L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Les Misérables, l’avvincente film su poliziotti e giovani delle banlieu parigine sorprende Cannes

Les Misérables, l’avvincente film su poliziotti e giovani delle banlieu parigine sorprende Cannes

Di Andrea D'Addio

A Cannes presentato Les Misérables, primo film di finzione di Ladj Ly: la nostra recensione

Sobborghi di Parigi. Il furto di un cucciolo di leone dal circo di un gruppo di gitani innesca una spirale di recriminazioni e violenza tra le varie comunità della banlieu. Viene coinvolta anche la solita pattuglia di polizia che da dieci anni lavora  nell’area spesso oltrepassando i limiti della legge. Di mezzo però, oltre a questioni economiche, razziali e religiose degli adulti, ci sono anche i bambini, liberi di giocare in strada tanto quanto di organizzarsi e prendere di petto “i grandi” senza nessuna inibizione legata ad età o conseguenze.

Si muovono in gruppo, non c’è bisogno di identificarne uno per capire le pulsioni di tutti. Sono loro che appaiono nella prima scena di Les Misérables ed è uno di loro a chiudere il film, in una circolarità in cui vita e morte sono unite tanto quanto lo sono, per velocità del battito del cuore, euforia e rabbia. La Francia di oggi, quella che vince i Mondiali schierando quasi solo transalpini di seconda e terza generazione, è questa. La conosce bene  Lady Lj, il cineasta – qui al debutto con un film di finzione – dietro a questo solido progetto. Lj è cresciuto in quei luoghi, li respira ogni giorno (vi ha aperto anche una scuola gratuita di cinema assieme a vari rinomati artisti tra cui JR) e sentiva il bisogno di raccontarli. Lo ha fatto un anno fa con un cortometraggio, prova generale del lungometraggio ora presentato in concorso al Festival di Cannes e di cui sentiremo probabilmente parlare anche dopo. Senza inventarsi nessuna particolare tesi narrativa o linguaggio, Les Misérables segue in ordine cronologico e sguardo a volte quasi documentaristico i suoi protagonisti dando estrema solidità a tutto l’impianto, dicendo  bene ciò che ha deciso di dire e lasciando allo stesso tempo il pubblico pieno di domande aperte.

Per la capacità di sintetizzare la complessità di come povertà e degrado influenzino a vari livelli chiunque viva il micromondo della periferia cittadina parigina, sembra una delle cinque stagioni della splendida serie The Wire. Il crescendo della tensione però è degno dei migliori film polizieschi, perfetto sia nella creazione della suspense che nella scelta di quell’ultima immagine da fiato sospeso. Se vi chiedete le ragioni del titolo, è in una frase a fine pellicola tratta dal capolavoro di Victor Hugo. La sensazione è che la pellicola sarà tra quelle premiate al 72esimo Festival di Cannes dove è stata presentata in concorso.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TVScreenWEEK è anche su FacebookTwitterInstagram.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Liam Neeson è pronto a ritirarsi dai ruoli action 16 Gennaio 2021 - 17:00

L'attore è tornato a parlare del suo pensionamento dagli action movie... ma non è la prima volta

A Discovery of Witches: la stagione 2 arriva su Sky Atlantic 16 Gennaio 2021 - 16:00

A Discovery of Witches – Il Manoscritto delle Streghe torna oggi su Sky Atlantic e in streaming su NOW TV con la seconda stagione. Ecco tutto quello che dovete sapere, la trama, il cast e il trailer.

Dungeons & Dragons – Derek Kolstad svilupperà la serie live action 16 Gennaio 2021 - 15:00

Derek Kolstad svilupperà una proposta per una serie live action ambientata nel mondo di Dungeons & Dragons per Hasbro/eOne

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.