L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
About Endlessness, l’umanità in gabbia di Roy Andersson: la recensione da Venezia 76

About Endlessness, l’umanità in gabbia di Roy Andersson: la recensione da Venezia 76

Di Lorenzo Pedrazzi

Reduce dal Leone d’Oro per Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, Roy Andersson conferma la sua formula prediletta in About Endlessness, altro mosaico di tableu vivant che gettano uno sguardo sornione e disilluso sulle miserie dell’umanità.

Anche stavolta non c’è una trama unitaria, ma ogni singolo quadro – tutte inquadrature fisse in campo totale – racconta una piccola vicenda a se stante, che raramente ha un seguito nei tableau successivi. Ad attraversare il film, però, c’è la tragicomica vicenda di un prete che ha perso la fede, mentre una voce narrante femminile introduce ogni singolo personaggio con le stesse parole: “Ho visto un uomo/una donna che…”. Assistiamo quindi ai lamenti di un signore che invidia un suo vecchio compagno di scuola; a una scenata di gelosia davanti al bancone del pesce; al ritorno di una donna che non si aspetta di essere accolta in stazione; agli ultimi momenti di Adolf Hitler nel bunker; alla deportazione di alcuni prigionieri in un campo di concentramento; alla possibile infatuazione di un ragazzo che non ha mai conosciuto l’amore; a una dolorosa visita dal dentista; a un uomo che sogna di essere crocifisso; e molto altro. Intanto, una coppia fluttua abbracciata sui tetti di una città in rovina, chiaro riferimento al dipinto Sulla città di Marc Chagall.

About Endlessness

Andersson, insomma, ripropone la medesima impostazione narrativa dei suoi film precedenti, aggiungendo ulteriori elementi metafisici che rendono il tutto ancora più straniante, ma non privo di una certa vena poetica. Le gabbie che intrappolano i suoi personaggi non sono circoscritte solo dai limiti dell’inquadratura, ma anche da numerose barriere sociali e mentali che soffocano ogni tentativo di rapportarsi con l’altro: non a caso, spesso i tableau di About Endlessness sono caratterizzati da una radicale incomunicabilità, con uomini e donne che restano bloccati in frasi ripetitive senza ottenere alcun effetto sugli interlocutori.

È grottesco, a tratti persino buffo, ma soprattutto desolante. Ogni sequenza, indipendentemente dall’ambientazione interna o esterna, è immersa in un clima grigio che rievoca la luce del nord, e le scenografie austere col green screen contribuiscono a un senso di durezza e squallore. Forse le intuizioni sono meno brillanti rispetto al Piccione, ma Andersson trova sempre la chiave giusta per spiazzare il pubblico con le sue composizioni surreali, e l’esito finale rispecchia il declino di un’umanità chiusa in se stessa, vittima di eventi casuali che non può controllare. Forse l’unico sollievo è in quell’abbraccio volante, che si eleva oltre le pene del mondo e immagina il calore di una simbiosi fra i corpi: negli infiniti affanni della condizione umana, la libertà del sogno è la vera salvezza.

About Endlessness

ScreenWeek sta seguendo l'edizione 2019 del Toronto International Film Festival. Segui QUESTO LINK per non perderti tutte le nostre recensioni in anteprima!
Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Le Mans ’66 – Si va in guerra nel nuovo trailer italiano 15 Settembre 2019 - 20:00

Le provocazioni di Ferrari e la realizzazione di un auto in grado di competere contro la casa automobilistica italiana nel nuovo trailer italiano di Le Mans '66

Black Narcissus – Nel cast Alessandro Nivola e Gemma Arterton 15 Settembre 2019 - 19:00

Alessandro Nivola e Gemma Arterton interpreteranno i protagonisti della miniserie di tre episodi Black Narcissus basata sul romanzo Narciso nero

El Gato Negro – Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ 15 Settembre 2019 - 18:00

Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ El Gato Negro, basato sul fumetto messicano creato da Richard Dominguez

La storia di Dune (FantaDoc) 12 Settembre 2019 - 16:28

Il lungo e tortuoso percorso che ha portato il Dune di David Lynch, con il suo cast pieno di stelle, a diventare un grandissimo successNO.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Lancillotto 008 11 Settembre 2019 - 12:15

Dare tutto un altro significato all'espressione "monkey business": gli scimpanzé agenti segreti di Lancillotto 008.

7 cose che forse non sapevate su George della Giungla, Superpollo e Tom Slick 10 Settembre 2019 - 16:58

"Tu parti con la liana ma poi non arrivi mai"... Ma le curiosità su George della giungla e i suoi sodali Superpollo e Tom Slick arrivano invece subito, eccole!