L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Le Mans ’66: la recensione del film di James Mangold con Matt Damon e Christian Bale

Le Mans ’66: la recensione del film di James Mangold con Matt Damon e Christian Bale

Di Adriano Ercolani

Film dopo film, James Mangold sta diventando uno dei pochi cineasti “classici” rimasti in circolazione. E non si tratta tanto di approccio “integralista” al genere – il suo ultimo Logan era ad esempio chiaramente un western camuffato da film di supereroi – quanto di ritmo della narrazione. Nei suoi film Mangold prende tutto il tempo necessario perché oltre alla storia vengano sviluppati con pienezza anche l’arco narrativo dei personaggi principali e i loro rapporti. Le Mans ’66 si sviluppa con l’ampiezza e la precisione di un progetto d’altri tempi, dove insieme allo spettacolo delle corse automobilistiche contano anche le scene in cui i protagonisti costruiscono amicizia, fiducia reciproca, rispetto per il carattere e la volontà altrui. Un altro fattore che rende questo un film “classico” (termine complesso da adoperare ma non abusato in questo caso) è il modo in cui vengono delineati i caratteri. Sia il Carroll Shelby interpretato da Matt Damon che il Ken Miles di Christian Bale sono figure carismatiche, che possiedono difetti e rimorsi ma non zone d’ombra che mettono in discussine il loro status, la loro visione del mondo.

Un cast a dir poco ammirevole

Sotto questo punto di vista Le Mans ’66 è uno di quei film che se realizzati negli anni ‘40 o ‘50 avrebbero potuto essere interpretati da icone come John Wayne o Gary Cooper, tanto per rendere l’idea della portata del progetto. C’è un ordine morale nel lungometraggio di Mangold, un codice virile che accomuna compagni di team quanto gli avversari. A ben vedere il film parla di possedere una visione e cercare di tramutarla in realtà, che si tratti di Enzo Ferrari, Henry Ford II, dei piloti che corsero la 24 ore di Le Mans o dei meccani che glielo permisero. Non ci sono dicotomie concettuali o psicologiche che si contrastano, soltanto modi differenti di arrivare a un obiettivo comune. Per questo l’universo filmico che contiene storia e personaggi consente allo spettatore di godere in pieno uno spettacolo molto ben costruito, nell’estetica quanto nello sviluppo narrativo.

Per quanto riguarda le interpretazioni di un cast a dir poco ammirevole, ogni attore dimostra di aver capito l’epica e il respiro del film ed essersi immerso nel proprio ruolo di conseguenza. La misura e il timbro delle diverse performance è stato settato da Mangold con una coerenza molto rara da trovare anche in produzioni di questo genere. Dal momento che sarebbe fin troppo facile il carisma di Bale e Damon noi vogliamo invece applaudire la solidità di Jon Bernthal, sempre più capace di diventare “spalla” in grado di elevare la prova di colleghi oltre che la propria.

Cinema d’altri tempi

Cinema d’altri tempi quello di Le Mans ’66? Certo, e ben venga! Noi abbracciamo senza riserve un tipo di intrattenimento che allo spettacolo abbina il gusto pieno per la narrazione, non solo quella degli eventi ma anche (forse soprattutto) delle persone e dei rapporti umani che hanno permesso agli eventi stessi di accadere. È la materia di cui un film dovrebbe essere fatto…


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Julia Butters da C’era una volta a Hollywood al biopic di Spielberg 16 Giugno 2021 - 10:30

L'attrice, attualmente impegnata sul set di The Gray Man dei fratelli Russo, sarà la sorella del protagonista, ispirato a Steven Spielberg

Morbius farà parte del MCU? Secondo Tyrese Gibson sì, ma la Sony smentisce 16 Giugno 2021 - 10:09

Nelle ultime ore Morbius, il cinecomic con Jared Leto basato sull’omonimo vampiro della Marvel, è tornato alla ribalta.

Bullet Train – Sony fissa l’uscita americana per aprile 2022 16 Giugno 2021 - 9:45

Bullet Train, l'atteso action di David Leitch con Brad Pitt e altre star, uscirà l'8 aprile 2022 nelle sale americane, stesso giorno di Sonic 2 e The Northman.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.