L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Il Primo Re conquista il mercato internazionale, è boom di vendite per il film di Matteo Rovere

Il Primo Re conquista il mercato internazionale, è boom di vendite per il film di Matteo Rovere

Di Filippo Magnifico

Dopo l’arrivo nelle sale italiane, Il primo Re, l’ambizioso film di Matteo Rovere che porta sul grande schermo il mito della fondazione di Roma, si appresta a conquistare i mercati internazionali, come Cannes e Berlino.

Il film è stato venduto da Indie Sales in tutto il mondo: uscirà in Nord America, Regno Unito, Francia, Germania, Austria, Spagna, Svizzera, Corea del Sud, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Australia, Nuova Zelanda e Medio Oriente. Molti altri paesi, invece, sono in trattativa avanzata.

Le dichiarazioni del regista Matteo Rovere

La grande attenzione internazionale per Il Primo Re mi rende felice. Ho fatto proiezioni in diversi paesi e sempre più mi rendo conto che la leggenda di Romolo e Remo, pur lontanissima nel tempo, racchiude qualcosa di complesso ma allo stesso tempo comprensibile a ogni latitudine. L’origine della nostra civiltà si fonde con un racconto sul divino che scuote le persone, qualcosa di intimo che ci guarda dentro a prescindere dal paese di provenienza. Il mondo de Il Primo Re è un mondo unico, interamente costruito da uno straordinario gruppo di collaboratori. Ogni decisione presa, ogni scelta fatta, è stata il frutto di un enorme lavoro. Le più grandi eccellenze italiane si sono messe in gioco in questa sfida, per dimostrare una volta ancora quanto il nostro cinema sia vivo e in fermento. Mi sento di condividere con tutti gli artisti che mi hanno aiutato questi bellissimi risultati.

QUI trovate la recensione di Roberto Recchioni

Il regista dell’ottimo Veloce come il vento è tornato dietro la macchina da presa per dare vita ad una storia che si preannuncia a dir poco epica: un’avventura che si svolge nel 750 a.C., tre anni prima della fondazione di Roma, con protagonisti Romolo e Remo. Il cast, guidato da Alessandro Borghi, recita in latino pre-romano, e le riprese si sono svolte utilizzando solo la luce naturale: la fotografia è curata dall’esperto Daniele Ciprì. Questa la trama:

Costato 8 milioni di euro, Il primo Re è prodotto da Matteo Rovere insieme alla Groenlandia di Andrea Paris e Rai Cinema, in associazione con Roman Citizen Entertainment e la belga Gapbusters. La sceneggiatura è opera del regista con Filippo Gravino e Francesca Manieri.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lamb: Trailer del nuovo horror di A24 con Noomi Rapace 27 Luglio 2021 - 16:59

Un trailer che vi lascerà senza parole ha fatto capolino online, stiamo parlando dell'horror Lamb interpretato da Noomi Rapace

The Night House – La casa oscura: nuovo trailer per l’horror con Rebecca Hall 27 Luglio 2021 - 16:40

Una vedova inizia a scoprire gli inquietanti segreti del marito recentemente scomparso nel film diretto da David Bruckner

L’esorcista: il sequel di David Gordon Green diventa una trilogia, torna Ellen Burstyn 27 Luglio 2021 - 15:52

Universal e la sua piattaforma Peacock hanno sborsato 400 milioni di dollari per acquisire i diritti di distribuzione dei film

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.