L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Charlie Says – Il trailer del film di Mary Harron con Matt Smith nel ruolo di Charles Manson

Charlie Says – Il trailer del film di Mary Harron con Matt Smith nel ruolo di Charles Manson

Di Lorenzo Pedrazzi

Fandango e IFC Films hanno pubblicato il trailer di Charlie Says, film di Mary Harron presentato alla scorsa Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

La regista di American Psycho concentra l’attenzione sulle ragazze che furono plagiate da Charles Manson (interpretato da Matt Smith) e uccisero per lui. Alla base della sceneggiatura di Guinevere Turner – la stessa di American Psycho e The Notorious Betty Page – è basata sui libri di Karlene Faith e Ed Sanders.

La sinossi

Anni dopo gli scioccanti omicidi che hanno reso il nome di Charles Manson sinonimo di male puro, le tre donne che uccisero per lui — Leslie Van Houten (Hannah Murray), Patricia Krenwinkel (Sosie Bacon) e Susan Atkins (Marianne Rendón) — restano sotto l’incantesimo del famigerato leader (Matt Smith). Confinate in alcune celle isolate di un penitenziario californiano, le tre donne sembrano destinate a vivere il resto della vita nell’illusione che le loro azioni facciano parte di un piano cosmico… finché la giovane laureata Karlene Faith (Merritt Wever) non viene incaricata di riabilitarle. Convinta che le prigioniere non siano i mostri disumani di cui parla il resto del mondo, Karlene comincia l’arduo processo di abbattimento delle barriere psicologiche erette da Manson. Ma le donne sono pronte a confrontarsi con l’orrore di ciò che hanno fatto?

Il trailer

Il cast

Nel cast di Charlie Says figurano anche Hannah Murray, Suki Waterhouse, Annabeth Gish, Merritt Wever, Chace Crawford, Sosie Bacon, Grace Van Dien, Kayli Carter, Bridger Zadina, India Ennenga, Kimmy Shields, Marianne Rendón e Lindsay Farris.

I fatti

Charles Manson cominciò a radunare seguaci nel 1967, atteggiandosi a leader carismatico e musicista hippy: lui e la sua family (questo il soprannome del gruppo) vissero di furti e altre attività criminali, fondando un culto delirante, razzista e satanista che sfociò nelle stragi dell’agosto 1969, quando Manson inviò alcuni suoi “discepoli” nella villa di un produttore discografico – Terry Melcher – che aveva rifiutato le sue canzoni. La villa era occupata da Sharon Tate, incinta di otto mesi, e da alcuni amici, mentre Polanski si trovava a Londra perché aveva appena finito di girare Rosemary’s Baby. Tutti i presenti furono massacrati dai seguaci di Manson, e gli omicidi continuarono anche nelle settimane successive.

Fonte: ComingSoon.net

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.