L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Perché gli zombie movie non moriranno mai

Perché gli zombie movie non moriranno mai

Di Filippo Magnifico

Presenti da più di 80 anni sul grande schermo, i morti viventi, meglio conosciuti come zombie, non sembrano avere alcuna voglia di andarsene. Come potrebbero del resto? Loro stessi rappresentano, al di là delle numerose connotazioni politiche che gli sono state attribuite nel corso degli anni, l’attaccamento ad un qualcosa (la vita) in grado di andare oltre la fine di ogni cosa terrena.

Allo stesso modo dei loro protagonisti, i cosiddetti “zombie movie” non sono mai morti, si sono evoluti nel corso del tempo, espandendosi come un virus e penetrando all’interno di ambienti diversi, come la televisione e la letteratura.

I morti non muoiono, l’ultima fatica di Jim Jarmusch, arriva oggi nelle sale italiane e noi per l’occasione abbiamo deciso di ripercorrere la storia degli zombie sul grande schermo, a partire dagli anni ’30 fino ad oggi…

L’INIZIO DEL CONTAGIO

Il primo film ad affrontare l’argomento risale al lontano 1932. Si tratta de L’isola degli Zombi (titolo originale White Zombie), diretto da Victor Halperin e interpretato dal grande Bela Lugosi, reduce del successo del Dracula di Tod Browning. Una pellicola che, rivista oggi, può risultare ingenua e che presenta una figura di zombie decisamente diversa da quella a cui siamo abituati, che trae la sua ispirazione dalla tradizione culturale del voodoo haitiano. Nonostante l’incedere lento ed inesorabile e l’apparente invulnerabilità alle armi da fuoco, i “morti viventi” in questo film vivono in una sorta di trance, sospesi tra la vita e la morte (un tema che è stato anche affrontato in epoca più recente da Wes Craven nel suo Il Serpente e l’Arcobaleno).

Un ulteriore passo avanti, sicuramente caratterizzato da una maggiore classe, si nota in Ho camminato con uno zombie, pellicola del 1943 diretta da Jacques Tourneur e prodotta dalla RKO Pictures. A differenza della Universal Pictures, che ha sfornato alcuni dei più famosi classici del cinema di genere, la RKO non aveva a disposizione alti budget, ma è riuscita a fare di necessità virtù, proponendoci dei film all’interno dei quali è l’atmosfera a regnare sovrana e la paura è dettata dal non visto.

La sua incursione nel mondo degli zombi l’ha fatta anche Ed Wood, il peggior regista che il cinema abbia mai conosciuto, con il famosissimo Plan 9 from Outer Space, considerato da molti – e a ragione – il film più brutto della storia del cinema.
Fondendo la cultura voodoo con il cinema fantascientifico, questa pellicola racconta la storia di uno strampalato gruppo di extraterrestri, che per soggiogare la razza umana decide di riportare in vita i morti. A questo film, e più in generale a tutta l’opera di questo regista, Tim Burton ha dedicato una pellicola, Ed Wood, nel 1994.

L’ARRIVO DI GEORGE ROMERO

Ma è verso la fine degli anni ‘60 che si comincia a fare sul serio. È proprio in quegli anni che un regista appena 27enne decide, con l’aiuto di alcuni amici e colleghi, di realizzare un horror in grado di andare oltre tutto quello che il cinema di genere del periodo era in grado di offrire. Una pellicola estrema, capace di riflettere il caos e le incertezze di un’intera società, trapiantando l’orrore all’interno di quelle istituzioni, come la famiglia, considerate sacre. Quell’uomo era George Romero.
Con un budget limitatissimo e dei tempi di riprese dilatati all’inverosimile, sfruttando i weekend e i ritagli di tempo, questo regista ha girato nel 1968 una delle pietre miliari della storia del cinema horror (e non solo): La Notte dei Morti Viventi. Una pellicola che si è posta come spartiacque, creando una figura di morto vivente (la parola “zombie” non viene mai usata all’interno di questa storia) che è durata fino ad oggi.
Nessun trance, i morti questa volta riemergono sul serio dal loro sonno eterno (per cause non meglio specificate) e si presentano di fronte alla macchina da presa decomposti e, soprattutto, affamati di carne umana!

Romero ha continuato per lungo tempo a raccontarci le storie di un pianeta, il nostro, sconvolto da questa nuova piaga, con una serie di sequel che seguiranno un’evoluzione costante, arrivando nel 2005, con La Terra dei Morti Viventi, ad un vero e proprio ribaltamento dei ruoli, molto vicino alla storia raccontata nel romanzo Io sono Leggenda di Richard Matheson (che il regista ha sempre citato tra le sue fonti di ispirazione).

GLI ZOMBIE IN ITALIA

È in Italia cosa è successo?
Anche noi abbiamo la nostra tradizione di zombie movie che, per certi versi, ha dettato delle regole e ispirato pellicole come Planet Terror di Robert Rodriguez. Il riferimento è ovviamente a quel nome che ha reso glorioso il cinema horror italiano, proponendo un tipo di morto vivente in grado di fondere il tema del voodoo con le atmosfere di Romero: il compianto Lucio Fulci.
Con i suoi horror ricchi di barocchismi, votati più alla suggestione delle immagini che alla trama, questo regista è riuscito ad imporsi all’attenzione di tutto il mondo, proponendo pellicole che, come troppo spesso accade, sono considerate più all’estero che in patria.

Si parlava di film che da un certo punto di vista hanno dettato le regole di un genere, definizione che si addice alla perfezione a Zombi 2, pellicola datata 1979, che rappresenta la prima esperienza con il cinema di genere per Fulci, che prima di allora aveva diretto prevalentemente commedie e thriller.
Sfruttando il successo ottenuto da Zombi di George Romero, con il quale non ha niente a che fare a parte il nome, Lucio Fulci è riuscito a concretizzare una nuova visione del morto vivente, che questa volta assume le fattezze di un essere decisamente più ripugnante rispetto a quelli apparsi all’interno dei precedenti film di questo filone. Il merito è anche degli splendidi effetti speciali di Giannetto De Rossi, che ha collaborato in più di un’occasione con questo regista dando vita a scene di estrema violenza, che continuano ancora oggi ad essere omaggiate.

Fulci ha continuato ad affrontare tematiche simili in pellicole come Paura nella città dei morti viventi e …E tu vivrai nel terrore! L’aldilà, diventando un esempio per altri registi, sempre italiani, che in quegli anni si sono cimentati con il genere, con risultati altalenanti. Se da un lato ci sono infatti pellicole che sarebbe meglio dimenticare, come Zombi Holocaust di Marino Girolami, è anche vero che ce ne sono altre, come Zeder di Pupi Avati, che si ricordano con estremo piacere.
Una di queste è Incubo sulla città contaminata, diretta nel 1980 da Umberto Lenzi. Anche se in questo caso non si tratta di veri e propri zombi (i mostri sono in realtà esseri umani colpiti da radiazioni), questo titolo è stato il primo ad inserire una piccola e ulteriore variante all’interno degli zombie movie, ispirando pellicole come 28 Giorni Dopo di Danny Boyle. All’interno di questo film, infatti, i morti viventi sono esseri agili, aggressivi, veloci nei movimenti.

ORRORE MA ANCHE RISATE

Quelle di cui abbiamo parlato finora sono, bene o male, pellicole nei confronti delle quali tutti gli zombi movie recenti sono in qualche modo debitori. Negli ultimi anni i morti viventi hanno trovato una nuova vita sul grande schermo, grazie a titoli come [Rec], La Horde, Resident Evil (in questo caso anche il videogioco da cui è tratto il film deve molto alle opere citate durante questo percorso).

Esistono poi pellicole che hanno contaminato ulteriormente il genere, fondendolo con la commedia. A cominciare da Il ritorno dei morti viventi, fino a L’alba dei morti dementi, Warm Bodies, Zombieland, Manuale scout per l’apocalisse zombie, Zombie Strippers e Life After Beth. I morti viventi ci hanno dimostrato che si può benissimo ridere del lato più misterioso della nostra esistenza.

L’ultimo esempio di film che unisce i morti viventi alle risate è I morti non muoiono, la commedia zombie di Jim Jarmusch che ha aperto il Festival di Cannes 2019 (QUI trovate la nostra recensione).

Nel cast grandi nomi come Bill Murray, Adam Driver, Tilda Swinton, Chloë Sevigny, Carol Kane, Steve Buscemi, Tom Waits, Selena Gomez, Austin Butler, Danny Glover, Caleb Landry Jones, Luka Sabbat, Rosie Perez, RZA e Iggy Pop.

L’ultima (per il momento) tappa di un percorso che durerà per molto tempo ancora. Del resto se non è riuscita la morte a fermare gli zombie, chi altro potrebbe farlo?

LEGGI ANCHE:

Da Dead Man a I morti non muoiono, la vita (e la morte) secondo Jim Jarmusch

In attesa de I Morti non Muoiono, le migliori Commedie Horror

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shia LaBeouf e Vanessa Kirby protagonisti di Pieces of a Woman 23 Ottobre 2019 - 20:30

Le due star saranno protagoniste del dramma diretto dall'ungherese Kornél Mundruczó

Adventure Time: quattro nuovi speciali in arrivo su HBO Max 23 Ottobre 2019 - 20:04

La serie animata creata da Pendleton Ward tornerà in streaming

La rapper Cardi B avrà un ruolo in Fast & Furious 9 23 Ottobre 2019 - 20:00

Presenti da più di 80 anni sul grande schermo, i morti viventi, meglio conosciuti come zombie, non sembrano avere alcuna voglia di andarsene. Come potrebbero del resto? Loro stessi rappresentano, al di là delle numerose connotazioni politiche che gli sono state attribuite nel corso degli anni, l’attaccamento ad un qualcosa (la vita) in grado di […]

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – UFO 23 Ottobre 2019 - 12:00

UFO, la storia di come il papà dei Thunderbirds ha immaginato un futuro pieno di parrucche viola.

Galline in Fuga 2: il sequel del film Aardman sta per diventare realtà! 22 Ottobre 2019 - 15:30

Galline in Fuga 2, sequel del film animato in stop-motion del 2000, è entrato ufficialmente in fase di post-produzione! La Aardman riuscirà a riportare in auge il brand, oppure si tratta di un tentativo fuori tempo massimo?

7 cose che forse non sapevate su Hello Sandybell! 22 Ottobre 2019 - 10:00

La cugina giapposcozzese di Pippi Calzelunghe, Lost in Translation e gli schiaffi da censura. Sette curiosità su Hello Sandybell.