L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Game of Thrones: tutta colpa di Star Wars?

Game of Thrones: tutta colpa di Star Wars?

Di Matioski

David Benioff e D.B. Weiss, i due showrunner di Game of Thrones, saranno i responsabili creativi della nuova trilogia di Star Wars, prevista a partire da dicembre 2022. L’accordo non è stata ufficializzato da un comunicato stampa, bensì da una dichiarazione di Bob Iger, amministratore delegato della Walt Disney Company, nel corso di una conferenza per addetti ai lavori (trovate maggiori dettagli cliccando qui).

Secondo una corrente di pensiero che sta ottenendo sempre più proseliti, la ricezione mista dell’ultima stagione di Game of Thrones e i difetti ad essa imputata sarebbero da ricondurre proprio al nuovo impegno di Benioff e Weiss. Quella trilogia di Star Wars che appare come un grandissimo traguardo per due sceneggiatori che, fino a una decina di anni fa, avevano sì già lavorato ad importanti progetti, ma senza ottenere grande fama.

Grande fama ché, se da una parte li ha condotti al successo e all’attenzione della Lucasfilm, dall’altra si sta ritorcendo repentinamente contro di loro. E’ vero, è difficile tastare il polso del pubblico generalista, ma l’impressione è che l’ultima stagione de Il Trono di Spade abbia deluso le aspettative. Su Google Immagini, sotto la dicitura “bad writers” (“pessimi scrittori”, in inglese), campeggiano proprio diverse foto di Benioff e Weiss.

C’è del vero nella tesi secondo cui il calo qualitativo della serie HBO sarebbe da rapportare all’accordo pregresso dei due showrunner con la Lucasfilm? E’ per questo che la settima e l’ottava stagione contano un numero minore di episodi? Per scoprirlo, dobbiamo indirizzare la nostra indagine verso due date molto importanti.

Le date incriminate

  • 30 luglio 2016: viene annunciata la fine di Game of Thrones
  • 6 febbraio 2018: Benioff e Weiss salgono a bordo del franchise di Star Wars

A una prima occhiata, la conclusione pare evidente. Non c’è nessun collegamento tra i due fattori. Le trattative tra il duo di sceneggiatori e la Lucasfilm sono cominciate quando la chiusura di Game of Thrones, compreso il numero di episodi rimanenti, era stata già concordata da tempo con la HBO.

E’ tuttavia doverosa una precisazione. Molto spesso l’ufficializzazione di un accordo tra le parti viene reso noto al pubblico con un ritardo considerevole. Un esempio celebre riguarda la conferma di Ben Affleck come Batman, laddove l’attore aveva stipulato il contratto con la Warner/DC almeno sei mesi prima della comunicazione ufficiale da parte della major.

Anche prendendo in considerazione questo fattore, il lasso di tempo (ben 18 mesi) che intercorre tra l’annuncio del finale de Il Trono di Spade, e la conferma degli accordi tra Benioff, Weiss e Lucasfilm, è decisamente troppo grande per giustificare qualsiasi teoria a riguardo.

La scelta di ridurre il numero di episodi della serie HBO è stata quindi presa senza l’influenza di fattori esterni. I fattori interni, invece, sono decisamente numerosi e più credibili, tra il budget sempre più oneroso e le richieste di attori sempre più impegnati (e costosi).

L’eventuale delusione nei riguardi del finale di Game of Thrones, dunque, non è da ravvisare negli impegni di Benioff e Weiss con Star Wars. Anzi, possiamo solo augurarci che i due showrunner riescano a riconquistare il favore del pubblico con i loro sforzi nella galassia lontana lontana.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Marsh King’s Daughter: Ben Mendelsohn affianca Daisy Ridley 5 Maggio 2021 - 21:00

Il film, diretto da Neil Burger e tratto da un romanzo di Karen Dionne, arriverà in Italia con Lucky Red

Red Sonja: Hannah John-Kamen protagonista del film! 5 Maggio 2021 - 20:06

Hannah John-Kamen – vista in Ant-Man and the Wasp – sarà la protagonista di Red Sonja.

Blade: Marvel alla ricerca di un regista nero, la produzione rinviata a luglio 2022 5 Maggio 2021 - 19:32

Marvel sta esaminando la stessa lista della Warner per l'assunzione di un regista nero per il cinecomic Blade, con Mahershala Ali

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.