L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Too Old to Die Young, abbiamo visto due episodi della serie di Refn e ve li raccontiamo

Too Old to Die Young, abbiamo visto due episodi della serie di Refn e ve li raccontiamo

Di Andrea D'Addio

Dieci episodi che lo stesso cast, a partire dal protagonista Miles Teller, considera “un lungo unico film di 13 ore”: sono queste le premesse di Too Old to Die Young, la serie Amazon firmata da Nicolas Winding Refn. A Cannes ne sono stati presentati gli episodi 4 e 5 senza dare alcun indizio su ciò che narrativamente sia successo nei precedenti e questo, a posteriori, ha completamente senso. Le ragioni dopo trailer e trama.

Il trailer di Too Old to Die Young

Martin è un agente dell’FBI che impiega il suo tempo libero (ovvero quando gli va, nessuno infatti sembra controllare i suoi spostamenti) giustiziando sia per conto della Mafia che cattivi non condannati dalla legge. Non è solo in questa missione: ad indicargli chi “deve pagare” è infatti un indefinito comitato di vigilanti (tra cui un ex veterano di guerra interpretato da John Hawkes) che vogliono mettere un minimo di ordine “in un mondo sempre più prossimo al collasso” dove basta accendere la radio per ascoltare discorsi reazionari e i poliziotti sono quasi tutti fascisti.

L’espediente narrativo scelto non è particolarmente originale, ma è perfetto per il (solito) desiderio di Refn di rappresentare un mondo di criminalità nascosta e vendette non annunciate. Luci al neon, lunghi inseguimenti automobilistici, dialoghi minimalisti, cruente scene che sembrano uscite da un comic book (del resto co-sceneggiatore è il premiato fumettista Ed Brubaker): Too Old to Die Young sembra una summa del meglio e del peggio del cinema di Refn. Il che, in definitiva, non è un complimento. Refn è così autocompiaciuto della sua capacità di dilatare oltremodo ogni scena che anche quando regala piccole gemme di cinema come il tallonamento sulle note della canzone Mandy di Barry Manilow alla fine del quinto episodio sembra lo faccia giusto per mostrarci che se non lo fa più spesso è solo perché non gli va. Lo sa che è quello il cinema che ci piace di lui e appositamente ce lo nega. Difficile volergli bene stavolta, anche se si era rimasti affascinati di suoi lavori discussi come The Neon Demon.

 Too Young to Die Young sarà visibile dal 14 giugno su Amazon Prime. Nel cast troviamo Miles Teller, Jena Malone, Billy Baldwin, John Hawkes, Nell Tiger Free, Babs Olusanmokun, Callie Hernandez e Cristina Rodlo.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il pranzo tra Lady Diana e Camilla Parker Bowles in una clip di The Crown 4 28 Novembre 2020 - 14:00

Netflix ha diffuso una lunga clip della stagione 4 di The Crown. Lady Diana (Emma Corrin) incontra Camilla (Emerald Fennell).

Star Wars The Mandalorian: Le citazioni e i riferimenti nell’episodio 2×05 28 Novembre 2020 - 13:05

L'arrivo di Ahsoka Tano in The Mandalorian introduce a piena forza i Jedi nella mitologia della serie: ecco tutte le easter egg nascoste nell'episodio!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.