L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Game of Thrones, Emilia Clarke parla della sua reazione al finale (SPOILER)

Game of Thrones, Emilia Clarke parla della sua reazione al finale (SPOILER)

Di Marco Triolo

AVVERTENZA: SPOILER DAL FINALE DI GAME OF THRONES!

Poche cose verranno discusse, analizzate e sviscerate come il finale di Game of Thrones nei prossimi mesi. Un evento televisivo di tale portata non poteva che scatenare reazioni contrastanti tra i fan. E già è partita, infatti, una petizione per rifare da capo una stagione quantomai controversa. Ma se pensate che gli eventi degli ultimi due episodi abbiano scosso solamente i fan, ripensateci. Perché anche le star hanno avuto il loro daffare a farsene una ragione.

Ad esempio Emilia Clarke, che, dopo aver letto la scena della morte di Daenerys, ha dovuto prendersi un attimo per pensare. “Ho pianto”, ha detto l’attrice a Entertainment Weekly. “E mi sono fatta una camminata. Sono uscita di casa con le chiavi e il telefono e sono tornata con le vesciche ai piedi. Sono stata fuori per cinque ore chiedendomi ‘Come farò?’”.

NON CHIAMATELA “REGINA FOLLE”

“Sapevo che sarebbe morta”, ha confessato Clarke. “Penso che si siano presi cura per bene del mio personaggio in questo senso. È un finale molto bello e toccante. Spero che negli ultimi istanti prima della sua morte vedrete quella stessa vulnerabilità, quella ragazzina che avete incontrato nella stagione 1”.

Un concetto che Clarke ha ripetuto anche al New Yorker. “Non mi piace che i fan mi chiamino la Regina Folle. Ma il lutto, i traumi e il dolore l’hanno spinta oltre il limite. […] Spesso, le persone vittime di abusi da giovani imparano ad andarsene con la mente. Io volevo che Daenerys fosse presente. Volevo mostrarla come l’avevamo vista all’inizio: giovane, naif, infantile, aperta e piena di amore e speranza. Volevo tanto che quello fosse l’ultimo ricordo di lei”.

“RESTO DALLA PARTE DI DAENERYS”

“A scuola di recitazione ti insegnano che il tuo personaggio ha sempre ragione”, prosegue. “Il tuo personaggio fa una scelta e tu devi accettarla. Un attore non dovrebbe mai avere paura di apparire orribile. Abbiamo tutti dei lati oscuri”. “Resto dalla parte di Daenerys”, ha concluso nell’intervista pubblicata da Entertainment Weekly. “Resto dalla sua parte! Non posso non farlo”.

LEGGI ANCHE:
Una bottiglia di plastica nel finale di Game of Thrones
Game of Thrones, disponibile tutta la colonna sonora della stagione 8

Non perdere il nostro canale ScreenWeek TV su YouTube. ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

This Sceptred Isle – Ecco Kenneth Branagh nei panni del Primo Ministro Boris Johnson 25 Febbraio 2021 - 15:59

Dal set della serie This Sceptred Isle ecco la prima immagine di Kenneth Branagh nei panni del Primo Ministro britannico Boris Johnson

Spike Lee e Netflix di nuovo insieme per Gordon Hemingway & The Realm of Cthulhu 25 Febbraio 2021 - 15:45

Dopo Da 5 Bloods, Spike Lee è pronto ad unire ancora una volta le forze con Netflix, per un nuovo progetto che però non lo vedrà coinvolto dietro la macchina da presa.

Beavis and Butt-Head: in arrivo un nuovo film targato Paramount+ 25 Febbraio 2021 - 15:40

In arrivo un nuovo film incentrato sulle avventure di Beavis and Butt-Head e sarà destinato a Paramount+, la nuova piattaforma streaming di ViacomCBS.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.