L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Star Wars: Luke Skywalker ritornerà davvero in vita?

Star Wars: Luke Skywalker ritornerà davvero in vita?

Di Matioski

Ancora molti mesi ci separano dall’uscita di Star Wars: l’Ascesa di Skywalker (prevista in Italia per il 18 dicembre 2019) eppure, inevitabilmente, il film fa già parlare molto di sé. Ad essere oggetto delle speculazioni e delle teorie dei fan sono, in questi giorni, le prime immagini ufficiali del film, diramate da Vanity Fair. Trattasi, perlopiù, di foto promozionali volte a presentare al pubblico nuovi personaggi, e a ripresentare vecchie conoscenze (trovate tutti i dettagli del servizio qui).

Tra Lando Calrissian a bordo del Millennium Falcon, e l’ennesimo scontro tra Kylo Ren e Rey, spiccano dettagli insoliti, che confermano alcuni rumor e ne creano di nuovi al contempo. Dopo anni di ipotesi, finalmente vedremo i misteriosi Cavalieri di Ren sul grande schermo, coperti da maschere e armature che rievocano i guerrieri delle strade polverose di Mad Max. Peraltro, a giudicare dall’articolo di Vanity Fair, Star Wars: l’Ascesa di Skywalker non solo concluderà le vicende legate alla famosa famiglia, ma metterà il punto alla millenaria lotta tra Sith e Jedi. Elemento curioso, se consideriamo che nella Nuovissima Trilogia, per ora, i Sith hanno latitato.

Per ora, appunto. Nel cuore degli appassionati della saga riecheggia ancora la risata di Palpatine, udibile nelle battute finali del primo trailer rilasciato. Una presenza di Palpatine confermata anche dalla partecipazione del suo interprete, Ian McDiarmid, alla Star Wars Celebration. Il ritorno di Darth Sidious è dunque certo, ma incerte sono le modalità con cui avverrà. Fantasma della Forza? Ricordo presente all’interno di un Holocron? Flashback? Oppure il Signore dei Sith è davvero riuscito a sopravvivere alla distruzione della Seconda Morte Nera?

Prepariamoci a porci le stesse domande dei riguardi di un altro personaggio, presentato a sorpresa nelle foto di Vanity Fair in un contesto che potrebbe presupporre un’insperata resurrezione: Luke Skywalker.

Il ritorno di Mark Hamill era già stato considerato ufficiale diversi mesi fa, con l’attore probabilmente richiamato per interpretare la versione “spettrale” del famoso Cavaliere Jedi. Eppure, l’immagine che campeggia in cima all’articolo che state leggendo mostra un Luke decisamente tangibile, e in netto contrasto con le rappresentazioni pregresse dei Fantasmi della Forza.

Quali spiegazioni possiamo darci? Quali sono gli indizi e gli spunti che ci fornisce questa foto promozionale? Vi proponiamo le quattro teorie più solide ed accattivanti, consapevoli che, per scoprire la verità, probabilmente dovremo attendere l’uscita del film.

Luke è un Fantasma della Forza

Come già menzionato, i Fantasmi della Forza sono decisamente più eterei e “bluastri” rispetto al Luke Skywalker che vediamo al fianco del fidato R2-D2. Eppure, già l’ottavo Episodio ha introdotto un nuovo elemento, mai paventato in precedenza: i Fantasmi possono agire concretamente sull’ambiente che “infestano”. In Star Wars: Gli Ultimi Jedi, infatti, lo spettro di Yoda è in grado di lanciare fulmini.

Nulla vieta, dunque, ché Luke, forte della sua grande comunione con la Forza, possa manifestarsi in maniera tangibile pur restando uno Spettro. La cosa, anzi, ammanterebbe la figura del figlio di Darth Vader di un’aura leggendaria, in quanto unico essere capace di superare i limiti imposti dalla morte. Sempre che sia davvero l’unico. In Star Wars: l’Ascesa di Skywalker, infatti, potrebbe prefigurarsi uno scontro “mistico” tra lo Spettro di Luke e quello di Palpatine, contrapposto al duello più “terreno” tra Rey e Kylo Ren.

Una prospettiva spirituale molto affascinante, ma resa meno credibile da un importante dettaglio: nella foto, Luke indossa il guanto utilizzato, in precedenza, per nascondere la sua mano cibernetica. Guanto di cui lo Spettro di Luke, almeno in teoria, non avrebbe alcun bisogno, se pensiamo che Darth Vader si unì alla Forza nella sua forma più “pura”, priva di arti mancanti e deformità di sorta.

Luke è vivo

Speculazione improbabile, ma che non si può scartare totalmente. Al termine de Gli Ultimi Jedi abbiamo visto Luke Skywalker sparire dinanzi ai nostri occhi dopo avere accettato il suo destino. Una scena non soltanto accomunabile alle sorti di Obi-Wan e Yoda, ma che sembra indicare in modo chiaro la dipartita del Maestro Jedi anche per quanto riguarda la messa in scena e la scelta della colonna sonora.

Eppure, il personaggio interpretato da Mark Hamill potrebbe semplicemente essersi teletrasportato su un altro pianeta, utilizzando un potere della Forza finora inedito. Se così fosse, ci troveremmo dinanzi a una palese correzione in corsa, atta a risollevare gli animi di chi non ha apprezzato la morte del protagonista della Vecchia Trilogia. La presenza del guanto, però, verrebbe giustificata in modo coerente: Luke è vivo, e nasconde ancora il suo arto amputato.

Luke comparirà in un flashback

Nella fatidica foto non può passare inosservata la presenza di un elemento inquietante: le fiamme. Luke si staglia con sguardo cupo e arcigno dinanzi ai resti incendiati di quello che potrebbe essere, ricorrendo all’assunzione più automatica, il Tempio Jedi distrutto da Kylo Ren.

Luke Skywalker, dunque, ritornerebbe sì in Star Wars: l’Ascesa di Skywalker sotto spoglie decisamente tangibili, ma esclusivamente nell’ambito di un flashback. Tecnica narrativa, peraltro, già utilizzata ne Gli Ultimi Jedi, e che potrebbe essere riproposta per gettare nuova luce su alcuni spunti ancora oscuri.

Eppure, qualcosa non torna. Come già menzionato, infatti, la pellicola diretta da Rian Johnson ci ha raccontato gli antefatti del passaggio al Lato Oscuro di Kylo Ren. Nelle scene riferite a quel preciso lasso temporale, immediatamente precedente alla distruzione del Tempio, Luke indossa una veste diversa. Stessa cosa dicasi per il taglio di capelli, più corto.

La Nuovissima Trilogia non è nuova a imprecisioni in questo tipo. La cicatrice di Kylo Ren ha cambiato posizione rispetto alla ferita originale inferta da Rey. Eppure, in questo caso, l’errore di continuità sarebbe davvero troppo palese e pacchiano. Specie perché l’acconciatura e il vestiario diverso del personaggio erano stati utilizzati per evidenziare con maggior efficacia la differenza tra passato e presente.

E’ solo una foto promozionale

E’ un’ipotesi molto deludente, ma dobbiamo tenerla in considerazione. Quella che vediamo potrebbe essere un’immagine promozionale decontestualizzata, e per nulla attinente agli eventi mostrati nel film. La cosa non screditerebbe, a prescindere, le opzioni che abbiamo fornito fin qui, ma le deduzioni basate sugli elementi presentati nella foto sarebbero da rivedere completamente.

Tutto sarebbe valido, e l’unica certezza rimarrebbe quella di partenza, ovvero la presenza assicurata di Mark Hamill all’interno della pellicola. Anche questa, però, è solo una teoria. Se può essere lecito per molti lungometraggi basare la propria campagna di marketing su concept vaghi, il fandom di Star Wars è attento a ogni dettaglio. Mostrare un Luke così “concreto”, per poi presentarlo nelle vesti di Spettro “tipico” all’interno di Star Wars: l’Ascesa di Skywalker, potrebbe rivelarsi controproducente.

Conclusioni

Ogni ipotesi è supportata da diversi elementi a favore, ma al contempo minata da contraddizioni interne. Difficile arrivare a una conclusione definita, specie quando il nono film della saga si preannuncia ricco di sorprese e di rivelazioni. Tutte le opzioni potrebbero verificarsi, oppure nessuna. Una cosa è certa: Luke Skywalker è un personaggio che ha ancora tanto da dire, e capace di esercitare un fascino irresistibile sugli spettatori anche dopo la sua scomparsa. Vera o presunta.

Fonte: Vanity Fair

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bone – In arrivo su Netflix la serie animata tratta dal fumetto di Jeff Smith 16 Ottobre 2019 - 22:02

Dopo il fallito tentativo alla Warner, i diritti di Bone passano a Netflix che svilupperà una serie animata basata sul fumetto di Jeff Smith

Cena con delitto – Knives Out: Trailer italiano del film di Rian Johnson 16 Ottobre 2019 - 21:15

Daniel Craig detective nel trailer italiano di Cena con delitto - Knives Out, il film giallo diretto da Rian Johnson

Michael Caine e Lena Headey in una moderna versione di Oliver Twist per Sky 16 Ottobre 2019 - 21:00

Una nuova versione del classico di Charles Dickens in arrivo su Sky e al cinema

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.

StreamWeek: le ultime miglia di Jesse Pinkman in El Camino 14 Ottobre 2019 - 13:07

El Camino, The Front Runner, Bohemian Rhapsody, Shazam e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.