L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Captive State: l’invasione aliena come metafora di un sistema, la recensione

Captive State: l’invasione aliena come metafora di un sistema, la recensione

Di Adriano Ercolani

Bisogna lasciarlo decantare un minimo, questo nuovo film diretto da Rupert Wyatt. Bisogna dargli il tempo di settare le proprie regole interne, estetiche ancor prima che narrative. Perché alla fantascienza che suggerisce invece di mostrare forse non siamo più tanto abituati. Visivamente saziati dagli effetti speciali di Star Wars, Il signore degli Anelli, Avengers o scegliete voi quali altre saghe, ci siamo un minimo allontanati dalla concezione di questo genere come specchio deformante del nostro reale, delle sue contraddizioni sociali, politiche e civili.

L’invasione aliena come metafora di un sistema

E invece Captive State si propone proprio questo, adoperando l’invasione aliena come metafora di un sistema sempre più castrante e vessatorio a cui il singolo ha il dovere di ribellarsi. Che sia politico o economico, chi detiene il potere continua ad adoperarlo per distanziarsi sempre più dall’uomo comune, dal cittadino della strada. Non è assolutamente un caso se il film è ambientato a Chicago, dove i problemi socioeconomici hanno creato una frattura enorme e sanguinosa all’interno dello stesso tessuto della città.
Quelle di Captive State sono un’idea e un messaggio forse non originali, ma che nel corso della storia di consolidano con efficacia, fino a un finale che finalmente impreziosisce invece che sminuire la trama.

Fin dalle prime scene bisogna fare i conti col fatto che Captive State è un film “povero” nell’immagine, basilare nell’uso degli effetti speciali. Meglio rivolgersi ad altri tipi di produzioni se si vuole rimanere abbacinati dalla forza visiva degli effetti speciali. Anche quando Wyatt decide di adoperarne, l’idea che ne scaturisce è sempre quella che non siano importanti, non siano la radice e la ragione fondante del suo lungometraggio. Al contrario lo sono i personaggi, le loro storie, i rapporti dolorosi che li legano. E ci riferiamo al gruppo di ribelli comandato da Patrick Ellison (un James Ransone sempre più efficace) ma anche al capo della sicurezza William Mulligan (John Goodman), il quale vuole sgominare a tutti i costi la cellula di sovversivi che ancora si oppone alla “pacifica” dittatura aliena. In un certo modo sono tutti parte, più o meno consciamente, di una struttura totalitaria e repressiva che, dietro le sembianze di entità aliene, mostra molte (troppe) somiglianze con il nostro presente.

Il nostro domani

Torniamo dunque al concetto da cui siamo partiti: concedete a Captive State il tempo necessario per dipanarsi, per lasciarvi conoscere i suoi personaggi e farvi entrare nella sua atmosfera desolante quanto veritiera. Forse non vi scuoterà nel profondo, magari non vi farà saltare sulla poltrona. Però vi lascerà dentro quella sensazione spiacevole ma necessaria che ciò che è stato messo in scena potrebbe essere il nostro domani. Anche senza alieni…

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Agents of S.H.I.E.L.D. – Il cast saluta la serie in vista del finale [VIDEO] 11 Agosto 2020 - 21:45

Dopo ben sette stagioni, la serie Marvel Agents of S.H.I.E.L.D. si chiuderà con un doppio finale. Per l’occasione è stato diffuso un nuovo video con il cast, la crew e gli autori della serie.

Run: il thriller con Sarah Paulson rinuncia al cinema, arriverà su Hulu 11 Agosto 2020 - 21:00

Anche Run, il thriller diretto da Aneesh Chaganty con protagonista Sarah Paulson rinuncia all’uscita cinematografica a causa dell’emergenza Covid-19.

The Umbrella Academy: La spiegazione del finale della seconda stagione 11 Agosto 2020 - 20:30

Il finale di The Umbrella Academy, fra viaggi temporali e realtà alternative, solleva moltissime domande: ecco la nostra analisi!

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.