L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
7 COSE CHE FORSE NON SAPEVATE SU IL MAGO PANCIONE ETCÌ

7 COSE CHE FORSE NON SAPEVATE SU IL MAGO PANCIONE ETCÌ

Di DocManhattan

Strizzate un po’ gli occhi e lo vedrete apparire. Sì, anche senza bisogno dello starnuto che serve a evocarlo. Dalle nebbie dense d’affetto delle TV private dei primi anni ’80, Il mago pancione Etcì si è impresso nella memoria di una generazione, con la sua testa a pera, i baffi all’insù da Telegattone e i pistolotti da genio dal cuore buono (lo cantava del resto pure la sigla: “Sono il mago pancione… con un cuore così”). E allora ecco sette curiosità sul mago pancione Etcì, e potete leggerle anche se non vi siete beccati un raffreddore da aria condizionata. Pratico!

1. “GRANDE UOMO DIAVOLO”

Ideato dal solito Tatsuo Yoshida per la sua Tatsunoko, Il mago pancione Etcì è un anime andato in onda per la prima volta in Giappone, su Fuji TV, tra il 5 ottobre del 1969 e il 27 settembre del 1970, ogni domenica pomeriggio alle 18. Da noi le sue 52 puntate (ognuna divisa in due spezzoni da dieci minuti, per un totale quindi di 104 episodi) sono arrivate solo nell’83, sulle reti locali. Il titolo originale della serie è Hakushon Daimao: Hakushon è il nome del protagonista, mentre “Daimao” significa “il grande demone”, che in italiano sarebbe suonato in effetti leggermente strano per un genio della lampada bonaccione. Il nome del ragazzino aiutato da Etcì/Hakushon era frutto della fusione del nome vero giapponese e del suffisso vezzeggiativo chan usato per i bambini: Kan-chan (“il piccolo Kan”) divenne quindi in Italia Kanchan. Quello della figlia del mago, Akubi, venne tradotto alla lettera in Sbadiglio. A richiamare la ragazzina dispettosa era infatti proprio uno sbadiglio: alla madre serviva un singhiozzo, al padre uno starnuto. La fiera delle reazioni fisiche involontarie.

2. SBADIGLIO DA SOLA

Akubi/Sbadiglio è stata protagonista di due spin-off de Il mago pancione nel decennio scorso. Yobarete Tobidete! Akubi-chan, del 2001, e Akubi Girl, del 2006 (i cui episodi duravano solo un paio di minuti). In entrambi i casi, Akubi aiutava delle bambine in difficoltà e dallo sbadiglio facile. In Italia sono stati trasmessi su Hiro e poi Italia 1 da fine 2009, sempre con il titolo di Akubi Girl, con tanto di sigla di Cristina D’Avena.

3. UNA VITA PER IL CINEMA

In quanto personaggio storico della Tatsunoko, ancora molto amato nel Sol Levante da milioni di ex bambini, il mago pancione è apparso o è stato citato in diversi anime e film collegati. Nelle scene iniziali della trasposizione live action di Yattaman (Yattaman – Il film di Takashi Miike), ad esempio, tra le rovine del quartiere di Shibuya distrutto dalla battaglia si vede, oltre a una statua dell’Ape Magà, anche un poster con Sbadiglio. Etcì è citato anche nella serie di Yattaman del 2008 e in Abenobashi – Il quartiere commerciale di magia… o in un episodio dei Power Rangers.

4. ETCÌ, GLI USA E I POWER RANGERS

La solita Saban Entertainment realizzò nel ’92 un doppiaggio in inglese della serie del mago pancione, ribattezzandola Bob in a Bottle. Il mago divenne Bob, sua figlia Illana, Kan-chan Joey. La serie non venne trasmessa a quanto pare negli USA, ma in Canada, Australia e Nuova Zelanda, e poi tradotta in altre lingue (spagnolo, portoghese, tedesco…), come sarebbe successo nel ’95 con Honeybee Hutch, l’insalatona dell’Ape Magà made in Saban. L’anno dopo arrivarono i Mighty Morphin Power Rangers, e così in un episodio della prima serie (“I finti Power Rangers” / “A Bad Reflection on You”) è andata in scena un’autocitazione di casa Saban. Si intravede il cartone in TV e Bulk (Paul Schrier) dice che si tratta della sua serie animata preferita.

Mago Pancione tatsunoko vs capcom

5. ETCÌ VS CAPCOM

Il mago pancione è uno dei lottatori del videogioco Tatsunoko vs. Capcom: Cross Generation of Heroes, uscito in sala giochi e su Nintendo Wii in Giappone nel 2008. Quando però poco più di un anno dopo è arrivata la versione internazionale di quel picchiaduro, ribattezzata Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All-Stars e uscita anche in Europa (gennaio 2010), Etcì era sparito. Non tanto per una questione di scarsa popolarità nel mercato occidentale di riferimento, cioè gli USA, quanto perché poco apprezzato dai giocatori per il suo set di mosse. Il problema non era il personaggio in sé, quanto quella sua incarnazione specifica. Tanto che venne escluso anche dalla riedizione per il mercato nipponico di Ultimate All-Stars, che includeva i nuovi personaggi aggiunti per l’estero.

6. LA SIGLA E CELENTANO

La sigla italiana Il mago pancione Etcì è stata scritta da Mario Scotti – bassista che ha lavorato con decine di cantanti italiani, da Baglioni a Renato Zero – e cantata dai suoi figli, Andrea e Sabrina Scotti. L’altra faccia del 45 giri della RCA era dedicata alla sigla di Capitan Jet. Il testo de Il mago pancione Etcì cita la formula magica utilizzata nell’anime, “Aulì, aulè, tulilem blem blu”. Una filastrocca per bambini finita anche in un brano di Adriano Celentano del 1961, Aulì-Ulè (il lato B del singolo di 24.000 baci).

Mago Pancione live action dorama

7. STARNUTI IN CARNE E OSSA

Hakushon è stato protagonista di tutta una serie di spot e iniziative promozionali: nell’anime era ghiotto di hamburger, tanto per dirne una, per via di un cambiamento apportato all’ultimo secondo dalla Tatsunoko per accomodare le esigenze dello sponsor. Via le crocchette e dentro gli hamburger, come quelli surgelati della Marushin Foods.

Tra le tante iniziative legate al mago pancione non poteva perciò mancare la consacrazione definitiva tipica di quella macchina da guerra che in Giappone è il mondo dell’entertainment: la trasposizione live action, il dorama. Nel novembre del 2013 è andato in onda lo special televisivo Hakushon Daimao. In cui il protagonista era ovviamente interpretato, come da tradizione, da un attore-cantante-tarento di bella presenza completamente diverso e quindi sepolto sotto dieci chili di trucco, lattice e dentoni finti. In questo caso Shingo Murakami della idol band Kanjani Eight.

Dopo il Carletto interpretato dal leader degli Arashi, praticamente i Backstreet Boys nipponici, valeva tutto.

GLI ALTRI ARTICOLI DI AnimAzione DI DOCMANHATTAN

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Justice League – Joss Whedon non era stato scelto da Snyder per le riprese aggiuntive 29 Ottobre 2020 - 22:51

Per la prima volta Ray Fisher spiega in dettaglio come è nata la sua battaglia contro Joss Whedon e alcuni dirigenti della Warner, colpevoli di aver creare un ambiente tossico e razzista durante le riprese aggiuntive di Justice League

Mads Mikkelsen e Armie Hammer nella spy-story The Billion Dollar Spy 29 Ottobre 2020 - 21:30

Amma Asante dirigerà il film, basato sulla storia vera di un'amicizia che contribuì a porre fine alla Guerra Fredda

Jessica Chastain contro Anne Hathaway nel remake di Doppio sospetto 29 Ottobre 2020 - 20:45

Olivier Masset-Depasse, regista dell'originale, dirigerà le due attrici nel remake americano Mother's Instinct

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).