L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
X-Men Dark Phoenix: il regista rivela il destino di un personaggio

X-Men Dark Phoenix: il regista rivela il destino di un personaggio

Di Matioski

ATTENZIONE: i dettagli che seguono potrebbero essere considerati SPOILER, anche se sono stati diffusi direttamente da Simon Kinberg, il regista di X-Men: Dark Phoenix. Trattasi di dichiarazioni ufficiali, riconducibili a una precisa strategia di marketing, e per questo suscettibili di dibattito. Tuttavia, se le anticipazioni dettagliate vi infastidiscono, questo articolo non fa per voi.

I trailer di X-Men: Dark Phoenix, il film che segnerà il termine della gestione del franchise mutante da parte della Fox, hanno suggerito la dipartita di un importante personaggio. Un’imbeccata così esplicita da aver convinto parte del fandom di trovarsi dinanzi a un depistaggio, una falsa pista per smuovere le acque.

Simon Kinberg ha deciso di mettere a tacere i dubbi, e di rivelare il colpo di scena in modo ancora più diretto. In un’epoca dominata dalla fobia degli spoiler, il regista va in controtendenza e dichiara ufficialmente la morte di Mystica, la “trasformista” interpretata da Jennifer Lawrence.

Una rivelazione inaspettata? Non proprio. Si vocifera da tempo di presunti malumori della Lawrence nei riguardi della saga degli X-Men. Le numerose ore di trucco richieste all’attrice per entrare nei panni di Mystica l’hanno resa sempre più insofferente, e non è un caso che il make-up del personaggio sia diminuito di qualità con il passare dei film. La carriera della Lawrence, peraltro, è decisamente decollata dai tempi di X-Men: First Class, e il suo impegno nella saga si è rivelato un impiccio. Trattasi di speculazioni, certo, ma è facile unire i puntini.

La dichiarazione di Simon Kinberg

Se la morte di Mystica non stupisce, lascia comunque perplessi la decisione di svelare la sua dipartita in modo tanto lapalissiano. Non solo. Nei trailer paiono molto chiare anche le modalità che porteranno al decesso della bella mutante. Un twist cruciale, dunque, che perderà inevitabilmente parte del suo impatto. Secondo Simon Kinberg, però, la scelta segue una logica precisa:

Abbiamo deciso di rivelare questo snodo della trama per far davvero capire al pubblico l’entità della minaccia che gli X-Men dovranno affrontare nel loro ultimo film. Mystica, comunque, non sarà l’unico personaggio che ci abbandonerà in Dark Phoenix. Ci saranno altre vittime.

Ad essere maliziosi, la scelta di Kinberg potrebbe essere interpretata come un tentativo estremo di attirare pubblico in sala. X-Men: Dark Phoenix è stato rimandato più volte, e l’acquisizione della Fox da parte di Disney ha reso il progetto, per certi versi, superfluo. Non aiuta, poi, la scarsa ricezione della pellicola precedente, X-Men: Apocalisse. Anticipare la morte di Mystica potrebbe essere l’azzardo giusto per attirare l’attenzione del pubblico casuale, e rilanciare le quotazioni del lungometraggio.

Simon Kinberg, peraltro, lancia implicitamente il toto-morte. Chi saranno le altre vittime della furia della Fenice? La risposta è più complicata del previsto.

Chi morirà?

X-Men: giorni di un futuro passato si era concluso con la creazione di una nuova time-line. Una time-line che, almeno in linea teorica, abbiamo cominciato a scoprire in X-Men: Apocalisse, e che si conclude con il risveglio di Wolverine, appunto, in un futuro non meglio precisato. L’inquieto Logan ritrovava lì vecchie conoscenze, scoprendo che il suo intervento nel passato aveva salvato la vita di molti personaggi periti negli altri film della saga. Personaggi che, se la continuity dovesse essere rispettata, sarebbero automaticamente al sicuro anche in X-Men: Dark Phoenix.

Basandoci su questa assunzione, i personaggi che possiamo depennare dalla lista dei possibili trapassati sono: Charles Xavier, Bestia, Tempesta, Ciclope, e persino la stessa Fenice, Jean Grey. Tutti vivi nel finale di X-Men: giorni di un futuro passato. Spicca l’assenza di Magneto, il candidato più papabile per la dipartita. Erik Lehnsherr ha ormai concluso la sua parabola evolutiva, e un ultimo sacrificio per salvare i suoi vecchi nemici la coronerebbe appieno.

Tuttavia, sotto la gestione Fox, il franchise degli X-Men ha sempre peccato di errori di continuity. Ogni film costituisce quasi un’opera a sé, creando un arazzo sconnesso e frammentato. Tenendo conto di questa premessa, e considerando X-Men: Dark Phoenix come capitolo conclusivo della saga, lo scenario appare davvero imprevedibile. A conti fatti, chiunque potrebbe morire. Con buona pace del futuro a lieto fine di Wolverine.

Comunque vadano le cose, in realtà, sarà il brand stesso a tirare le cuoia. X-Men: Dark Phoenix segna il termine di una saga che ha tenuto compagnia agli spettatori per 19 anni, tra alti e bassi. Una dipartita che potrebbe, però, condurre a una prossima “resurrezione”, nel contesto del Marvel Cinematic Universe. Se la fama di Re Mida di Kevin Feige verrà confermata, la Fenice potrebbe davvero risorgere dalle proprie ceneri.

Fonte: CinemaBlend

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.