L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Festival di Cannes 2019 – La Palma d’Oro è Parasite di Bong Joon-ho, tutti i vincitori

Festival di Cannes 2019 – La Palma d’Oro è Parasite di Bong Joon-ho, tutti i vincitori

Di Filippo Magnifico

La 72ma edizione del Festival di Cannes è appena terminata. Quest’edizione ha visto come Presidente di Giuria Alejandro González Iñárritu, con lui Elle Fanning, Maimouna N’Diaye, Kelly Reichardt, Robin Campillo, Yorgos Lanthimos, Pawel Pawlikowski, Enki Bilal e Alice Rohrwacher.

Palma d’Oro per Parasite di Bong Joon-ho. Jean-Pierre e Luc Dardenne vincono il Premio per la Miglior Regia. Portrait de la jeune fille en feu di Céline Sciamma vince il premio per la Migliore Sceneggiatura. Emily Beecham vince come Migliore Attrice per la sua interpretazione in Little Joe. Il premio come Migliore Attore è stato invece consegnato a Antonio Banderas per la sua interpretazione in Dolor y Gloria di Pedro Almodóvar.

*SCOPRI TUTTI I FILM IN CONCORSO*

ECCO I VINCITORI:

Palma d’oro

Parasite di Bong Joon-ho

Grand Prix Speciale della Giuria

Atlantique di Mati Diop

Prix de la mise en scène (regia)

Le Jeune Ahmed di Jean-Pierre & Luc Dardenne

Prix du scénario (sceneggiatura)

Céline Sciamma per Portrait de la jeune fille en feu

Prix d’interprétation féminine

Emily Beecham per Little Joe di Jessica Hausner

Prix d’interprétation masculine

Antonio Banderas per Dolor y Gloria di Pedro Almodóvar

Premio della giuria

Ax-æquo a Bacurau di Kleber Mendonça Filho & Juliano Dornelles e Les Misérables di Ladj Ly

Caméra d’or

Nuestras Madres di César Díaz

Menzione speciale

Elia Suleiman per It Must Be Heaven

Palma d’oro per il Migliore Cortometraggio a The Distance Between Us And The Sky di Vasilis Kekatos.
Menzione speciale della Giuria per il Migliore Cortometraggio a Monstruo Dios di Agustina San Martín.

Ricordiamo anche che ieri sono stati annunciati i vincitori della seconda sezione per importanza del Festival di Cannes, Un Certain Regard, la cui giuria era capitanata da Nadine Labaki:

MIGLIOR FILM (Un Certain Regard)

La vita invisibile di Euridice Gusmao, di Karim Ainouz

PREMIO DELLA GIURIA (Un Certain Regard)

O que arde di Oliver Saxe

MIGLIOR REGISTA (Un Certain Regard)

Kantemir Balagov (Beanpole)

MIGLIOR ATTORE (Un Certain Regard)

Chiara Mastroianni (Chambre 212)

Tra gli altri vincitori, Liberté di Albert Serra (premio speciale) e Jeanne di Bruno Dumont (menzione speciale).

Festival di Cannes

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.