L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Una vita nascosta, il nuovo (e bellissimo) film di Terrence Malick. La recensione

Una vita nascosta, il nuovo (e bellissimo) film di Terrence Malick. La recensione

Di Andrea D'Addio

Non tutti conoscono la storia di Franz Jägerstätter, contandino dell’Austria settentrionale che rifiutò l’arruolamento nell’esercito austro-tedesco della Seconda guerra mondiale fino a pagarne le estreme conseguenze. A bloccarlo era la consapevolezza che un suo giuramento a favore di Hitler avrebbe tradito il suo intimo essere non dandogli la possibilità di continuare veramente a vivere in pace con sé stesso. “Io sono già libero” risponde Jägerstätter all’avvocato che gli chiede di firmare una dichiarazione in cui si dichiara almeno pronto ad accettare un incarico negli ospedali di guerra e così evitare prigionia e condanna a morte. In quella sua frase c’è una convinzione molto profonda, l’idea che il rispetto del libero arbitrio sia alla base di qualsiasi altra libertà, compresa quella fisica. Obiettore di coscienza, Jägerstätter è stato riconosciuto beato nel 2007.

Una storia del genere poteva essere raccontata in tanti modi. Malick decide – coerente con il proprio stile – di farlo in modo lirico, tralasciando tanti dettagli della vita di Jägerstätter e semplificando molti dei passaggi della sua biografia, sia durante i primi anni della guerra che durante la prigionia, ma osa comunque meno che in passato come ammesso dallo stesso Malick in un’intervista:  “Ultimamente, insisto, solo molto recentemente, ho lavorato senza sceneggiatura e ultimamente mi sono pentito dell’idea”.

Le voci fuori campo di Jägerstätter e di sua moglie sono sempre ben legate a ciò che viene raccontato, la poeticità delle loro parole non volano “pindaricamente” su terreni di difficile comprensione (come è capitato spesso nei suoi ultimi film), ma offrono continui spunti di riflessione e agganci per empatizzare con loro. Intorno a questa struttura narrativamente (e finalmente) solida, Malick costruisce con la solita maestria una serie di quadri in movimento che quando non insistono sul volto di Jägerstätter (interpretato magistralmente dal tedesco August Diehl), quasi a sottolineare come al centro di tutta la storia ci siano i suoi dubbi e convinzioni, riesce a rappresentare la vita rurale con colori e scene mozzafiato. A rimanere negli occhi però, più di ogni altra scena, sono quei pochi secondi di commiato tra Jägerstätter e il prete in una cella illuminata debolmente solo da una candela. Sembra disegnata da Caravaggio, è invece lo splendido cinema di Terrence Malick finalmente tornato fruibile a tutti.

Il trailer di A Hidden Life

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TVScreenWEEK è anche su FacebookTwitterInstagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: One Piece Film Red è ufficialmente il film di maggior successo del franchise 19 Agosto 2022 - 0:07

Dopo 13 giorni One Piece Film Red ha superato ¥8 miliardi al Box Office Giapponese, ha venduto 5,7 milioni di biglietti, superando così i 5.67 milioni di One Piece Film Z (2012).

Finalmente l’alba: anche Joe Keery di Stranger Things nel film di Costanzo 18 Agosto 2022 - 21:30

Keery affiancherà Willem Dafoe e Lily James nel film di Saverio Costanzo, le cui riprese si svolgeranno in Italia

American Gigolo: nuovo trailer per la serie con Jon Bernthal 18 Agosto 2022 - 20:45

La serie, ispirata al film di Paul Schrader con Richard Gere, debutterà in USA il 9 settembre, e ora ne possiamo vedere il secondo trailer

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?