L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King diventa un film

La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King diventa un film

Di Marco Triolo

La bambina che amava Tom Gordon sarà l’ennesimo romanzo di Stephen King ad approdare al cinema. Chris Romero, vedova del regista George A. Romero, farà squadra con il produttore di It, Roy LeeJon Berg di Vertigo Films e Ryan Silbert di Origin Story per portare il romanzo sul grande schermo. La ricerca di uno sceneggiatore è partita.

Romero, celebre per aver inventato i moderni zombie con La notte dei morti viventi, era stato coinvolto nel progetto anni fa. L’autore aveva già lavorato con King a Creepshow (che presto diventerà una serie) e La metà oscura. Tom Gordon è finito in stallo dopo la morte di Romero, nel 2017. La moglie del regista ha dunque proposto il progetto a Ryan Silbert e, insieme, i due hanno coinvolto Vertigo Films. La casa di produzione ha lavorato anche ai due capitoli di It e a Doctor Sleep, il sequel di Shining diretto da Mike Flanagan.

“Sono felice che il mio romanzo sia adattato sul grande schermo, e che la compagnia di George sia coinvolta”, ha dichiarato King. “Chris ha lavorato duramente e a lungo per realizzare questo progetto”.

La trama

La bambina che amava Tom Gordon racconta la storia di Trisha McFarland, una bambina che si perde durante un’escursione nei boschi insieme alla madre recentemente divorziata e al fratello. Sola e spaventata, la bambina di nove anni finisce per vagare nove giorni nei boschi, allontanandosi sempre più dalla civiltà. A poco a poco, sete, fame e stanchezza iniziano aprocurarle allucinazioni. Trisha si ritrova così a parlare con una serie di personaggi immaginari. Tra cui il suo idolo, un giocatore di basebell di nome Tom Gordon. A seguire la sinossi ufficiale del romanzo.

“Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare”. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco, alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: “Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria”. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.

Fonte: The Hollywood Reporter

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: nella serie su Cassian Andor ci saranno anche Obi-Wan Kenobi e Ahsoka Tano? 6 Marzo 2021 - 20:00

Alcuni interessanti rumor sulla serie live-action di Star Wars dedicata a Cassian Andor, le cui riprese sono attualmente in corso, hanno cominciato a circolare nel web.

Il cast di Chucky: ecco chi sfiderà in TV la Bambola Assassina 6 Marzo 2021 - 19:00

La serie sequel de La bambola assassina, creata da Don Mancini, ha scelto i teenager protagonisti

Prank Encounters: tornano gli scherzi da brivido di Gaten Matarazzo, il trailer della Stagione 2 6 Marzo 2021 - 18:00

Netflix ha diffuso il trailer della seconda stagione di Prank Encounters – Scherzi da brivido, la serie candid camera che vede la partecipazione di Gaten Matarazzo, aka il Dustin di Stranger Things.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.