L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ron Howard ammette degli errori nel film La Torre Nera

Ron Howard ammette degli errori nel film La Torre Nera

Di Marlen Vazzoler

LEGGI ANCHE: Sam Strike nei panni di Roland e Jasper Pääkkönen nel pilot di La Torre Nera di Amazon

L’adattamento cinematografico di La Torre Nera, basato sull’omonima saga di Stephen King, non è stato particolarmente apprezzato né dalla critica né dagli spettatori.

Il produttore Ron Howard ha recentemente ammesso che sono stati fatti degli errori in questo adattamento dove l’attenzione si sposta dal protagonista principale Roland a Jake:

“Penso che dovrebbe essere stato un horror. Credo che all’improvviso si sia reputato – sia nella nostra mente che in quella dello studio – che poteva essere un PG-13 e una sorta di avventura su un ragazzo…

Penso che davvero abbiamo fatto un errore, non – voglio dire, non sono sicuro che avremmo potuto fare questo film, ma credo che avremmo potuto farlo più oscuro, con un aspetto più hard-boiled e con un maggior studio del personaggio del Pistolero rispetto a Jake.

Penso che in retrospettiva sarebbe stato più eccitante. Ci siamo sempre sentiti come se stessimo trattenendo qualcosa, e penso che alla fine si sia trattato di questo”.

Doveva essere una serie tv

Nella sua intervista con Happy Sad Confused Podcast, per la promozione del documentario Pavarotti, Howard ha aggiunto che avrebbero potuto approcciare meglio il materiale con una serie televisiva piuttosto che con un film:

“Un’altra cosa sarebbe stato adattarlo direttamente per la televisione.
Spiacevole perché ci ho messo molto di me stesso, e a volte queste cose accadono in questi progetti dove tutti hanno le migliori intenzioni – tu spingi in una direzione, e poi dici ‘Era la direzione giusta?’

E non direi che è stato tutto un compromesso. Penso che sia dovuto all’aver ascoltato troppo quello che pensi che il mercato chiede, invece dell’essenza di quello che ci stava dando Stephen King”.

Il progetto comprendeva anche una serie televisiva prodotta alla HBO, ma che sarebbe dovuta entrare in produzione dopo il film. L’incasso non esaltante della pellicola naturalmente ne ha impedito la produzione.

Il prossimo anno arriverà su Amazon una serie tv che farà da prequel al film del 2017, incentrata su Roland, chissà se questa volta il team creativo è riuscito a cogliere l’essenza della storia.

Fonte Happy Sad Confused

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cruella: rinviata l’uscita del film Disney su Crudelia De Mon 21 Agosto 2019 - 10:43

Cruella, il film Disney che racconterà le origini della perfida Crudelia De Mon, interpretata da Emma Stone, arriverà nelle sale con un po’ di ritardo sulla tabella di marcia.

Il futuro di Spider-Man – Interviene la Sony con un comunicato: “Siamo delusi” 21 Agosto 2019 - 9:46

Nelle ultime ore si è molto parlato del futuro di Spider-Man sul grande schermo. Ora interviene la Sony, con un comunicato che suona piuttosto duro.

La Universal farà uscire lo spy-thriller 355 con Lupita Nyong’o e Jessica Chastain nel gennaio 2021 21 Agosto 2019 - 2:59

Nel cast tutto al femminile ci sono anche Marion Cotillard, Penélope Cruz, Diane Kruger. Alla regia Simon Kinberg.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.

StreamWeek: l’ombra del male si allunga con The Terror e Mindhunter 19 Agosto 2019 - 12:05

Mindhunter, The Terror e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

Corto Circuito (FantaDoc) 16 Agosto 2019 - 10:11

C'erano una ragazza, un robot, un finto indiano e la febbre del sabato sera... La storia di Corto Circuito.