L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
EXCL – Millie Bobby Brown parla di Godzilla II: King Of The Monsters: “È stata una sfida personale”

EXCL – Millie Bobby Brown parla di Godzilla II: King Of The Monsters: “È stata una sfida personale”

Di Adriano Ercolani

LEGGI ANCHE: Un giorno sul set di Godzilla II: King Of The Monsters

Si può essere una delle attrici più famose dell’intero panorama dello showbusiness a soli quindici anni? La risposta è sì. Soprattutto se ti chiami Millie Bobby Brown. Grazie al personaggio di Undici nella serie di culto Stranger Things (Netflix), l’attrice cresciuta a Orlando (ma nata in Spagna) è un’icona per tutti gli appassionati di fantascienza. E lo diventerà ancora di più grazie al prossimo Godzilla II: King Of The Monsters, suo esordio al cinema. Noi di ScreenWeek l’abbiamo incontrata sul set del blockbuster diretto da Michael Dougherty, in arrivo nelle nostre sale il 30 maggio 2019. Ecco tutto quello che ci ha raccontato:

In Godzilla II: King Of The Monsters interpreta Madison Russell, una giovane ragazza in un mondo devastato dai Titani. Cosa ti ha catturato di questo personaggio?

Madison è una persona forte, coraggiosa, che al tempo stesso però possiede un lato vulnerabile, il quale talvolta prende il sopravvento. Spesso le emozioni la travolgono. Come ogni ragazza di dodici, tredici anni deve ancora capire esattamente qual è il suo posto nel mondo, soprattutto quello devastato dalle creature che adesso lo popolano. Madison è nata in questa situazione, non ha avuto scelta. È un personaggio a cui il pubblico può accostarsi, soprattutto gli spettatori più giovani.

Qual è il rapporto di Madison con i suoi genitori?

È stata cresciuta da una madre Emma (Vera Farmiga, ndr.) che le ha insegnato a fare la cosa giusta. Anche suo padre Mark (Kyle Chandler, ndr.) è fondamentale per lei, anche se i suoi genitori però hanno una prospettiva differente su come affrontare le situazioni che riguardano i Titani. Madison non sa quale sia la decisione giusta, nel corso del film dovrà imparare a scegliere secondo il proprio cuore.

A proposito del resto del cast, come si è trovata a lavorare con attori di certo più esperti di lei?

Per me recitare con professionisti come Kyle Chandler è stato un sogno che diventa realtà, ero una sua fan fin da bambina, non mi perdevo una puntata di Friday Night Lights. Anche quando non devo girare vengo sul set e guardo ciò che fanno i miei colleghi adulti, cerco di carpire i loro segreti e adoperarli per migliorarmi come attrice.

Quale è stata la sfida più grossa che le riprese del film le hanno proposto fino ad ora?

Soprattutto nelle prime settimane di lavorazione la fatica fisica è stata enormemente superiore a quella emotiva. Ho chiesto di poter girare tutte le scene d’azione che potevo, per me era importante restituire un senso di verità ai fatti, anche nelle sequenze più complesse a livello fisico. Lottare con gli elementi come pioggia, vento e fuoco. C’è una scena in cui devo lottare con tutti loro, è stata davvero tosta… ma mi ha esaltato veramente riuscire a portare a termine le mie scene. Ne sono stata entusiasta, per me era una sfida personale.

Come si è trovata invece a dovere recitare circondata dal green screen?

Per me non è stato particolarmente difficile, in fondo è quello che faccio sempre quando recito: uso la mia immaginazione. Bisogna calarsi nel momento, capire la situazione e quello che il personaggio sta vivendo: la reazione diventerà allora spontanea. Di fronte a questo tipo di riprese hai due opportunità: guardare semplicemente il green screen o vedere Godzilla. Io ho scelto di vedere Godzilla.

C’è una grande differenza tra girare Stranger Things e Godzilla II: King Of The Monsters?

È un processo di lavorazione diverso, soprattutto nelle dimensioni. I set di Godzilla sono molto più grandi di quelli di Stranger Things, così come i tempi di riprese. Per girare al meglio ogni scena ci si prende tutto il tempo necessario, nello show spesso i ritmi sono decisamente più serrati. Nel film inoltre abbiamo avuto diverse settimane di prove con gli altri attori per ottenere l’alchimia e le reazioni più veritiere. Sul set di Godzilla giri una scena a ripetizione per arrivare alle risposte fisiche ed emotive che il regista vuole. Lavorare per Stranger Things è qualcosa di molto più istintivo, ma entrambi gli aspetti sono davvero stimolanti, sento di essere cresciuta moltissimo come attrice passando dalla serie a un progetto pieno di dettagli come questo.

Cosa l’ha sorpresa maggiormente della sceneggiatura del film?

Non mi aspettavo che tutte le creature presenti in questo lungometraggio possedessero una loro personalità specifica, non sono soltanto esseri portatori di morte e distruzione. Certo, alcuni sono il classico cattivo di un film, ma altri sono animali con cui ci si può connettere. C’è un messaggio ambientalista in Godzilla II: King Of The Monsters, questo è certo.

Ultima domanda: che rapporto ha con la storia di Godzilla al cinema?

Non ho visto gli altri film, soltanto l’’ultimo con Bryan Cranston perché sono una sua grande fan. Posso dire però che questa nuova versione è totalmente diversa dai precedenti, non volevo essere in qualche modo condizionata durante le riprese. È un omaggio a quello che è venuto prima in qualche modo, ma ciò che Michael Dougherty ha messo sul piatto nel nostro film è totalmente originale.

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Carnival Row – Una featurette ci porta alla scoperta delle scenografie 17 Settembre 2019 - 14:15

Amazon ha pubblicato una featurette dedicata alle scenografie di Carnival Row, la serie thriller/fantasy uscita di recente su Prime Video.

No Time to Die: ben tre Aston Martin sul set di 007 a Matera 17 Settembre 2019 - 13:15

Ben tre Aston Martin nelle nuove foto dal set di Matera di No Time to Die, il prossimo capitolo della saga 007 attualmente in lavorazione.

Sophie Turner con Corey Hawkins in Survive: sarà il suo primo ruolo televisivo dopo Game of Thrones 17 Settembre 2019 - 12:30

Sophie Turner torna sul piccolo schermo dopo l'epilogo di Game of Thrones: sarà co-protagonista di Survive, serie Quibi con Corey Hawkins.

StreamWeek: giù, nella tana del bianconiglio, con Undone 16 Settembre 2019 - 11:32

A qualcuno piace Caldo, City on a Hill e Undone nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

La storia di Dune (FantaDoc) 12 Settembre 2019 - 16:28

Il lungo e tortuoso percorso che ha portato il Dune di David Lynch, con il suo cast pieno di stelle, a diventare un grandissimo successNO.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Lancillotto 008 11 Settembre 2019 - 12:15

Dare tutto un altro significato all'espressione "monkey business": gli scimpanzé agenti segreti di Lancillotto 008.