L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
THE OA 2: La spiegazione del finale e le regole del multiverso

THE OA 2: La spiegazione del finale e le regole del multiverso

Di Andrea Suatoni

La prima stagione di The OA, controversa, misteriosa ed incredibilmente affascinante serie originale Netflix, ci aveva lasciato lo scorso anno con moltissimi interrogativi. Primo fra tutti: Prairie, the Original Angel (o il Primo Angelo nella versione italiana) diceva la verità riguardo il suo viaggio, la sua prigionia, i famigerati movimenti, oppure no?

La risposta (affermativa) è subito esplosa nel primo episodio della seconda stagione: non solo gli autori hanno deciso di confermare pienamente la fantastica storia della protagonista, ma hanno dotato il mondo dove lo show si svolge di ben precise e predeterminate regole, rivelando pian piano al pubblico il funzionamento di un multiverso fatto di realtà alternative e di viaggi fra di esse, di sogni premonitori e di percorsi mistici, di viaggiatori ambigui, natura spirituale e (si, davvero) di polpi telepatici. Figlio di logiche talmente candide e semplici nella loro eccezionalità da risultare spesso spiazzanti.

THE OA: LE REGOLE

Ecco quindi quello che sappiamo dell’universo narrativo dove si muovono Prairie (o Nina), Hap, Homer e tutti gli altri protagonisti della storia (nonché le loro “versioni alternative”):

  • Durante le esperienze di pre-morte, alcuni individui sono in grado di compiere delle incursioni in delle realtà alternative.
  • Esistono diverse realtà alternative, ed esiste più di un modo di viaggiare fra di esse (come i movimenti, dei passaggi in luoghi altamente sensibili come il rosone della casa protagonista della seconda stagione, o, anche se solo temporaneamente, le stesse esperienze di pre-morte).
  • Chi viaggia (o “salta”) attraverso le dimensioni può farlo solamente all’interno del corpo e della mente di una propria versione alternativa. Nel caso tale individuo sia deceduto, per il viaggiatore sarà la morte (oppure sarà impossibile saltare).
  • Il viaggiatore lascia dietro di sé un corpo debilitato, bisognoso di cure immediate, come ci mostra infatti l’ambigua Elodie: la vediamo infatti contattare i soccorsi medici prima di saltare, per poi ritrovarla più avanti di nuovo in salute nella stessa realtà che aveva lasciato, segno che il suo corpo è sopravvissuto al precedente viaggio.
  • Non c’è quindi bisogno che il corpo (o la mente) da cui si compie il salto sia morente, come precedentemente alcune teorie affermavano (un’altra conferma è data dal corpo di Michelle: è possibile tornare nel proprio corpo, o nella propria dimensione, originale).
  • Tramite i fiori che nascono dai corpi di chi ha compiuto un viaggio mistico nella “casa”, è possibile predeterminare la realtà nella quale si vuole saltare. Anche un legame molto forte con una persona che si è già conosciuta ed ha saltato precedentemente può fungere da ancora per viaggiare in una determinata realtà (come fa Prairie ad inizio stagione, finendo nella realtà dove si trova il suo Homer)
  • Persone che hanno un forte legame in una realtà, con tutta probabilità sono legate anche nelle altre, poiché gli eventi importanti che accadono in una dimensione hanno effetto anche nelle altre.
  • E’ possibile condividere la propria mente con quella della versione alternativa di sé stessi nella quale si è saltati, ma è altresì possibile che una delle due parti prevalga sull’altra, di fatto cancellandola (o meglio confinandola, come nel caso di Prairie su Nina o, all’opposto, del Dr. Roberts su Homer).
  • Individui particolarmente sensibili (come BBA) possono percepire la presenza delle persone attraverso le dimensioni.

IL FINALE DELLA SECONDA STAGIONE

Nel finale della seconda stagione, Hap ha imparato da Elodie che è possibile “meccanizzare” i movimenti tramite degli appositi marchingegni, che li ripetono alla perfezione. Il suo piano è trasportare Prairie/Nina in una realtà dove la donna è innamorata di lui, per vivere una vita felice insieme a lei: contemporaneamente però, nella realtà “originale” di Prairie, BBA, Steve e gli altri stanno anch’essi compiendo i movimenti, per cercare, ad una dimensione di distanza ma nello stesso luogo, di evitare il viaggio forzato alla loro amica.
Ciò che accade è unico: le due serie di movimenti entrano in “collisione”, e Prairie inizia a fluttuare, bloccata nel nesso di tutte le dimensioni: l’Original Angel si trova ad “un atto di fede” dal saltare in qualsiasi realtà desideri. Ma al nesso fra le dimensioni, che si trova dietro il rosone nella famosa casa di Nina, arriva proprio in quel momento anche Karim: aprendolo, l’uomo rompe l’equilibrio così creatosi, facendo precipitare Prairie proprio nella realtà dove Hap la attende (e dove probabilmente alla fine è saltato anche Homer).

Se per Karim l’apertura del rosone (che non può attraversare, probabilmente perché nella realtà che vede attraverso di esso non esiste una sua controparte in vita) rappresenta la positiva fine di un viaggio, poiché riesce così a ritrovare la Michelle della sua realtà (che capiamo solo ora essere precedentemente saltata nel corpo del Buck – o meglio del suo interprete Ian Alexander, ma di questo parleremo dopo – di questa nuova dimensione), per Prairie rappresenta l’inizio di un nuovo incubo, a cui però era probabilmente destinata. L’arrivo di Karim proprio in quell’esatto momento era infatti stato oggetto di vari sogni premonitori, e come forse ci verrà spiegato in seguito, pare essere stato provvidenziale.

Il colpo di scena più affascinante è determinato dalla speciale connotazione della realtà nella quale Hap, Prairie e scopriremo poco più avanti anche Steve (con tutta probabilità anche Homer e forse anche BBA) sono arrivati: si tratta infatti della nostra realtà, dove gli attori protagonisti dello show stanno appunto girando l’ultima scena della seconda stagione di The OA. Ascoltare l’attore Jason Isaacs, interprete di Hap, esclamare “Sono Jason Isaacs” è esaltante quanto spiazzante, mentre anche la versione alternativa di Prairie è incarnata dalla sua reale interprete, Brit Marling (una grande differenza con la realtà è determinata però dal fatto che i due, nella vita reale, non sono davvero sposati, come sembrerebbero invece essere in questa sede).

The OA vuole forse lasciarci intuire quindi che anche l’immaginazione può essere uno dei modi con cui la mente riesce ad accedere – inconsciamente – alle realtà alternative; lo show addirittura solletica l’idea che qualsiasi film, serie tv o racconto in generale possa in realtà risultare l’espressione di un mondo parallelo, in un multiverso omnicomprensivo fatto di realtà multi-media-reali tutte collegate fra loro.
All’opposto però, l’epilogo della stagione solleva una questione che si riallaccia al finale della prima: possibile che il trauma cranico ricevuto da Brit Marling/Prairie (che metaforicamente è anche la creatrice della serie) sia alla base di tutto ciò che abbiamo visto finora, nato dalla sua impossibilità di distinguere l’illusione (della serie che stava girando, proprio The OA) dalla realtà?

Di nuovo, siamo costretti a mettere in dubbio che il mondo di Prairie/Nina/Brit sia reale, e chissà per quanto tempo ancora. Netflix, ti preghiamo, non farci aspettare troppo prima della prossima stagione. La nostra mente è già aperta. Abbiamo fede. Siamo già pronti.

LEGGI ANCHE:

La nostra recensione della seconda stagione di The OA

Il trailer della seconda stagione di The OA

La versione degli autori riguardo il finale della prima stagione di The OA

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office: Detective Conan incassa ¥5.9 miliardi, Evangelion supera Shin Godzilla, Demon Slayer supera i ¥39.9 miliardi 11 Maggio 2021 - 21:38

Confermato Demon Slayer al primo posto al box office mondiale dei film del 2020, Evangelion supera Shin Godzilla durante la Golden Week e diventa il film di maggior incasso di Hideaki Anno. In Giappone estese le restrizioni a causa della pandemia. I due film di Kenshin in arrivo su Netflix

David di Donatello 2021: trionfa Volevo Nascondermi, tutti i vincitori 11 Maggio 2021 - 21:30

È terminata la 66esima edizione dei David di Donatello, il più prestigioso premio cinematografico italiano. Ecco tutti i vincitori.

Kiefer Sutherland in una nuova serie di spionaggio su Paramount+ 11 Maggio 2021 - 21:00

La star di 24 e Designated Survivor tornerà in azione in una serie ideata da John Requa e Glenn Ficarra, produttori esecutivi di This Is Us

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.