Les Misérables, l’avvincente film su poliziotti e giovani delle banlieu parigine sorprende Cannes

Les Misérables, l’avvincente film su poliziotti e giovani delle banlieu parigine sorprende Cannes

Di Andrea D'Addio

A Cannes presentato Les Misérables, primo film di finzione di Ladj Ly: la nostra recensione

Sobborghi di Parigi. Il furto di un cucciolo di leone dal circo di un gruppo di gitani innesca una spirale di recriminazioni e violenza tra le varie comunità della banlieu. Viene coinvolta anche la solita pattuglia di polizia che da dieci anni lavora  nell’area spesso oltrepassando i limiti della legge. Di mezzo però, oltre a questioni economiche, razziali e religiose degli adulti, ci sono anche i bambini, liberi di giocare in strada tanto quanto di organizzarsi e prendere di petto “i grandi” senza nessuna inibizione legata ad età o conseguenze.

Si muovono in gruppo, non c’è bisogno di identificarne uno per capire le pulsioni di tutti. Sono loro che appaiono nella prima scena di Les Misérables ed è uno di loro a chiudere il film, in una circolarità in cui vita e morte sono unite tanto quanto lo sono, per velocità del battito del cuore, euforia e rabbia. La Francia di oggi, quella che vince i Mondiali schierando quasi solo transalpini di seconda e terza generazione, è questa. La conosce bene  Lady Lj, il cineasta – qui al debutto con un film di finzione – dietro a questo solido progetto. Lj è cresciuto in quei luoghi, li respira ogni giorno (vi ha aperto anche una scuola gratuita di cinema assieme a vari rinomati artisti tra cui JR) e sentiva il bisogno di raccontarli. Lo ha fatto un anno fa con un cortometraggio, prova generale del lungometraggio ora presentato in concorso al Festival di Cannes e di cui sentiremo probabilmente parlare anche dopo. Senza inventarsi nessuna particolare tesi narrativa o linguaggio, Les Misérables segue in ordine cronologico e sguardo a volte quasi documentaristico i suoi protagonisti dando estrema solidità a tutto l’impianto, dicendo  bene ciò che ha deciso di dire e lasciando allo stesso tempo il pubblico pieno di domande aperte.

Per la capacità di sintetizzare la complessità di come povertà e degrado influenzino a vari livelli chiunque viva il micromondo della periferia cittadina parigina, sembra una delle cinque stagioni della splendida serie The Wire. Il crescendo della tensione però è degno dei migliori film polizieschi, perfetto sia nella creazione della suspense che nella scelta di quell’ultima immagine da fiato sospeso. Se vi chiedete le ragioni del titolo, è in una frase a fine pellicola tratta dal capolavoro di Victor Hugo. La sensazione è che la pellicola sarà tra quelle premiate al 72esimo Festival di Cannes dove è stata presentata in concorso.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TVScreenWEEK è anche su FacebookTwitterInstagram.

LEGGI ANCHE

Festival di Cannes, annunciato il programma della 77ma edizione 11 Aprile 2024 - 12:20

Da Francis Ford Coppola a Jia Zhangke, passando per Sorrentino, Cronenberg, Andrea Arnold e altri ancora, ecco i film del Festival di Cannes.

Cannes 2024: Megalopolis di Coppola tra i film in Concorso 10 Aprile 2024 - 10:42

In attesa di scoprire domani la line-up della 77a edizione del Festival di Cannes, apprendiamo che Megalopolis l'ultima fatica di Francis Ford Coppola, sarà tra i film in concorso.

Cannes 2024: Palma d’oro onoraria per George Lucas 9 Aprile 2024 - 19:09

George Lucas, regista riceverà la Palma d'oro onoraria durante la Cerimonia di chiusura del 77° Festival di Cannes.

La prima parte di Horizon: An American Saga presentata a Cannes 2024 9 Aprile 2024 - 17:55

La prima parte del nuovo film di Kevin Costner, Horizon: An American Saga, sarà presentata fuori concorso al 77° Festival di Cannes.

X-Men ’97 – Episodio 3: omaggi e citazioni 28 Marzo 2024 - 8:31

Curiosità, riferimenti, easter egg e omaggi ai fumetti nel terzo episodio di X-Men '97.

Kong contro Mechani-Kong: l’altro King Kong giapponese – Godzillopedia capitolo 4 26 Marzo 2024 - 8:00

Il secondo film della giapponese Toho dedicato a King Kong: Kong contro Mechani-Kong.

X-Men ’97 è una bomba (la recensione senza spoiler dei primi tre episodi) 20 Marzo 2024 - 8:01

X-Men '97 è la migliore cosa che potesse capitare a un vecchio fan dei mutanti Marvel, animati, a fumetti o entrambe le cose.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI