L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Neon Genesis Evangelion: La guida alla visione

Neon Genesis Evangelion: La guida alla visione

Di Andrea Suatoni

Con l’arrivo della serie animata Neon Genesis Evangelion su Netflix, le pagine social della piattaforma online sono state bombardate da una lunghissima serie di commenti negativi riguardo al nuovo doppiaggio italiano effettuato, sicuramente non all’altezza delle aspettative riguardo un’opera così amata ed apprezzata come quella di Hideaki Anno.

Proprio oggi il doppiaggio italiano è stato eliminato da Netflix, in vista di una revisione che possa restituire decoro ad Evangelion; nel frattempo, i fan potranno godere dei 26 episodi della serie regolare e dei due film che ne riscrivono il finale in lingua originale giapponese ( o a scelta in francese, spagnolo, inglese o tedesco) con sottotitoli in italiano.

CANON E NON CANON

In relazione alla versione canonica di Evangelion però, bisogna distinguere fra 3 diverse linee narrative differenti: la prima è quella descritta dalla sola serie regolare dello studio Gainax, che al tempo descrisse un finale non in linea con quanto programmato all’inizio; la seconda è quella cosidetta “ufficiale”, che tramite i due film usciti al cinema tempo dopo (e presenti anche questi su Netflix) riscrive un vero e proprio finale per la storia; la terza è invece una sorta di “What/If”, che in 4 pellicole cinematografiche (l’ultima di queste deve ancora vedere la luce al cinema) riscrive dall’inizio una storia alternativa che secondo alcuni potrebbe essere unita in qualche modo alle vicende principali: tali pellicole sono raccolte sotto il nome di Rebuild of Evangelion.

evangelion-cover

LA SERIE REGOLARE

Gli ultimi due episodi della serie regolare di Neon Genesis Evangelion cambiano completamente la struttura della narrazione della serie. Con essi si sarebbe dovuta concludere la vicenda, senza la previsione di film di sorta; l’episodio 25 e l’episodio 26 andarono però incontro a numerosi problemi. Primo fra tutti, la grande depressione del regista Anno, ma anche una pessima gestione della scaletta: con soli due episodi rimasti, gli animatori avevano ancora fin troppo da raccontare, senza il tempo per approfondire numerosi temi ed altrettante situazioni.

Gli ultimi due episodi si focalizzano quindi sulla psicologia dei personaggi coinvolti, sostanzialmente troncando a metà la trama e senza una reale connessione immediatamente comprensibile fra l’episodio 24 e l’episodio 25; anche dal punto di vista grafico e visivo si avvertirono grandi cambiamenti: l’anime aveva virato fortemente dalla sceneggiatura originale, ed in vista della messa in onda non c’era più tempo per ricostruire i fotogrammi necessari a raccontare la “nuova” storia. Gli ultimi due episodi quindi riproposero una lunga serie di fotogrammi non inediti, assieme ad animazioni concettuali e addirittura riprese live delle mura dello studio d’animazione a fare da sfondo ai dialoghi dei doppiatori.

I FILM

Per ovviare alla valanga di critiche ricevute, lo studio d’animazione decise di produrre un remake delle due puntate conclusive, nella forma di un film finale (che divennero poi due in vista dell’enorme mole di materiale da trattare): i due film quindi, presenti anch’essi su Netflix, Neon Genesis Evangelion: Death & Rebirth e Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion, vanno visti in relazione al rapporto con l’episodio 24, ponendosi come alternativa agli episodi 25 e 26 della serie regolare (che vanno quindi considerati non canonici).
Per godere quindi della storia canonica di Evangelion, occorre guardare i primi 24 episodi della serie e continuare poi con Death & Rebirth prima (che propone nella prima parte una sorta di riassunto) e con The End of Evangelion poi.

REBUILD OF EVANGELION

Un nuovo remake di Evangelion, iniziato da uno studio diverso (Khara) fondato da Hideaki Anno stesso, è stato proposto in una tetralogia della quale è attesa ormai da anni la conclusione e che non è (ancora) stata inclusa nel catalogo italiano di Netflix.
I primi 3 lungometraggi, datati 1 Settembre 2007, 27 Giugno 2009 e 17 Novembre 2012, riscrivono la storia di Evangelion fin dalle basi, dapprima mantenendosi per alcuni versi fedeli alla storia originale (ma aggiungendo alcuni personaggi e modificando alcune situazioni) e poi virando bruscamente con un salto di 14 anni nel futuro. Il quarto film, atteso forse per il 2020, dovrebbe dare un finale alla nuova saga e sancirne la totale indipendenza dalla canonicità principale, chiarendo la totale estraneità del nuovo progetto rispetto al vecchio: in effetti alcune teorie vedrebbero nel Rebuild una sorta di versione futura (o passata) delle vicende canoniche, unite da un qualche vincolo di ciclicità.

neon-genesis-evangelion

LEGGI ANCHE:

Netflix ammette l’errore, in arrivo un nuovo doppiaggio

Evangelion arriva su Pornhub con il doppiaggio classico

Cannarsi conferma che lo studio Khara ha chiesto una grande aderenza al testo

Evangelion: è polemica per il nuovo adattamento su Netflix

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Marvel’s Behind the Mask: un nuovo documentario sui nostri eroi preferiti, dal 12 febbraio su Disney+ 20 Gennaio 2021 - 21:15

A partire dal 12 febbraio, sarà disponibile su Disney+ Marvel’s Behind the Mask, un nuovo documentario che racconterà la storia dei principali eroi di casa Marvel, soffermandosi sull’identità che si nasconde dietro le loro maschere.

Secondo Paul Greengrass, tra sei mesi torneremo tutti al cinema 20 Gennaio 2021 - 21:15

Il regista di Notizie dal mondo è ottimista: torneremo al cinema prima di quello che crediamo

Fedeltà: iniziate le riprese della serie Netflix con Michele Riondino e Lucrezia Guidone 20 Gennaio 2021 - 20:32

Sono iniziate oggi le riprese di Fedeltà, una nuova serie originale italiana Netflix, tratta dall’omonimo romanzo di Marco Missiroli. Nel cast Michele Riondino e Lucrezia Guidone.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.