L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
X-Men vs. Fantastici 4 sarebbe stato basato su Civil War!

X-Men vs. Fantastici 4 sarebbe stato basato su Civil War!

Di Marco Triolo

Qualche giorno fa, è stato rivelato che Zack Stentz, lo sceneggiatore di X-Men – L’inizio e Thor, aveva lavorato allo script di un progettato crossover tra tutti i personaggi Marvel di proprietà Fox. Il film avrebbe dovuto essere diretto da Paul Greengrass, e avrebbe visto X-Men, Fantastici Quattro, Deadpool e Daredevil collaborare e/o scontrarsi. Ma poco altro si sapeva sulla trama. Ora emergono nuovi dettagli molto interessanti, grazie a The Hollywood Reporter.

LA TRAMA DI X-MEN VS. FANTASTIC FOUR

A quanto pare il film sarebbe stato basato sulla miniserie a fumetti Civil War ben prima (era il 2011) che i Marvel Studios la adattassero nel terzo Captain America. In questa versione della storia, sarebbe stato Johnny Storm, alias la Torcia Umana, a scatenare il conflitto per errore. Nel tentativo di combattere il villain Molecola, avrebbe lanciato una fiamma “nova” scavando un buco nel mezzo di Manhattan. Questo avrebbe portato all’atto di registrazione dei superumani, mettendo i supereroi gli uni contro gli altri.

Stando a The Hollywood Reporter, nel film avremmo visto una battaglia tra Wolverine e Reed Richards, alias Mr. Fantastic. Nella scena, quest’ultimo avrebbe allungato le mani fino alla larghezza di una molecola, per poi usarle come forbici e tagliare le braccia al mutante. Infine, il film si sarebbe concluso con un cliffhanger che avrebbe lanciato gli Skrull e un adattamento del ciclo Secret Invasion come sequel.

Curioso che proprio oggi siamo anche venuti a sapere che Fox intendeva introdurre gli Skrull in X-Men: Dark Phoenix. Evidentemente lo studio voleva davvero utilizzare gli alieni mutaforma, creati da Stan Lee e Jack Kirby sulle pagine di Fantastici Quattro. Ma i Marvel Studios li hanno infine battuti, introducendoli in Captain Marvel.

CONDANNATO AL FALLIMENTO

Indubbiamente questo film sarebbe risultato interessante e ambizioso. Ma è anche fuor di dubbio che avrebbe avuto una miriade di problemi. Primo fra tutti quella fretta di usare storyline famose che ha condannato anche X-Men: Dark Phoenix al fallimento. Per far sì che il pubblico soffra per la divisione tra gli eroi, bisogna che prima si affezioni a quei personaggi. Cosa che i Marvel Studios hanno capito perfettamente, realizzando Captain America: Civil War solamente all’inizio della Fase Tre del loro universo.

Non perdere il nostro canale ScreenWeek TV su YouTube. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Awkwafina e Sam Rockwell doppieranno The Bad Guys della DreamWorks 31 Luglio 2021 - 19:00

DreamWorks ha annunciato i doppiatori, tra cui Awkwafina e Sam Rockwell, del lungometraggio animato The Bad Guys in arrivo nel 2022.

Peacock, la piattaforma streaming di NBCUniversal, arriva in Italia su Sky 31 Luglio 2021 - 18:00

La programmazione di Peacock sarà disponibile per tutti gli abbonati Sky senza costi aggiuntivi

Russell Crowe dirigere il thriller Poker Face 31 Luglio 2021 - 17:00

Dopo The Water Diviner Russell Crowe torna dietro la macchina da presa per dirigere il thriller Poker Face con Liam Hemsworth, RZA ed Elsa Pataky

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.