Una vita nascosta, il nuovo (e bellissimo) film di Terrence Malick. La recensione

Una vita nascosta, il nuovo (e bellissimo) film di Terrence Malick. La recensione

Di Andrea D'Addio

Non tutti conoscono la storia di Franz Jägerstätter, contandino dell’Austria settentrionale che rifiutò l’arruolamento nell’esercito austro-tedesco della Seconda guerra mondiale fino a pagarne le estreme conseguenze. A bloccarlo era la consapevolezza che un suo giuramento a favore di Hitler avrebbe tradito il suo intimo essere non dandogli la possibilità di continuare veramente a vivere in pace con sé stesso. “Io sono già libero” risponde Jägerstätter all’avvocato che gli chiede di firmare una dichiarazione in cui si dichiara almeno pronto ad accettare un incarico negli ospedali di guerra e così evitare prigionia e condanna a morte. In quella sua frase c’è una convinzione molto profonda, l’idea che il rispetto del libero arbitrio sia alla base di qualsiasi altra libertà, compresa quella fisica. Obiettore di coscienza, Jägerstätter è stato riconosciuto beato nel 2007.

Una storia del genere poteva essere raccontata in tanti modi. Malick decide – coerente con il proprio stile – di farlo in modo lirico, tralasciando tanti dettagli della vita di Jägerstätter e semplificando molti dei passaggi della sua biografia, sia durante i primi anni della guerra che durante la prigionia, ma osa comunque meno che in passato come ammesso dallo stesso Malick in un’intervista:  “Ultimamente, insisto, solo molto recentemente, ho lavorato senza sceneggiatura e ultimamente mi sono pentito dell’idea”.

Le voci fuori campo di Jägerstätter e di sua moglie sono sempre ben legate a ciò che viene raccontato, la poeticità delle loro parole non volano “pindaricamente” su terreni di difficile comprensione (come è capitato spesso nei suoi ultimi film), ma offrono continui spunti di riflessione e agganci per empatizzare con loro. Intorno a questa struttura narrativamente (e finalmente) solida, Malick costruisce con la solita maestria una serie di quadri in movimento che quando non insistono sul volto di Jägerstätter (interpretato magistralmente dal tedesco August Diehl), quasi a sottolineare come al centro di tutta la storia ci siano i suoi dubbi e convinzioni, riesce a rappresentare la vita rurale con colori e scene mozzafiato. A rimanere negli occhi però, più di ogni altra scena, sono quei pochi secondi di commiato tra Jägerstätter e il prete in una cella illuminata debolmente solo da una candela. Sembra disegnata da Caravaggio, è invece lo splendido cinema di Terrence Malick finalmente tornato fruibile a tutti.

Il trailer di A Hidden Life

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TVScreenWEEK è anche su FacebookTwitterInstagram.

LEGGI ANCHE

Berlinale 2024: Due film italiani in concorso, la line-up 22 Gennaio 2024 - 20:08

Nella line-up della Berlinale ci sono le ultime opere di Olivier Assayas (Suspended Time), Bruno Dumont (L'Empire, co-prodotto anche dall'Italia), Mati Diop e Hong Sang-soo

Far East Film Festival 26: In anteprima The Goldfinger il thriller che segna la reunion di Tony Leung e Andy Lau 18 Gennaio 2024 - 19:03

Andy Lau e Tony Leung sono tornati a lavorare di nuovo insieme per la prima volta dopo due decenni dalla fine della trilogia di Infernal Affairs, nel thriller finanziario The Goldfinger

Berlinale 2024, Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla Carriera 21 Dicembre 2023 - 14:00

Sarà Martin Scorsese a ricevere l'Orso d'Oro alla Carriera durante il Festival di Berlino 2024, in programma a febbraio.

Angoulême 2024: Lorenzo Mattotti in mostra con “L’Art de courir, Attraper la course” 18 Dicembre 2023 - 13:21

LEGGI ANCHE: Angoulême 2024: Annunciati i primi ospiti, le mostre e le novità della 51a edizione Lorenzo Mattotti, il regista e co-sceneggiatore de La famosa invasione degli orsi in Sicilia, è stato scelto dal Festival d’Angoulême per la partecipazione del Festival alle Olimpiadi della cultura di Parigi 2024, l’alleanza artistica e sportiva dei Giochi di […]

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI