L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Star Wars VS Aquaman 2: chi vincerà la sfida natalizia del futuro?

Star Wars VS Aquaman 2: chi vincerà la sfida natalizia del futuro?

Di Matioski

Il 18 dicembre 2019 segnerà l’arrivo nelle sale di Star Wars: l’Ascesa di Skywalker, l’ultimo Episodio della saga creata da George Lucas. Il film dovrebbe segnare il termine della linea narrativa principale, ponendo termine alla millenaria lotta tra Jedi e Sith. La famosa space-opera abbandonerà poi il grande schermo per qualche anno, approdando sui lidi televisivi.

Per rivedere Star Wars al cinema, infatti, gli spettatori dovranno attendere il 16 dicembre 2022. Il soggetto della nuova trilogia è ancora incerto. Ad occuparsene saranno David Benioff e D.B. Weiss, i due showrunner della popolarissima serie Game of Thrones. Nonostante la ricezione mista dell’ottava stagione, che potrebbe portare la Lucasfilm a ridefinire i piani, attualmente la data rimane confermata.

16 dicembre 2022, appunto. Una data già occupata dal sequel di un altro grande blockbuster, capace di sbaragliare la concorrenza nella stagione natalizia 2018 fino a superare il milione di dollari di incassi. Stiamo parlando di Aquaman 2, il nuovo capitolo del franchise che vede come protagonista il supereroe atlantideo interpretato da Jason Momoa.

Quella che si prospetta è una sfida spietata all’ultimo centesimo. I franchise di Star Wars e Aquaman sono appetibili per la stessa fascia di pubblico. Entrambi hanno l’ambizione e la concreta possibilità di sbancare il box-office. Lo scontro diretto proclamerà un vincitore assoluto, oppure danneggerà entrambi? Chi la spunterà? La Disney, oppure la Warner/DC?

I precedenti storici

Se state avendo un deja-vu, non siete i soli. Una situazione simile si verificò nel 2016, quando la data del 6 maggio venne scelta come giorno di rilascio sia di Batman V Superman, ché di Captain America: Civil War. In quel caso, il duello non si concretizzò. Fu la Warner/DC a capitolare, anticipando l’arrivo del suo lungometraggio nelle sale.

Possiamo attenderci un risultato simile anche per quanto riguarda la rivalità tra Star Wars e Aquaman 2. Per quanto sia suggestivo immaginare una lotta aspra tra le varie major, pronte a schiacciare qualunque avversario si ponga sul loro cammino, la realtà è ben diversa. L’obiettivo delle case di produzione è uno solo: il massimo guadagno. Per perseguirlo, uno scontro frontale tra due pellicole con lo stesso bacino d’utenza appare decisamente ingiustificato.

Il recente passato insegna che una stagione natalizia particolarmente congestionata non porta buoni risultati per tutti i contendenti scesi in campo. Il dicembre 2018 ha visto sì il grande trionfo di Aquaman al box-office, ma anche il flop dell’atteso Mary Poppins – Il Ritorno. Bumblebee, rilasciato sempre nello stesso periodo, è rientrato nei costi ottenendo il beneplacito di pubblico e critica, ma ha rappresentato un netto calo degli incassi della saga robotica.

Possiamo dunque affermare già da ora, con una certezza quasi matematica, ché lo scontro tra Star Wars e Aquaman 2 non avverrà. Almeno al box-office. Quella che si sta delineando è, difatti, una sfida psicologica. Una guerra fredda tra le due major. Disney VS Warner/DC: chi capitolerà per prima, rinunciando alla succulenta finestra natalizia? Ma soprattutto…

Chi vincerà?

Il vincitore designato è Star Wars.

Il franchise ambientato nella saga lontana lontana sta vivendo un momento decisamente complicato. Gli Ultimi Jedi è stato un grande successo ai botteghini, ma ha spaccato a metà il fandom. Una divisione che è costata cara a Solo: A Star Wars Story, il primo flop nella storia del brand. Star Wars: l’Ascesa di Skywalker sarà decisivo per ristabilire la buona nomea di Guerre Stellari, e per riunire gli spettatori sotto un solo vessillo.

Al contempo, i risultati di Aquaman sono andati oltre più rosea previsione, rilanciando le quotazioni dell’universo supereroistico DC al cinema. Oltre all’ufficializzazione immediata del sequel, sembra sicura la realizzazione di uno spin-off dedicato ai mostruosi Trench. Sulla carta, dunque, il film con protagonista Jason Momoa sembra poggiare su basi più solide rispetto alla nuova trilogia di Star Wars capeggiata da Benioff e Weiss.

Nonostante questo svantaggio ai nastri di partenza, negli ultimi anni la data di uscita natalizia è stata legata indissolubilmente alle fortune della saga ambientata nella galassia lontana lontana. A cominciare da Il Risveglio della Forza, la Disney ha unito con un filo sottile Star Wars alle festività invernali. Cambiare le abitudini del pubblico potrebbe rivelarsi una mossa azzardata. A provarlo, l’inatteso insuccesso del già menzionato Solo: A Star Wars Story, arrivato nei cinema a maggio. Una collocazione inconsueta, e che ha costituito uno dei tanti fattori determinanti nel flop del film dedicato al contrabbandiere spaziale.

A spostare l’ago della bilancia verso Star Wars è poi un fattore determinante: Avatar. I quattro sequel del grande successo di James Cameron arriveranno in sala nei mesi di dicembre 2021, 2023, 2025 e 2027. La stagione cinematografica natalizia, dunque, sarà protagonista dell’alternanza bi-annuale tra i nuovi film di Avatar, e i capitoli della nuova trilogia di Guerre Stellari, previsti per dicembre 2022, 2024 e 2026. Quello della Disney è, insomma, un piano a lungo termine per conquistare il Natale.

Conclusioni

Tutti gli elementi portano a una sola conclusione: Aquaman 2 dovrà capitolare. Difficilmente la Disney vorrà rinunciare a una finestra temporale di cui si è assicurata il possesso per molti anni a venire. Peraltro, se le sorti di Star Wars sembrano legate inscindibilmente al Natale, i cinecomic si stanno rivelando proficui in tutte le stagioni. Il film con protagonista Jason Momoa fa riferimento ad un immaginario tipicamente estivo, ma potrebbe trovare terreno fertile anche in altre festività, compreso il Giorno del Ringraziamento.

L’eventuale testardaggine della Warner negherebbe molteplici leggi di marketing. Entrambi i film possono ottenere grande successo senza schiacciarsi i piedi a vicenda. Specie perché, tra i due contendenti, potrebbe emergere un terzo sfidante a sorpresa. La stessa sorpresa che ha decretato il successo di Aquaman nella stagione natalizia 2018, una delle più congestionate nella memoria recente.

Le nostre conclusioni si riveleranno corrette, oppure prevarrà la tentazione di fronteggiarsi sullo stesso terreno di gioco? Lo scopriremo molto presto. In ogni caso, l’eventuale spostamento di Aquaman 2 non dovrà essere letto come un insuccesso, ma come una mossa avveduta. Una ossa che potrebbe portare il supereroe atlantideo a superare Star Wars nella classifica degli incassi del 2022. Star Wars potrebbe vincere una battaglia, ma forse non la guerra.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Alex Kurtzman ha esteso il suo contratto con CBS Studios fino al 2026 1 Agosto 2021 - 19:06

Alex Kurtzman rimarrà a capo dell'universo di Star Trek per altri sei anni, dopo il rinnovo del suo contratto con CBS Studios

Il revival di Criminal Minds su Paramount+ forse non si farà 1 Agosto 2021 - 19:00

Lo ha rivelato su Twitter la star della serie originale Paget Brewster

Stallone ha un nuovo anello fortunato… Expendables 4 si avvicina! 1 Agosto 2021 - 17:00

Il protagonista e creatore del franchise ha postato su Instagram la foto del nuovo anello del suo Barney Ross. Ci siamo?

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.