L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Francis Ford Coppola è pronto a resuscitare Megalopolis

Francis Ford Coppola è pronto a resuscitare Megalopolis

Di Lorenzo Pedrazzi

Pare che Francis Ford Coppola stia per realizzare uno dei progetti più ambiziosi e rimandati della sua carriera: il cineasta ha infatti rivelato a Deadline che Megalopolis potrebbe finalmente diventare realtà.

Ambientata a New York, la storia si preannuncia epica e grandiosa, poiché racconterà gli sforzi di un architetto per trasformare la Grande Mela in una città utopistica, entrando in contrasto con il sindaco. L’ispirazione proviene sia da Metropolis di Fritz Lang sia da The Fountainhead di Ayn Rand. Ebbene, Coppola annunciò il film a Cannes nel 2001, ma l’attacco terroristico dell’11 settembre lo convinse a fermarsi, nonostante avesse già una sceneggiatura pronta e ben 30 ore di girato della seconda unità. Ora, però, è nuovamente determinato a realizzare il film, al punto da discuterne informalmente con alcuni potenziali interpreti; pare che Jude Law sia uno di essi.

Il regista ha dichiarato quanto segue:

Sì, quest’anno pianifico di coltivare la mia ambizione di realizzare una grande opera utilizzando tutto ciò che ho imparato nella mia lunga carriera, a cominciare dal teatro quando avevo 16 anni, e sarà un film epico su vasta scala che ho intitolato Megalopolis. È insolito; sarà una produzione su vasta scala con un grande cast. Farà tesoro di tutti gli anni in cui ho provato a fare film in stili e generi diversi, culminando in quelle che credo siano la mia voce e la mia ispirazione. Non avrà a che fare con il mainstream odierno, ma spero di cominciare la produzione quest’anno.

Da anni, ormai, si parla di Megalopolis come di un progetto gigantesco, paragonabile ad Apocalypse Now in quanto ad ambizioni, ma focalizzato su una visione futuristica. È il film con cui Coppola sperava di riscattare una Hollywood che – già nel 2001 – continuava a produrre sempre le stesse cose, a ripetizione, senza idee innovative. Il grande regista non è nuovo alle opere di proporzioni epiche, quindi sarà interessante scoprire il risultato.

Megalopolis

Vi terremo aggiornati.

Fonte: Deadline

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love and Monsters: crescere (e innamorarsi) in un mondo popolato da mostri non è semplice 15 Aprile 2021 - 11:15

Su Netflix è arrivato Love and Monsters, il film con Dylan O'Brien e Jessica Henwick ambientato in un mondo popolato da mostri giganti.

Toxic Avenger: Jacob Tremblay affianca Peter Dinklage nel remake 15 Aprile 2021 - 10:30

La star di Room e Luca entra nel cast del remake del classico Troma diretto da Macon Blair

Wolverine – I Marvel Studios pensano a una serie antologica per Disney+? [RUMOR] 15 Aprile 2021 - 9:45

Un rumor (da prendere con cautela) sostiene che i Marvel Studios stiano progettando una serie antologica che esplorerà varie storie di Wolverine.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.