L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Con il film di Downton Abbey si sfiora la perfezione, la nostra recensione

Con il film di Downton Abbey si sfiora la perfezione, la nostra recensione

Di Adriano Ercolani

Dichiariamolo subito a scanso di equivoci: Downton Abbey è il lungometraggio che davvero sfiora la perfezione. Scrivendo ciò intendiamo che ogni componente con cui è stato assemblato si incastra con le altre in maniera certosina, contribuendo a formare una sinfonia cinematografica dove la forma funziona da custodia preziosa per il contenuto. E da questo ci pare giusto partire: la storia scritta da Julian Fellowes sviluppa i personaggi e le situazioni già amati nello show televisivo ampliandoli e sviluppandone una dimensione più contemporanea, filtrata ovviamente attraverso gli stilemi e le coordinate del film in costume di tradizione britannica.

Un film che sfiora la perfezione

Downton Abbey è un’opera che parla infatti dell’importanza della tradizione eppure ha il coraggio di mettere in scena una piccola grande rivoluzione sociale. Sa mostrare la fierezza e la saggezza del passato ma parla di temi che riguardano il nostro presente. Fattore forse più importante di tutti, il film diretto da Michael Engler possiede un cuore pulsante, in cui ogni personaggio sviluppa il proprio arco narrativo con pienezza emotiva. Ed ecco allora che una classica storia di incontro, attrazione, garbato corteggiamento può diventare emozionante da vivere, e un bacio rubato in un momento di silenzio si trasforma nella scena più romantica vista sul grande schermo da tempo immemore. Downton Abbey non è semplicemente una riproposizione laccata di quanto abbiamo ammirato sul piccolo schermo: al contrario ne è un aggiornamento lucido, estremamente preciso, che regala profondità al progetto e lo proietta dentro il nostro presente e – perché no? – speriamo anche nel futuro.

Impareggiabile Maggie Smith

In una cast di attori che conosce a meraviglia il proprio ruolo ma sa anche come variarne le corde con minuzia magistrale, a svettare è la grande decana Maggie Smith, impareggiabile nel conferire alla sua Violet Crawley la classe, l’ironia caustica e la saggezza profonda dei migliori personaggi che il cinema britannico ha saputo regalarci nel corso degli anni. Downton Abbey possiede radici profonde, possenti. In un gioco di specchi quasi sorprendente, guardando questo lungometraggio più che la serie TV o il precedente Gosford Park di Robert Altman – che ricordiamo ha regalato a Fellowes l’Oscar per la sceneggiatura originale – a tornare alla mente è Quel che resta del giorno, capolavoro di James Ivory tratto dal bellissimo romanzo di Kazuo Ishiguro. Come in quel film anche in questo di Engles nella rappresentazione dei due mondi che si incontrano a prevalere è il sentimento, messo in scena in maniera ancor più potente se deve essere trattenuto a causa delle etichette e delle ferree regole sociali.

Una gioia per gli occhi e una boccata di aria fresca

Formalmente ineccepibile, Downton Abbey è un melodramma di raffinatezza e introspezione psicologica inusitate. Una gioia per gli occhi e una boccata di aria fresca per chi ha bisogno di emozionarsi grazie al racconto più potente: quello che parla di esseri umani.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Julia Butters da C’era una volta a Hollywood al biopic di Spielberg 16 Giugno 2021 - 10:30

L'attrice, attualmente impegnata sul set di The Gray Man dei fratelli Russo, sarà la sorella del protagonista, ispirato a Steven Spielberg

Morbius farà parte del MCU? Secondo Tyrese Gibson sì, ma la Sony smentisce 16 Giugno 2021 - 10:09

Nelle ultime ore Morbius, il cinecomic con Jared Leto basato sull’omonimo vampiro della Marvel, è tornato alla ribalta.

Bullet Train – Sony fissa l’uscita americana per aprile 2022 16 Giugno 2021 - 9:45

Bullet Train, l'atteso action di David Leitch con Brad Pitt e altre star, uscirà l'8 aprile 2022 nelle sale americane, stesso giorno di Sonic 2 e The Northman.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.