L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
E poi c’è Katherine è perfetto nella sua semplicità, la recensione

E poi c’è Katherine è perfetto nella sua semplicità, la recensione

Di Filippo Magnifico

Il mondo dello spettacolo è spietato, lo sappiamo. Un giorno sei sulla vetta, quello dopo cadi rovinosamente. Katherine Newbury si trova esattamente a metà strada. Conduce un talk show notturno e il suo periodo d’oro è passato da un pezzo. Inoltre non è quella che si potrebbe definire una persona amabile. È spietata con il suo staff e su di lei girano voci che non sono di certo lusinghiere. Ad esempio, viene accusata di essere una “donna che odia le donne”. Proprio per questo decide di assumere Molly, una ragazza con pochissima esperienza, inserendola nella nella stanza degli scrittori del suo show. Ma le cose, come abbiamo già detto, non procedono nel migliore dei modi e Katherine si trova a dover fare i conti con gli ascolti bassi e un’azienda che vuole sostituirla con un comico che ha meno classe ma più followers. E oggi conta solo quello.

Un film semplice e al tempo stesso perfetto

Perfetto nella sua semplicità. Si potrebbe definire così E poi c’è Katherine (titolo originale Late Night), il film diretto da Nisha Ganatra e scritto da Mindy Kaling, comica e scrittrice statunitense nota per la sit-com The Mindy Project e per il suo lavoro nella sit-com della NBC The Office. Anche interprete nel ruolo dell’impacciata ma determinata Molly, la Kaling ha scritto una pellicola che affronta tematiche particolarmente attuali e importanti come il movimento #MeToo, l’uguaglianza sul posto di lavoro, il sessismo e la perdita della qualità dell’intrattenimento in funzione dei like. E lo ha fatto in maniera fresca e mai banale, attraverso dialoghi brillanti, personaggi credibili ma soprattutto la giusta dose di risate e sentimento.

trailer di late night cover

Un feel good movie classico e moderno

In un periodo in cui il nostro sguardo è anestetizzato da pellicole che offrono grandi spettacoli troppo spesso a discapito dei contenuti, fa decisamente piacere trovare un perfetto feel good movie, talmente classico che sembra arrivare direttamente da un’altra epoca, ma al tempo stesso profondamente calato nella nostra contemporaneità. E poi c’è Katherine parla della nostra società, portando sul grande schermo un mondo in cui i like dominano incontrastati e non rimanere al passo significa essere tagliati fuori.
Si può soccombere di fronte a tutto questo, scendere a compromessi, oppure combattere e dominare una bestia che, se trattata nel modo giusto, può regalare le sue soddisfazioni.

Un cast perfetto

Se il film funziona è merito della storia, è vero, ma anche – forse soprattutto – del cast. Impeccabile Mindy Kaling ma la regina incontrastata è senza ombra di dubbio Emma Thompson.
La Kaling ha ammesso di aver scritto il ruolo di Katherine Newbury pensando a lei e non potrebbe essere altrimenti. Quel personaggio le calza a pennello, con tutte le sue sfaccettature e la sua fragilità.
Attorno a loro si muove un gruppo di comprimari scelti con innegabile gusto, con una menzione speciale per il sempre impeccabile John Lithgow, nel ruolo del saggio marito di Katherin.

È un immenso piacere, in conclusione, constatare che il cinema non ha ancora smesso di regalarci storie in grado di conquistare per la loro semplicità.
Al giorno d’oggi sembra quasi una rarità, ma non dovrebbe essere così.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Godzilla Vs Kong: le nostre interviste al regista e al cast 7 Maggio 2021 - 14:15

Godzilla Vs. Kong è da ieri disponibile per l’acquisto e il noleggio digitale. Ecco le nostre interviste a Rebecca Hall, Eiza González, Demián Bichir e Adam Wingard.

Dave Bautista ha rifiutato un ruolo in The Suicide Squad per Army of The Dead 7 Maggio 2021 - 13:49

Dave Bautista rivela che James Gunn aveva scritto per lui un piccolo ruolo in The Suicide Squad ma ha dovuto rifiutarlo per recitare in Army of the Dead di Zack Snyder

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.