L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Scarlett Johansson risponde alle accuse dopo aver criticato i casting “politicamente corretti”

Scarlett Johansson risponde alle accuse dopo aver criticato i casting “politicamente corretti”

Di Lorenzo Pedrazzi

Un anno fa, Scarlett Johansson ha abbandonato il ruolo di Dante “Tex” Gill in Rub & Tug dopo le proteste della comunità LGBTQ+: Gill era infatti un uomo transgender, e il casting della diva americana dimostrava la scarsa attenzione di Hollywood per gli attori e le attrici transgender, che hanno poche opportunità di lavorare nell’industria. Johansson è recentemente tornata sull’argomento durante un’intervista con As If Magazine, nella quale sostiene che l’arte non dovrebbe avere limiti, e un attore dovrebbe essere libero di interpretare ogni ruolo:

Sapete, come attrice dovrei poter interpretare qualunque persona, albero o animale, perché quello è il mio lavoro, ed è ciò che il mio lavoro richiede. Mi pare che [il politicamente corretto] sia una tendenza nel mio ambiente, ed è necessario che accada per varie ragioni sociali, eppure talvolta risulta disagevole quando influisce sull’arte, perché credo che l’arte debba essere libera da restrizioni. Credo che la società sarebbe più connessa se permettesse a ognuno di avere i propri sentimenti, senza aspettarsi che tutti provino quelli che provano loro.

Com’era prevedibile, queste dichiarazioni sono state oggetto di molte critiche, e alcuni utenti di Twitter hanno rievocato persino Ghost in the Shell, dove Scarlett Johansson interpretava un personaggio che dovrebbe essere asiatico.

I tweet di protesta

La risposta di Scarlett Johansson

Di fronte a queste polemiche, Scarlett Johansson ha parzialmente ritrattato le sue dichiarazioni, sostenendo che siano state citate fuori dal loro contesto. Ecco ciò che ha detto a ET Canada:

Una mia recente intervista è stata modificata perché diventasse materiale da click bait, ed è stata completamente estrapolata dal contesto. La domanda a cui stavo rispondendo nella mia conversazione con l’artista contemporaneo David Salle riguardava il confronto tra arte e politicamente corretto. Credo personalmente che, in un mondo ideale, ogni attore dovrebbe poter interpretare chiunque, e l’arte, in tutte le forme, dovrebbe essere immune al politicamente corretto. Quello era il punto, sebbene non sia stato recepito in quel modo.

Riconosco che, in realtà, c’è un’ampia discrepanza nella mia industria che favorisce gli attori caucasici e cisgender, e non tutti gli attori hanno le opportunità che io ho avuto il privilegio di ricevere. Continuo a supportare – e l’ho sempre fatto – la diversità in ogni industria, e continuerò a combattere per progetti in cui tutti siano inclusi.

L’attrice, insomma, non ha smentito le sue dichiarazioni, ma ha voluto contestualizzarle in un discorso più ampio che fa riferimento a un mondo “ideale”. Non è però il mondo in cui viviamo, in effetti.

Fonte: Heroic Hollywood

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Michael Dougherty dirigerà la serie di Cabal e scriverà quella di Hellraiser 1 Ottobre 2020 - 9:00

Clive Barker rivela che Michael Dougherty dirigerà la serie tratta da Cabal, e conferma che sarà tra gli sceneggiatori di Hellraiser per HBO.

Ms. Marvel – L’esordiente Iman Vellani interpreterà Kamala Khan 30 Settembre 2020 - 21:30

L'esordiente Iman Vellani presterà il suo volto a Kamala Khan, la protagonista della serie Ms. Marvel dei Marvel Studios e Disney+

John Belushi rivive in un documentario Showtime, ecco il trailer 30 Settembre 2020 - 21:30

La troppo breve vita del protagonista di Blues Brothers in un docufilm con Dan Aykroyd, Jim Belushi, Ivan Reitman e tanti altri

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.