L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Euphoria, la serie con Zendaya che aveva già fatto scandalo prima di andare in onda

Euphoria, la serie con Zendaya che aveva già fatto scandalo prima di andare in onda

Di Filippo Magnifico

Ieri sera ha fatto il suo debutto su HBO Euphoria. E lo ha fatto con la consapevolezza di essere già la serie più scandalosa del momento. Era proprio stata definita prima ancora della sua messa in onda, ma perché?

Prima di tutto per gli argomenti trattati. Euphoria è la prima incursione di HBO nel genere teen drama, e per l’occasione l’emittente televisiva statunitense ha deciso di premere il pedale dell’acceleratore su tematiche come droga, sesso, traumi e social media, lasciando pochissimo spazio all’immaginazione.

Il Cast, da Zendaya alla modella transgender Hunter Schafer

Il cast di Euphoria è guidato da Zendaya, conosciuta per il ruolo di MJ negli Spider-Man del Marvel Cinematic Universe. Con lei altre giovani star come Maude Apatow (Girls), Sydney Sweeney (Sharp Objects), Jacob Elordi (The Kissing Booth) e Hunter Schafer, giovane attrice transgender qui al suo debutto nel mondo della recitazione.

Zendaya

Tratta da una serie israeliana

Il creatore della serie Sam Levinson (Assassination Nation) si è ispirato a uno show israeliano, trasmesso dal 2012 al 2013 e incentrato, appunto, sulle avventure di un gruppo di teenager negli anni ’90, raccontate in maniera particolarmente esplicita. Uno spunto decisamente interessante, che in questo caso si è deciso di rendere contemporaneo. Levinson ha sceneggiato tutte le puntate, ed è produttore esecutivo insieme al rapper Drake.

Euphoria

Lo scandalo come metafora della contemporaneità

Prima del debutto, Sam Levinson era stato chiaro:

Ci saranno genitori che impazziranno letteralmente dopo averla vista.

E a dargli manforte ci aveva pensato l’ex capo di HBO Richard Pleper, che aveva dichiarato che Euphoria avrebbe letteralmente fatto impallidire produzioni come la serie Netflix Tredici (13 Reasons Why), sempre incentrata su tematiche particolarmente delicate riguardanti gli adolescenti.

Uno degli obiettivi principali di questa produzione era quello di rappresentare i teenager odierni come non era mai stato fatto prima, sia nel bene che nel male, pur rimanendo profondamente ancorati alla realtà. Questo, come abbiamo già detto, vuol dire scene di sesso particolarmente esplicite, con l’aggiunta di droga, sesso e violenza.

L’Hollywood Reporter ha provato a rendere l’idea offrendoci una serie di numeri: nell’episodio pilota ci sono ben trenta peni mostrati integralmente (che diventano ottanta nel secondo episodio) più una scena di stupro particolarmente cruda.

Euphoria

Nessuna pressione sugli attori

A quanto pare durante la lavorazione Sam Levinson ha lasciato la massima libertà di scelta ai protagonisti della serie. Hanno deciso loro se girare o meno le scene di nudo e in loro soccorso è stata chiamata Amanda Blumenthal, coach di intimità che ha aiutato gli attori a sentirsi totalmente a loro agio durante le riprese delle scene più scabrose.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

EXCL – Joachim Rønning sul futuro di Pirati dei Caraibi 18 Ottobre 2019 - 21:00

La nostra Sonia ha intervistato Joachim Rønning, regista di Maleficent - Signora del male e dell'ultimo capitolo delle avventure dei Pirati dei Caraibi. Una domanda sul futuro della saga con il pirata Johnny Depp era praticamente obbligatoria…

Le 10 serie più viste su Netflix, secondo Netflix 18 Ottobre 2019 - 21:00

Dati analitici (finalmente) alla mano, ecco quali sono le 10 serie più viste su Netflix!

La Casa: Sam Raimi ha già scelto il regista del nuovo capitolo della saga 18 Ottobre 2019 - 20:00

La saga horror Evil Dead, lanciata da Sam Raimi negli anni ’80, tornerà sul grande schermo con un nuovo film, che a quanto pare ha già un regista...

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.