L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Game of Thrones 8 – È record di ascolti per la première

Game of Thrones 8 – È record di ascolti per la première

Di Filippo Magnifico

Una lunga assenza, la consapevolezza che si tratta dell’inizio della fine. La première dell’ottava e ultima stagione di Game of Thrones ha segnato un record per HBO.

Al suo debutto in America, è stata seguita da 17.4 milioni di telespettatori attraverso tutte le piattaforme (HBO, HBOGO ed HBO NOW). Un traguardo storico sia per la serie che per l’emittente televisiva statunitense, dato che è stato infranto il precedente record del finale della settima stagione (16.9 milioni).

Va precisato che se teniamo conto solo degli spettatori registrati su HBO, la situazione cambia. 11.8 milioni, una cifra inferiore rispetto al finale della settima stagione, che aveva registrato 12.1 milioni di spettatori. Ma è anche vero in due anni la modalità di fruizione è parecchio cambiata e questo dato non è altro che uno specchio dei tempi.

QUI la Recensione dell’Episodio 8×01

Per un ripasso generale dello show vi consigliamo di leggere i nostri riassunti (con infografica):

Stagione 1
Stagione 2
Stagione 3
Stagione 4
Stagione 5
Stagione 6
Stagione 7

Il cast

Nell’ottava stagione di Game of Thrones tornano Daenerys Targaryen (Emilia Clarke), Arya Stark (Maisie Williams), Jon Snow (Kit Harington), Cersei Lannister (Lena Headey), Jaime Lannister (Nikolaj Coster-Waldau), Tyrion Lannister (Peter Dinklage), Sansa Stark (Sophie Turner), Samwell Tarly (John Bradley), Gilly (Hannah Murray), Lord Varys (Conleth Hill), Davos Seaworth (Liam Cunningham), Sandor Clegane (Rory McCann), Missandei (Nathalie Emmanuel), Verme Grigio (Jacob Anderson), Bran Stark (Isaac Hempstead-Wright), Meera Reed (Ellie Kendrick), Tormund Giantsbane (Kristofer Hivju), Brienne di Tarth (Gwendoline Christie), Jorah Mormont (Iain Glen), Lyanna Mormont (Bella Ramsey).

Marc Rissmann interpreta Harry Strickland, capo della Compagnia Dorata, l’esercito mercenario più grande e famoso di tutte le Città Libere, nonché il più affidabile: il suo motto è infatti “La nostra parola vale come oro”, poiché la Compagnia non ha mai rotto un contratto. Danielle Galligan presta il volto a un personaggio chiamato Sarra.

Gli showrunner

Gli showrunner della serie sono David Benioff e D.B. Weiss, che hanno diretto l’ultimo episodio.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Fonte: TVLine


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Falcon and The Winter Soldier: ci sarà una seconda stagione? 20 Aprile 2021 - 20:13

Manca un episodio alla fine di The Falcon and the Winter Soldier e in molti si stanno chiedendo se la serie tornerà su Disney+ con una seconda stagione.

Marvel’s Secret Invasion: Quale personaggio interpreterà Olivia Colman nel MCU? 20 Aprile 2021 - 20:10

Olivia Colman è in trattative con per entrare nel Marvel Cinematic Universe: quale ruolo potrebbe esserle stato proposto?

Mortal Kombat: guarda i primi sette minuti del film! 20 Aprile 2021 - 19:50

Il film, prodotto da James Wan, arriverà nelle sale americane e su HBO Max il 23 aprile

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.