About Endlessness, l’umanità in gabbia di Roy Andersson: la recensione da Venezia 76

About Endlessness, l’umanità in gabbia di Roy Andersson: la recensione da Venezia 76

Di Lorenzo Pedrazzi

Reduce dal Leone d’Oro per Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, Roy Andersson conferma la sua formula prediletta in About Endlessness, altro mosaico di tableu vivant che gettano uno sguardo sornione e disilluso sulle miserie dell’umanità.

Anche stavolta non c’è una trama unitaria, ma ogni singolo quadro – tutte inquadrature fisse in campo totale – racconta una piccola vicenda a se stante, che raramente ha un seguito nei tableau successivi. Ad attraversare il film, però, c’è la tragicomica vicenda di un prete che ha perso la fede, mentre una voce narrante femminile introduce ogni singolo personaggio con le stesse parole: “Ho visto un uomo/una donna che…”. Assistiamo quindi ai lamenti di un signore che invidia un suo vecchio compagno di scuola; a una scenata di gelosia davanti al bancone del pesce; al ritorno di una donna che non si aspetta di essere accolta in stazione; agli ultimi momenti di Adolf Hitler nel bunker; alla deportazione di alcuni prigionieri in un campo di concentramento; alla possibile infatuazione di un ragazzo che non ha mai conosciuto l’amore; a una dolorosa visita dal dentista; a un uomo che sogna di essere crocifisso; e molto altro. Intanto, una coppia fluttua abbracciata sui tetti di una città in rovina, chiaro riferimento al dipinto Sulla città di Marc Chagall.

About Endlessness

Andersson, insomma, ripropone la medesima impostazione narrativa dei suoi film precedenti, aggiungendo ulteriori elementi metafisici che rendono il tutto ancora più straniante, ma non privo di una certa vena poetica. Le gabbie che intrappolano i suoi personaggi non sono circoscritte solo dai limiti dell’inquadratura, ma anche da numerose barriere sociali e mentali che soffocano ogni tentativo di rapportarsi con l’altro: non a caso, spesso i tableau di About Endlessness sono caratterizzati da una radicale incomunicabilità, con uomini e donne che restano bloccati in frasi ripetitive senza ottenere alcun effetto sugli interlocutori.

È grottesco, a tratti persino buffo, ma soprattutto desolante. Ogni sequenza, indipendentemente dall’ambientazione interna o esterna, è immersa in un clima grigio che rievoca la luce del nord, e le scenografie austere col green screen contribuiscono a un senso di durezza e squallore. Forse le intuizioni sono meno brillanti rispetto al Piccione, ma Andersson trova sempre la chiave giusta per spiazzare il pubblico con le sue composizioni surreali, e l’esito finale rispecchia il declino di un’umanità chiusa in se stessa, vittima di eventi casuali che non può controllare. Forse l’unico sollievo è in quell’abbraccio volante, che si eleva oltre le pene del mondo e immagina il calore di una simbiosi fra i corpi: negli infiniti affanni della condizione umana, la libertà del sogno è la vera salvezza.

About Endlessness

LEGGI ANCHE

Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo: Kathleen Kennedy ammette i problemi del film 27 Novembre 2022 - 19:00

La presidente di Lucasfilm ha parlato del quarto capitolo di Indiana Jones, ammettendo che la storia non era abbastanza forte

Spider-Man 4 è già in pre-produzione? [RUMOR] 27 Novembre 2022 - 12:00

Le ultime indiscrezioni sostengono che Spider-Man 4 - non ancora annunciato ufficialmente - sia passato a una fase di pre-produzione più avanzata.

Cosmo incontra Lucky: ecco una foto tenerissima con i due cani Marvel! 27 Novembre 2022 - 10:15

Un cross-over canino: Cosmo (alias Slate) ha incontrato Jolt, il cane che interpreta Lucky the Pizza Dog nel Marvel Cinematic Universe!

Irene Cara è morta a 63 anni, aveva cantato Fame e Flashdance 27 Novembre 2022 - 9:16

L'attrice cantante Irene Cara è morta ieri a 63 anni nella sua casa in Florida, la causa della morte è ancora sconosciuta

Black Panther: 15 momenti pazzeschi nella sua storia a fumetti 9 Novembre 2022 - 12:41

Per l'uscita in sala di Wakanda Forever, ricordiamo perché, se vuole, il Black Panther a fumetti è in grado di prendere a calci pure Superman.

Ant-Man and the Wasp: Quantumania, il trailer spiegato a mia nonna 25 Ottobre 2022 - 14:45

Kang, il regno quantico e un altro bel casino cosmico causato da giovani che non sanno tenere le mani a posto, pare.

Boris 4, la recensione (senza spoiler) dei primi due episodi 24 Ottobre 2022 - 20:00

"L'algoritmo non deve neanche troppo rompere il c*zzo"

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI