L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Avengers: Endgame – La storia dietro l’ultimo cameo di Stan Lee

Avengers: Endgame – La storia dietro l’ultimo cameo di Stan Lee

Di Filippo Magnifico

Come sappiamo, con Avengers: Endgame si conclude un importante percorso iniziato nel 2008 con Iron Man.
Si conclude un percorso ma ne inizia un altro ovviamente, perché l’Universo Cinematografico Marvel continuerà ad accompagnarci per molto tempo ancora. Ma con il capitolo conclusivo della cosiddetta “Infinity Saga” termina ufficialmente quella che era diventata una più che piacevole tradizione: il cameo di sua maestà Stan Lee.

Scomparso nel 2018, The Man era comunque riuscito a girare in anticipo le scene per film Marvel arrivati nelle sale dopo la sua morte, come Captain Marvel e, appunto, Avengers: Endgame. Nell’ultima (per il momento) avventura dei Vendicatori l’abbiamo visto in versione “hippy”, quando Tony Stark e Steve Rogers sono tornati negli anni ’70 per recuperare il Tesseract.

Fate l’amore, non fate la guerra!

Sulle note di “Hey Lawdy Mama” degli Steppenwolf, Stan Lee è comparso ringiovanito digitalmente a bordo di un’auto bianca, con uno sticker con su scritto ‘Nuff Said (una sua frase tipica) in bella mostra sulla carrozzeria. A proposito di questa scena, i fratelli Russo hanno detto:

È l’epoca hippy e Stan ha un cameo versione hippy. Nell’era dell’amore libero dice “Fate l’amore e non la guerra”. Ci sembrava un’idea divertente, prima della scomparsa di Stan. Si tratta dell’ultimo cameo di Stan Lee in un film, riuscite a crederci?

I registi hanno diffuso via Twitter una foto scattata proprio il giorno in cui quella scena è stata girata:

QUI trovate il podcast speciale con LE VOSTRE recensioni

LEGGI ANCHE:

Avengers: Endgame, alba e tramonto nel MCU: la recensione
Avengers Endgame: Tutte le teorie smentite
Dopo Avengers: Endgame – Il Futuro del Marvel Cinematic Universe
Avengers: Endgame – Chi è QUEL ragazzo che si vede alla fine?
Avengers: Endgame – La spiegazione dei viaggi nel tempo
In Avengers: Endgame il primo personaggio apertamente gay dell’Universo Cinematografico Marvel

La trama di Avengers: Endgame

La situazione sulla Terra è molto tetra. Dopo che il potere delle Gemme dell’Infinito ha decimato metà della popolazione, Thanos (Josh Brolin) ha assunto il ruolo di dominatore dell’universo, lasciando i Vendicatori in rovina.

Il semidio non farà altro che espandere il suo dominio tirannico… a meno che qualcuno non riesca a fermarlo. Quindi, senza avere il tempo di piangere i propri lutti, Vedova Nera (Scarlett Johansson), Thor (Chris Hemsworth), Capitan America (Chris Evans) e Bruce Banner (Mark Ruffalo) devono rimanere forti e radunare i membri superstiti degli eroi più potenti della Terra, arruolando inoltre i servigi di Capitan Marvel (Brie Larson).

Insieme, devono trovare un modo per riportare indietro i loro alleati scomparsi e sconfiggere il Folle Titano, o subire un’esistenza priva di speranza.

Avengers: Endgame, in arrivo nelle nostre sale il 24 aprile 2019, chiuderà la grande trilogia composta dalle Fasi 1, 2 e 3 del Marvel Cinematic Universe. Alla regia ci sono Anthony e Joe Russo, mentre la sceneggiatura è stata affidata a Christopher Markus e Stephen McFeely.

Il cast di Avengers: Endgame

Nei film ritroveremo Iron Man (Robert Downey Jr.), Vedova Nera (Scarlett Johansson), Thor (Chris Hemsworth), Falcon (Anthony Mackie), Capitan America (Chris Evans), Scarlet Witch (Elizabeth Olsen), Occhio di Falco (Jeremy Renner), War Machine (Don Cheadle), Visione (Paul Bettany), Wasp (Evangeline Lilly), Ant-Man (Paul Rudd), Cassie Lang (Emma Fuhrmann), Pantera Nera (Chadwick Boseman), Shuri (Letitia Wright), Okoje (Danai Gurira), Hulk (Mark Ruffalo), Spider-Man (Tom Holland), Pepper Potts (Gwyneth Paltrow), Stephen Strange (Benedict Cumberbatch), Wong (Benedict Wong), il Soldato d’Inverno (Sebastian Stan), Valchiria (Tessa Thompson), Happy Hogan (Jon Favreau), Capitan Marvel (Brie Larson), Star-Lord (Chris Pratt), Gamora (Zoe Saldana), Nebula (Karen Gillan), Mantis (Pom Klementieff), Rocket Raccoon (Bradley Cooper), Groot (Vin Diesel), Drax (Dave Bautista), Proxima Midnight (Carrie Coon), Cull Obsidian (Terry Notary), Ebony Maw (Tom Vaughan-Lawlor) e Thanos (Josh Brolin).

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box-Office USA: Il Re Leone raccoglie 23 milioni di dollari con le anteprime di giovedì 19 Luglio 2019 - 20:22

Il Re Leone ha incassato ben 23 milioni di dollari con le anteprima di giovedì sera

Stillwater: Matt Damon per il regista di Spotlight 19 Luglio 2019 - 20:00

Matt Damon sarà un operaio americano in viaggio in Francia per scagionare la figlia da un'accusa di omicidio

Mattia Torre è morto, addio allo sceneggiatore di Boris 19 Luglio 2019 - 19:49

È morto a 47 anni, dopo una lunga malattia, Mattia Torre, scrittore, autore tv e di fiction, ma anche sceneggiatore e regista.

Giochi stellari – The Last Starfighter (FantaDoc) 18 Luglio 2019 - 16:23

Congratulazioni, Starfighter! Sei stato reclutato dalla Lega Stellare per leggere questo articolo sulla storia del film, nato... come seguito spirituale de La spada nella roccia? Eh?!

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Party of Five (Cinque in famiglia) 17 Luglio 2019 - 16:19

Le mille sfighe di Party of Five, la serie nata come surrogato di Beverly Hills 90210 e trasformatasi nel "miglior show che non avete visto".

7 cose che forse non sapevate su Gigi la Trottola 16 Luglio 2019 - 15:58

Le esilaranti avventure del campionissimo sotto il metro nato perché hanno imposto al suo autore di inventarsi una storia comica sul basket. I crossover con Star Wars, l'Uomo Tigre e tutto il resto, e la storia di... Ciccio Terremoto?