L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Un reboot di Ally McBeal? “Solo se scritto da una donna”

Un reboot di Ally McBeal? “Solo se scritto da una donna”

Di Marco Triolo

Ally McBeal era decisamente una serie avanti, rispetto agli anni in cui veniva trasmessa. A fine anni ’90, già trattava temi – molestie sessuali e discriminazione di genere sul lavoro – che oggi sono all’ordine del giorno. Specie nella cultura hollywoodiana post movimento Me Too. Un revival/reboot non sarebbe dunque assolutamente fuori posto, nel panorama della televisione americana odierna.

David E. Kelley, creatore della serie, non ha per ora alcuna intenzione di tornare al mondo di Ally McBeal. Dopotutto ha i suoi bei progetti in ballo, dalla seconda stagione di Big Little Lies a The Undoing. Ma non esclude che qualcun altro possa realizzarlo. Chiunque sia, avrà la sua benedizione, ma a una condizione: che si tratti di una donna.

“Credo che Ally McBeal, in seguito ai movimenti Me Too e Time’s Up, sarebbe ancora più rilevante”, ha dichiarato Kelley ai microfoni di Variety. “Non mi opporrei certo a un suo ritorno. Ma penso che, se mai dovesse essere rilanciato, dovrebbe essere realizzato da qualcun altro, preferibilmente una donna”.

Ally McBeal è andata in onda dal 1997 al 2002, lanciando la carriera di Calista Flockhart e, tra le altre cose, contribuendo a rilanciare quella di Robert Downey Jr. La serie ha vinto quattro Golden Globe (tra cui uno a Flockhart e uno a Downey) e due Primetime Emmy.

NON SOLO ALLY MCBEAL

Non si tratta dell’unica sua creazione che Kelley vedrebbe bene nell’attuale clima culturale e politico. Anche un reboot di Boston Legal, la serie con James Spader andata in onda dal 2004 al 2008, sarebbe perfetto, secondo lui, nella Washington dell’era Trump. “Boston Legal, nell’attuale realtà di Washington, darebbe molti frutti. Quella serie mi manca, ma non ho la spinta per tornare a lavorarci”.

Non perdere il nostro canale ScreenWeek TV su YouTube. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Destino Oscuro – Sarah Connor in azione nella nuova clip 14 Ottobre 2019 - 22:00

La nuova clip di Terminator: Destino Oscuro, il prossimo capitolo della saga lanciata da James Cameron negli anni ’80, mostra il ritorno di Sarah Connor.

This Is Us 4: nel cast anche Austin Abrams di Euphoria 14 Ottobre 2019 - 21:30

L'attore interpreterà un ragazzo che inizia una relazione con Kate negli anni '90

Justice League: i baffi di Superman rivelati in una foto dietro le quinte 14 Ottobre 2019 - 20:45

Ecco Henry Cavill con i baffi sul set del film di Joss Whedon

StreamWeek: le ultime miglia di Jesse Pinkman in El Camino 14 Ottobre 2019 - 13:07

El Camino, The Front Runner, Bohemian Rhapsody, Shazam e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

Mortal Kombat, il film (FantaDoc) 10 Ottobre 2019 - 13:45

Quella volta in cui Mortal Kombat ha stracciato Street Fighter grazie alla generosità di Christopher Lambert...

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Le avventure del giovane Indiana Jones 9 Ottobre 2019 - 15:38

Le avventure del giovane Indiana Jones: quando, negli anni 90, in TV c'erano quattro Indiana Jones diversi, di tutte le età...