L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Fleabag, un addio formidabile: la recensione della stagione 2

Fleabag, un addio formidabile: la recensione della stagione 2

Di Lorenzo Pedrazzi

Attenzione: contiene spoiler

La malinconia, a pensarci bene, implica un certo grado di maturità: è uno stato d’animo che sottintende una grande coscienza di sé, figlio di riflessioni introspettive che spesso si alimentano da sole, sfociando persino nell’autocompiacimento. La prima stagione di Fleabag era amarissima, tagliente, schietta, ma non propriamente malinconica, mentre la seconda adotta un’inquietudine più sottile, che raggiunge l’apice nell’epilogo: ne percepiamo la sintesi quando l’eroina di Phoebe Waller-Bridge saluta tutti e prende la sua strada, allontanandosi nella notte dopo una dolorosa confessione d’amore. La malinconia è tutta lì, nel dialogo sincero e tormentato tra due spiriti affini, ma separati dalle scelte di vita. Maturità significa anche riconoscere simili ostacoli, accettarli ed essere disposti a procedere oltre.

Questa premessa serve a chiarire che i nuovi episodi di Fleabag non sono una mera continuazione delle puntate precedenti, bensì un’evoluzione del soggetto iniziale e dei personaggi che lo animano. È passato un anno dagli eventi della prima stagione, e la protagonista senza nome sta cercando di rimettersi in carreggiata: si astiene dal sesso compulsivo, gestisce con successo il suo caffè, e cerca di riallacciare i rapporti con la sorella Claire, proprio quando il padre sta per risposarsi con l’insopportabile matrigna (Olivia Colman). Affascinata dall’insolito prete che celebrerà lo sposalizio, Fleabag comincia a frequentarne la chiesa, mettendo alla prova i suoi istinti e quelli del sacerdote. Intanto, suo cognato Martin continua a farle la guerra, mentre Claire è attratta da un collega finlandese. La girandola di imbarazzi e inadeguatezze che deriva da questo intreccio – per quanto tipica della commedia britannica – reca la firma inconfondibile della sua autrice, talento cristallino di scrittura, arguzia e tempi comici, come si evince già dal fenomenale primo episodio.

Fleabag

Con le sue pause metanarrarive, Phoebe Waller-Bridge fa da tramite tra il pubblico e l’opera, disfando le regole non solo in termini di “genere” (dramma e commedia si alternano senza soluzione di continuità), ma anche nel linguaggio stesso del mezzo. Passando dal teatro – dove Fleabag nasce come monologo – alla televisione, l’autrice trova una formula che le permette di mantenere l’effetto originario, quello di una confessione davanti a un pubblico: la sua eroina ha infatti il pregio di “esserci” e “non esserci” allo stesso tempo, sfuggendo all’hic et nunc della trama per comunicarci uno sguardo, una brevissima frase o un’impressione che rompe la quarta parete; in tal modo, Phoebe diventa sia la protagonista sia la narratrice della storia, ma senza l’invadenza di una voce extradiegetica. L’unico ad accorgersi di queste fugaci eclissi è il prete, sua anima gemella, e c’è qualcosa di scioccante nel vederlo girarsi verso di noi per guardare in macchina: si avverte l’impressione di essere stati scoperti, come se fosse una violazione del nostro rapporto esclusivo con la protagonista. È sufficiente questa trovata per cogliere la genialità di Fleabag, e in particolare di una seconda stagione che parte dall’individuale per farsi universale.

«I sometimes worry I wouldn’t be such a feminist if I had bigger tits» dice la protagonista nel quarto episodio, dimostrando un’onestà intellettuale che – unita all’autoironia – dà voce ai dubbi interiori di ognuno di noi, indipendentemente dal fatto che si parli di femminismo o altre posizioni. Certo, Fleabag è una serie meravigliosamente, orgogliosamente femminista (lo è già nel modo in cui ritrae una protagonista sagace, sporca e fallibile), ma è anche uno show capace di interrogarsi sul labile confine tra idealismo e individualismo, tra integrità e ipocrisia. Non è la dittatura del politically correct a guidare la scrittura di Phoebe Waller-Bridge, bensì un impegno furente e sincero che guarda alla realtà, senza menzogne o illusioni. Anche per questa ragione, il finale non può offrirci soluzioni definitive: Fleabag non risolve tutti i suoi problemi, non festeggia l’idillio con l’amore della sua vita, né addolcisce il rapporto passivo-aggressivo con la matrigna; può solo congedarsi con un cenno della mano, chiedendoci di smettere di seguirla. La vita è soltanto sua, non ha più bisogno di un pubblico per essere vissuta. Continuerà a sbagliare, a creare imbarazzi e incomprensioni, ma lo farà solo per se stessa.

Così, Phoebe Waller-Bridge chiude un capitolo fondamentale della sua carriera, dal quale esce più forte, più matura e più completa. Malinconicamente, ma senza esitazioni.

Fleabag

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Umbrella Academy – Ecco il primo trailer della stagione 2! 8 Luglio 2020 - 16:36

È disponibile il primo trailer della seconda stagione di The Umbrella Academy, che uscirà su Netflix il prossimo 31 luglio.

TRON – Si torna a parlare del terzo film, con Jared Leto protagonista 8 Luglio 2020 - 16:30

Pare che la Disney sia alla ricerca di un regista per il terzo film della saga di TRON, con Jared Leto e probabilmente alcuni attori di Legacy.

Ant-Man 3 – Le riprese cominceranno nel giugno 2021? 8 Luglio 2020 - 15:45

Nuove indiscrezioni sostengono che le riprese di Ant-Man 3 cominceranno nel giugno 2021 ad Atlanta, in Georgia. Il cinecomic non ha ancora una data di uscita.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.