L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Perfect Candidate, la lotta di una donna per cambiare la società araba – La recensione da Venezia

The Perfect Candidate, la lotta di una donna per cambiare la società araba – La recensione da Venezia

Di Marco Triolo

Dopo La bicicletta verde, Haifaa Al-Mansour torna con The Perfect Candidate a raccontare una storia al femminile ambientata nella sua Arabia Saudita. Con qualche spunto interessante che ci permette di capire meglio un mondo distante, ma molto più complesso di quanto pensiamo e in costante mutamento.

Al centro del film c’è Maryam (Mila Al Zahrani), una dottoressa che opera nel pronto soccorso di una cittadina di provincia e sogna occasioni di lavoro migliori. Finché non perde un volo per Dubai e per un corso di specializzazione per lei molto importante. L’imprevisto la porterà a candidarsi per caso alle elezioni per il consiglio comunale. Maryam decide di prendere seriamente la cosa, sia per dimostrare che una donna può vincere le elezioni, sia per far asfaltare la stradina che porta al pronto soccorso e contribuire a salvare vite.

The Perfect Candidate

Un film ottimista

The Perfect Candidate è un film semplice e lineare, che porta avanti un tema preciso e lo sviscera lentamente. Utilizzando l’umorismo non solo per alleggerire circostanze altrimenti drammatiche, ma anche per mostrare la forza d’animo delle persone anche nelle realtà più soffocanti. Al-Mansour dipinge una galleria di personaggi che restano impressi: oltre a Maryam, suo padre, un musicista in partenza per un tour ambizioso, e le sorelle, tra cui una fotografa professionista. Tutti si muovono attraverso gli spiragli concessi da una società a maglie strette, che però si sta molto lentamente aprendo. Tutti intendono approfittare dei cambiamenti per migliorare la condizione propria e quella degli altri.

Ne esce un film smaccatamente ottimista. Senza rivelare troppo, la parabola di Maryam si fa portavoce del chiaro pensiero della regista: abbiamo fatto strada, ma di lavoro da fare ce n’è ancora tanto. In un momento in cui, in Occidente, stiamo dando per scontate tutte le conquiste fatte nell’ultimo secolo, osservare un punto di vista del genere ha un che di rinfrescante.

The Perfect Candidate

Ma The Perfect Candidate è prima di tutto un film riuscito, che sa farci immedesimare nella lotta della sua protagonista. E ci sprona a notare le similitudini tra le nostre società, più che sottolinearne le differenze. L’enfasi sull’utilizzo di internet come mezzo per ottenere informazioni utili è un elemento chiave per capire quanto ormai ogni nazione sia un pezzo di un unico puzzle. Tutti abbiamo qualcosa da imparare gli uni dagli altri. Basterebbe solo sapersi ascoltare senza pregiudizi.

Seguite tutti i nostri aggiornamenti dalla Mostra di Venezia 2019.

ScreenWeek sta seguendo l'edizione 2019 del Toronto International Film Festival. Segui QUESTO LINK per non perderti tutte le nostre recensioni in anteprima!
Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Le Mans ’66 – Si va in guerra nel nuovo trailer italiano 15 Settembre 2019 - 20:00

Le provocazioni di Ferrari e la realizzazione di un auto in grado di competere contro la casa automobilistica italiana nel nuovo trailer italiano di Le Mans '66

Black Narcissus – Nel cast Alessandro Nivola e Gemma Arterton 15 Settembre 2019 - 19:00

Alessandro Nivola e Gemma Arterton interpreteranno i protagonisti della miniserie di tre episodi Black Narcissus basata sul romanzo Narciso nero

El Gato Negro – Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ 15 Settembre 2019 - 18:00

Robert Rodriguez e Diego Boneta insieme per lo show di Apple TV+ El Gato Negro, basato sul fumetto messicano creato da Richard Dominguez

La storia di Dune (FantaDoc) 12 Settembre 2019 - 16:28

Il lungo e tortuoso percorso che ha portato il Dune di David Lynch, con il suo cast pieno di stelle, a diventare un grandissimo successNO.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Lancillotto 008 11 Settembre 2019 - 12:15

Dare tutto un altro significato all'espressione "monkey business": gli scimpanzé agenti segreti di Lancillotto 008.

7 cose che forse non sapevate su George della Giungla, Superpollo e Tom Slick 10 Settembre 2019 - 16:58

"Tu parti con la liana ma poi non arrivi mai"... Ma le curiosità su George della giungla e i suoi sodali Superpollo e Tom Slick arrivano invece subito, eccole!