L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Yoshitoki Ōima parla della creazione del manga To Your Eternity

Yoshitoki Ōima parla della creazione del manga To Your Eternity

Di Marlen Vazzoler

GUARDA ANCHE: To You, the Immortal – Dallo storyboard alla tavola finale, mostra

L’estate scorsa Yoshitoki Ōima è stata premiata al Japan Expo con il Daruma d′Or Manga per il manga A Silent Voice (pubblicato in Italia da Edizioni Star Comics, da cui è stato tratto il lungometraggio animato La forma della voce – A Silent Voice) e con il Daruma de la Meilleure Nouvelle Série per To Your Eternity. Il primo volume della sua ultima opera verrà pubblicato dal prossimo mese (17 aprile) sempre da Edizioni Star Comics.

Ecco la sinossi:

Un essere immortale atterra un giorno nella tundra. In grado di mutarsi in qualunque cosa grazie alle informazioni che raccoglie dal mondo intorno a lui, assume via via la forma di ciò in cui si imbatte. Un giorno incontra un ragazzo, ma non passa molto tempo che deve separarsene. Luci, profumi, rumori, dolore, gioia, tristezza… Un viaggio in un mondo pieno di stimoli e sensazioni, attraverso una costante evoluzione.

La fumettista giapponese, coadiuvata dai suoi due redattori, è stata protagonista di una conferenza/live drawing dove ha parlato di come lavora e della creazione di To Your Eternity.

To-Your-Eternity Yoshitoki Ōima

Come definisce il lavoro di un editore?

Editore: Abbiamo un ruolo quotidiano con l’autore che consiste nel migliorare l’ambiente in cui lavora, ma anche l’essere coinvolto nel contenuto stesso della storia e del manga dove cerchiamo il più possibile di dare il nostro aiuto.

In To your Eternity, l’ambiente occupa un grande posto. Come viene svolto il lavoro? L’autrice fa una ricerca grafica o viene aiutata dagli editori? Com’è possibile visto che l’universo grafico è abbondante e abbastanza denso?

Editore: È un manga fantasy basato inizialmente su quello che l’autrice ha nella sua testa e sull’immagine che si è creata del contesto in cui ambienterà la storia. Possiamo aiutarla a fare delle ricerche specifiche su questo o quel punto, ma la maggior parte delle volte è una riproduzione di quello che ha in mente.

Quali sono le sue fonti d’ispirazione per gli ambienti e l’architettura dove troviamo vari stili come quello Maya, Indiano… ?

Oima: Attingo in gran parte dall’immaginazione e faccio le mie ricerche su reali piani architettonici, delle città in base ai luoghi in cui voglio ambientare la mia storia e dove voglio far evolvere i miei personaggi.

To Your Eternity

Quindi, che ordini di lavoro da ai suoi assistenti? Fa delle applicazioni?

Oima: Sì. Una volta raccolte le informazioni, le spiego ai miei assistenti e assegno a tutti i ruoli.

Chi stabilisce i ruoli di ciascuno? Lei o i suoi editori?

Editore: È sempre un lavoro di consultazione, vale a dire, ci spiega cosa vuole fare, descrive il tipo di personaggio che vuole mettere in scena e ne discutiamo, le diamo la nostra opinione e vediamo cosa prenderà in considerazione.

Avete un aneddoto in particolare su questo?

Oima: Difficile isolarne uno più degli altri. Direi che c’è una difficoltà per ogni personaggio.

Come lavora sui suoi personaggi? Quali sono le sue ispirazioni?

Oima: L’ispirazione può venire da diversi media, può venire dai videogiochi, dai film, da altri supporti mediatici. Ora, penso ai miei personaggi in base all’evoluzione che voglio per Imm il personaggio principale. Se so che voglio portarlo in questa direzione, penserò al tipo di personaggi che potrà incontrare per essere in grado di evolvere in questa direzione.

Come editore, come lavora alla creazione dei personaggi e dell’universo di To your eternity?

Editore: È un lavoro sulla durata perché spesso è il risultato di lunghe discussioni tra di noi, è il frutto degli incontri che facciamo e di quello che emerge da questi scambi.
Ad esempio, possiamo prendere il caso del personaggio di Tonari dove ci siamo chiesti che cosa il personaggio dovrebbe offrire alla fin fine a Imm. Abbiamo pensato se il personaggio avrebbe contribuito a qualcosa nel periodo sull’isola o se darà un apporto che accadrà molto tempo dopo. Abbiamo preso la decisione quasi all’ultimo momento, poco prima che apparisse nella storia.

Quindi non siamo mai sicuri di quello che potrebbe accadere nella storia

Editore: In ogni episodio, in ogni fase, ci domandiamo giustamente quale sarà l’influenza del nuovo personaggio messo in scena, che l’autore ha messo in scena, sull’evoluzione del personaggio principale.
È una riflessione che abbiamo continuamente e ripetutamente nella costruzione della storia.

In merito al disegno che Yoshitoki Ōima sta disegnando dal vivo

To-Your-Eternity

Puoi spiegarci cosa disegnerà

Oima: È un passaggio in cui Imm taglia i suoi legami. Infatti, quando Imm appare sotto questo aspetto, ha sempre una corda legata alla mano ed è ancora un problema. Quindi, ogni volta che torna in quello stato, la prima cosa che fa è rimuovere la corda che gli causa problemi.

Durante la conferenza, il redattore aiuta la mangaka che sta disegnando

È sempre così? Nella vita professionale? Come sta andando? Sono sempre accanto a vegliare su di lei?

Oima: Sì, è il primo riflesso (ride)

Per gli editori, la prima volta che avete letto To Your Eternity, cosa avete pensato?

Editore: C’era qualcosa di nuovo in quello che vedevamo, in quello che avevamo di fronte a noi, e quando mi ha spiegato il concetto della serie, ho avuto l’intuizione che fosse davvero un ottimo lavoro quello che stava preparando.
La difficoltà è che Oima-sensei disegna per una rivista per adolescenti, Shonen Magazine della casa editrice Kodansha, e quindi deve rispettare alcune regole di questo genere. Rispetto al concetto che ci ha presentato, abbiamo dovuto elaborare un framework adeguato alla rivista di pubblicazione a puntate.

Esattamente in quale categoria si classifica? Shonen? Seinen?

Editore: Sulla sostanza vera e propria del manga, nella misura in cui rimane una narrativa iniziatica con la progressione e l’evoluzione di un personaggio, stiamo parlando a un pubblico di lettori adolescenti.
Dopo, è vero che la messa in scena, le interazioni tra i personaggi, siamo più vicini a quello che viene fatto in un manga post-adolescenziale, pre-adulto, un seinen.

To Your Eternity

Per gli editori, quali sono i valori più importanti di To Your Eternity? E perché?

Editore: Ho sentito spesso l’autrice parlarne, quindi posso dirlo. Ci sono dei personaggi che soffrono molto, che stanno attraversando delle difficoltà, che stanno cercando di superare queste difficoltà ma non necessariamente ce la fanno, ma che, nonostante le avversità, nonostante il fallimento, nonostante non siano in grado di ottenere quello che vogliono, devono continuare a provare a vivere, ad andare avanti e progredire.

I personaggi devono davvero sopportare tanta sofferenza?

Oima: Non è indispensabile, non è necessario, anche la sofferenza può essere una barriera. In tal modo [il personaggio] può crescere, evolversi al di fuori della sofferenza.

Il personaggio Imm si confronta regolarmente con la morte dei suoi. In che modo questo influenza la sua evoluzione?

Oima: Imm attraversa le fasi dell’evoluzione che sono delle fasi che ritroviamo nel normale uomo mortale man mano che andiamo avanti con la storia. Finora, è arrivato sulla Terra, ha incontrato una bambina che, in qualche modo, ha interpretato il ruolo di sua madre, poi ha incontrato un personaggio che assomiglia in qualche modo a suo fratello, ha poi trovato un gruppo di amici che nel mondo moderno potrebbero essere un gruppo di compagni di scuola, e così via… I personaggi che incontra sono infatti la riproduzione della sua evoluzione come nel caso se fosse un ragazzo come tutti gli altri e se vivesse in un mondo come gli altri. Col progredire dei volumi e dei capitoli, lo vediamo crescere, lo vediamo evolvere, ha un’età mentale molto bassa, quella di un bambino piccolo, e oggi ha all’incirca l’età mentale un bambino di 14 anni.

L’autrice definisce i ruoli di diversi personaggi con i suoi editori? È stata una sua scelta completamente consapevole fin dall’inizio?

Oima: Per quanto riguarda il personaggio di March, vediamo nel manga che è una bambina molto piccola, il cui sogno è quello di diventare una madre e un adulta molto presto. Inserendola come madre surrogata di Imm, accede in qualche modo al suo primo desiderio.

Questa scelta è stata presa con gli editori?

Oima: Sì, assolutamente.

Tutti i personaggi che muoiono col proseguire della storia… non le piacciono?

Oima: Non è per odio o perché li detesto che uccido i personaggi. Lo sappiamo tutti molto bene mi piacciono molto.

Qual è la ricetta per un buon personaggio?

Editore: Per noi, come editori, il personaggio giusto è quello che aiuterà il personaggio principale a evolversi, o che servirà da innesco per far avanzare la storia.

E cosa fa di un eroe, un eroe? Cosa rende un buon eroe?

Oima: È la mia opinione personale, direi che un personaggio un po’ impacciato, che ha delle debolezze sarà un buon protagonista.

È più facile creare questa storia in un mondo di fantasia piuttosto che in un mondo reale?

Editore: Il vantaggio della fantasia è che permette di mettere in atto degli elementi che non potresti assolutamente mettere in atto in un mondo reale o in un mondo moderno.

Degli esempi?

Editore: Un esempio molto concreto e preciso. Il momento in cui Gugu viene catturato da un vecchio che fa il proprio alcol e decide di fare un esperimento su di lui mettendo una riserva di alcol nello stomaco, per usare il succo gastrico per produrre un alcol più forte e migliore.
Sinceramente penso che già in un mondo fantastico, ci siamo chiesti se non avessimo superato un certo limite, se non avessimo attraversato una certa linea, quindi in un mondo reale, e in un manga ambientato nel 21 ° secolo in Giappone, non avremmo fatto questa scelta.

Come è progettata la disposizione delle tavole?

Oima: L’idea è di ottenere la massima quantità di cose in un piccolo spazio, tenendo conto della direzione di lettura, del modo in cui la pagina verrà aperta, questo perché la pagina è piegata in due. Per prima cosa creo la pagina destra perché sarà la prima a essere letta e poi lavoro a quella a sinistra. Quando le persone sfogliano rapidamente il manga, possono vedere il riquadro in alto a sinistra, quindi ci lavoro sopra in modo specifico. E mentre giriamo le pagine in questa direzione, metto un gancio in fondo alla pagina in modo che i lettori vogliano vedere la prossima.

È un lavoro molto ragionato

Oima: Ci sono molte persone molto meglio di me in quest’area (ride)

To Your Eternity

Può dirci velocemente cosa sta facendo sul suo disegno?

Oima: Questa è l’inchiostrazione. In precedenza, avete visto lo schizzo. Qui, è la fase di inchiostrazione in cui la linea non viene ritoccata.

Come si svolge una settimana lavorativa?

Editore: Partendo dal presupposto che Oima-sensei ci restituisca le tavole finite giovedì mattina, ha un periodo di riposo di diverse ore in cui riposerà, dormirà e ci incontreremo alla fine del pomeriggio o all’inizio del sera per discutere insieme quale sarà la continuazione della storia.
Concorderemo sulla direzione da prendere, sceglieremo quale personaggio far evolvere e da giovedì a sabato, lavorerà sullo storyboard. Poi, sabato, una volta che siamo d’accordo sullo storyboard, gli assistenti che l’aiutano arrivano allo studio, e da sabato a mercoledì, tutti lavorano alla realizzazione delle tavole. Arrivo giovedì mattina per recuperare le tavole finite.

Quindi hanno solo una mattinata di riposo?

Editore: Gli editori in realtà hanno più possibilità di riposare dell’autore, Oima-sensei ha un tempo di riposo molto limitato.

È una fonte di stress per gli editori?

Editore: È un lavoro ripetitivo e settimanale, vorremmo dire che ci siamo abituati, ma non è vero perché le pubblicazioni di un settimanale sono pubblicazioni che hanno molta concorrenza e che generano molta tensione tra diversi editori e autori. Abbiamo anche periodi di riposo perché ci sono dei numeri doppi. Ogni anno, due o tre volte l’anno, la rivista non appare per una settimana, quindi viene sostituita da dei numeri doppi.
Questi sono i momenti in cui riusciamo a prendere fiato e la pressione diminuisce.

Dal momento che sono due gli editori, come dividono il lavoro?

Editore: In questo caso, siamo due editori, ma nel complesso, facciamo quasi lo stesso lavoro. Siamo insieme alle riunioni, cerchiamo di dare un contributo identico rispetto all’autore. Dopo, entrambi abbiamo esperienze diverse: sono più vecchio del mio collega, quindi la distribuzione a volte è leggermente diversa. Per esempio, è lui che prenderà le tavole, che è più disponibile di me quando l’autore chiama, ma dentro i volumi rilegati, i supplementi, le riletture, i ritocchi, sono piuttosto io che me ne prendo cura, quindi è una ripartizione abbastanza equa.

To Your Eternity

Come lavorano sui supplementi?

Editore: Le pagine bonus che troviamo nei manga, per prima ci viene detto che in quel volume, alla fine avremo la disponibilità di un certo numero pagine che potremmo voler occupare o meno.
Possiamo lasciarle così com’è, ma quando abbiamo l’opportunità di occuparle con dei bonus, ce ne occupiamo. Poiché l’autrice è già molto impegnata con la sua pubblicazione settimanale, le viene risparmiato il pensiero.
Tendiamo a farle delle proposte su quello che vorremmo aggiungere in queste pagine bonus e, a seconda delle proposte che le facciamo, Oima-sensei accetta o meno.

Quanto vi sentite coinvolti in questo manga?

Editore: Il ruolo dell’editore dipende dal coinvolgimento che ha nel lavoro. La nostra obiezione è fare ogni sforzo per pubblicare il manga. Questa è la parte più importante del nostro lavoro.
Nel caso di Oima-sensei, è un’autrice che ha delle idee abbastanza chiare e precise su quello che vuole esprimere nella sua storia. Detto questo, dato che è un lavoro a lungo termine, continua ogni settimana, possiamo avere un ruolo di dinamizzatore a questo riguardo.
Entrambi cerchiamo di portare sia delle discussioni sia delle esperienze vissute da noi stessi che possiamo condividere con l’autrice, e di cui l’autrice può nutrirsi, per la progressione della storia o per aiutarla a esprimere un’idea che ha avuto.

Da quanti volumi sarà composto il manga?

Oima: Come minimo, vorrei continuare per due anni.

Editore: Certo (ride). Sappiamo già che la storia durerà almeno altri due anni, abbiamo fissato dei punti obbligatori nella storia che vogliamo raggiungere. Rispetto al piano che era stato stabilito all’inizio, per sviluppare questo o quell’aspetto del personaggio o della storia, ci vorranno così tanti volumi, siamo andati un po’ più velocemente di quanto avevamo programmato.
Quindi in termini di numero di volumi, non abbiamo nulla di definito. Abbiamo un’idea generale di partenza, piuttosto ampia nel numero di volumi che la serie conterà, e man mano che la storia avanza, aggiusteremo questo dato. Oima-sensei dice che ci vorranno ancora almeno due anni, ma pensiamo che durerà ancora un po’.

Domanda agli editori: oltre a Oima-sensei, con quale altro autore lavorate in Giappone? E quale serie?

Editore: Collaboro con altri autori come il manga “Koi to Uso” (Love and Lies). Con To Your Eternity, queste sono le due serie principali a cui sto lavorando.

Ci sarà un adattamento anime di To Your Eternity?

Editore: Ovviamente, abbiamo già ricevuto alcuni progetti. Non mi sorprende, è abbastanza comune. Ma per ora, nulla è definito, in quale formato, quando, nulla è deciso. Vi ho risposto molto sinceramente perché siamo in Francia, ma se fosse stato chiesto in Giappone, avrei preferito rispondere “Nessun commento”. Che rimanga tra noi.

To Your Eternity

L’editore è più attento al pubblico o all’autore?

Editore: Non diamo più priorità all’uno o all’altro. A seconda dei casi, a seconda di cosa serva meglio l’opera, si cerca di tener maggiormente conto dell’opinione del pubblico o dell’autore.
La priorità è concentrarsi su quello che l’autore vuole fare con l’opera. In linea di principio non viene data priorità all’uno o all’altro.

Hai altri progetti?

Editore: Come editore, è ovvio che anche dopo la fine di To Your Eternity, l’autore continuerà a disegnare per la rivista. Oima-sensei ha un talento davvero raro e molto speciale.
Come editore, vogliamo davvero che lei continui a disegnare il più a lungo possibile.

Il manga è molto contemplativo e filosofico. Che tipo di musica avrebbe messo nelle scene principali, in particolare del primo volume con pochi testi? E cosa le piacerebbe ascoltare?

Oima: Buona domanda. Mi piacciono molto diversi tipi di musica, provenienti da molti paesi diversi. Dato che sono una grande fan della fantasia classica, è difficile rispondere con precisione. Penso che ci sarebbe molta musica diversa.

DOMANDA DEL PUBBLICO

Sono un ex libraio specializzato in fumetti, ho letto molte opere. E sono stato molto influenzata dalle opere di Oima-sensei. A parte l’età, penso che sia una dotata nella grafica dei personaggi e nella trama.
Quali sono le sue influenze in termini di manga, fiction o opere basate sulla realtà? Quali sono i suoi autori principali?

Oima: Grazie per i complimenti. Quando ero una bambina, non ho sempre avuto un’infanzia molto divertente e questo è quello che mi ha spinto a trascorrere un sacco di tempo a disegnare.
Molte opere mi hanno influenzata. E stranamente, oggi, leggo meno manga di prima e tendo ad essere influenzata da altri media. Recentemente, c’è stato in particolare un film che ho visto (sembra si tratti di La sposa promessa/La promise, ndr.), che volevo vedere da molto tempo, avevo comprato il DVD ma non l’avevo ancora visto, e dopo averlo finalmente visto, è stato qualcosa che mi ha colpita.

Ultime parole?

Oima: Sono molto felice di vedere che così tante persone sono venute per partecipare a questo evento. Grazie molte.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

El Camino: il teaser trailer del film di Breaking Bad, dall’11 ottobre su Netflix 25 Agosto 2019 - 1:18

Ecco il trailer di El Camino, il film di Breaking Bad che prosegue la storia di Jesse Pinkman, il personaggio interpretato da Aaron Paul. Dall'11 ottobre su Netflix.

Frozen 2: Evan Rachel Wood sarà la madre di Anna e Elsa 24 Agosto 2019 - 21:39

Evan Rachel Wood da Westworld a Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle. L'attrice presterà la voce alla madre di Anna e Elsa nel sequel animato, in arrivo nelle nostre sale il prossimo novembre.

Raya and the Last Dragon: il nuovo film Disney con le voci di Cassie Steele e Awkwafina 24 Agosto 2019 - 21:26

Durante l’edizione 2019 del D23 Expo la Disney ha annunciato la prossima realizzazione di un nuovo film animato, intitolato Raya And The Last Dragon.

Yado – Red Sonja (FantaDoc) 22 Agosto 2019 - 14:49

La storia di Yado (Red Sonja) con Brigitte Nielsen e Arnold Schwarzenegger: come una certa modella danese si è ritrovata a portare sulle spalle l'eredità di Conan il barbaro. Morendo di freddo in Abruzzo.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Kronos, sfida al passato 21 Agosto 2019 - 16:20

La storia della serie TV Kronos - Sfida al passato (The Time Tunnel) e dei suoi viaggi nel tempo all'insegna del riciclo totale e delle sfighe cosmiche. Con un pizzico di John Williams.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.