L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ariana Grande, Lana Del Rey e Miley Cyrus insieme per Charlie’s Angels

Ariana Grande, Lana Del Rey e Miley Cyrus insieme per Charlie’s Angels

Di Filippo Magnifico

Ariana Grande, Lana Del Rey e Miley Cyrus hanno unito le forze per Charlie’s Angels, il film diretto da Elizabeth Banks che riporta al cinema il celebre trio di agenti segrete. Le tre artiste hanno inciso un brano, intitolato “Don’t call me Angel” che sarà la main track della pellicola e farà parte della colonna sonora in arrivo il prossimo autunno. La canzone in questione, invece, verrà svelata al mondo il prossimo 13 settembre. Ecco l’annuncio.

Ed ecco anche un assaggio:

La Banks presta il volto a Bosley, il contatto fra Charlie e le agenti. La regista è anche co-sceneggiatrice insieme a Jay Basu (The Girl in the Spider’s Web), Doug Miro e Carlo Bernard (Narcos). Nel film vedremo una rete globale di Angeli che opera in tutto il pianeta.

Djimon Hounsou e Patrick Stewart interpreteranno altri due Bosley. Nel cast anche Luis Gerardo Méndez, Sam Claflin e Noah Centineo.

La trama

Le Charlie’s Angels hanno sempre messo a disposizione le loro abilità di investigazione e di security e ora l’agenzia Townsend si sta espandendo a livello internazionale con le donne più intelligenti, coraggiose e addestrate di tutto il pianeta: varie squadre di ‘Angeli’, guidate ciascuna da un Bosley, si fanno carico dei più difficili lavori in tutto il mondo. Quando un giovane ingegnere vuota il sacco su una pericolosa tecnologia, gli ‘Angeli’ entrano in azione mettendo a rischio le loro vite per la salvezza di tutti.

La produzione del film è curata da Elizabeth Banks e da suo marito Max Handelman con la loro Brownstone Productions; da Doug Belgrad, co-finanziatore con la sua 2.0 Entertainment; e da Elizabeth Cantillon. L’uscita è prevista per il prossimo novembre.

Un franchise diviso tra cinema e televisione

Il franchise Charlie’s Angels conta due serie tv e due film di successo (seppure affossati dalla critica). Lo show del 1976 era interpretato da Farrah Fawcett, Kate Jackson, Jaclyn Smith e David Doyle, mentre i due film – usciti nel 2000 e nel 2003 – vedevano nel cast Drew Barrymore, Cameron Diaz, Lucy Liu, Bill Murray e Bernie Mac (al posto di Murray nel secondo episodio). Nel 2011, la ABC aveva anche una nuova serie tv con Minka Kelly, Annie Ilonzeh e Rachael Taylor, cancellata durante la prima stagione.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.