindaco Leoluca Orlando, poco apprezzato dal regista – stemperano infatti la sua misantropia, o quantomeno offrono un punto di vista alternativo. Certo, questo non gli impedisce di costruire il suo irresistibile teatrino di figure surreali, che lui stesso trasforma in personaggi mettendone in risalto le caratteristiche più assurde. A dominare il tutto c’è ovviamente Ciccio Mira, subdolo maneggione che rimpiange la vecchia mafia e idolatra il Presidente Mattarella, mentre organizza spettacoli sia per i capi di Cosa Nostra sia per ricordare Falcone e Borsellino: insomma, l’emblema di quelle contraddizioni siciliane che Maresco ama denudare con il suo occhio satirico, mentre omertà e servilismo offuscano tutto il resto.

La mafia non è più quella di una volta riflette quindi lo sguardo del suo autore, eppure la presenza di Letizia Battaglia mitiga il disincanto, e Maresco concepisce il film come un omaggio alla sua figura esemplare (pur concedendosi una stoccata finale in territori più grotteschi). Si ride amaramente, prendendo coscienza di un malcostume talmente radicato da essere quasi inestirpabile. La speranza c’è, e risiede nei giovani che scendono in piazza per la Giornata della Legalità, ma il regista non sembra riporvi molta fiducia: preferisce infatti lasciarli fuori campo, o relegarli in poche inquadrature all’inizio e alla fine. Il suo cuore batte per l’incoerente, l’insensato, l’aberrante, ovvero ciò che si mette in ridicolo da solo, un po’ come la sua spassosa narrazione extradiegetica: un linguaggio volutamente artificioso ed enfatico, che dileggia la retorica di certa informazione giornalistica.

Un film da guardare senza alcun senso di superiorità (nonostante Maresco sia il primo a deridere i suoi “casi umani”), ma cercando quelle storture farsesche che riguardano tutti noi, a diversi livelli.

Cinema chiusi fino al 15 gennaio, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cinderella: Olivia Colman, Helena Bonham Carter, Anya Taylor-Joy nella pantomima prodotta da Richard Curtis 3 Dicembre 2020 - 21:56

Olivia Colman, Helena Bonham Carter e Anya Taylor-Joy protagoniste nella pantomima di Cinderella prodotta da Richard Curtis per BBC

Cynthia Erivo nel biopic di Sarah Forbes Bonetta, principessa “regalata” alla Regina Vittoria 3 Dicembre 2020 - 21:30

Un'incredibile storia vera, dimenticata dai libri di storia; Benedict Cumberbatch sarà il produttore esecutivo

House of The Dragon: un drago ritratto nei primi concept del prequel di Game of Thrones 3 Dicembre 2020 - 21:09

Prime immagini per House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones che racconterà la storia della Casa Targaryen.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.