L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Captain Marvel: Tutti gli ERRORI nel film

Captain Marvel: Tutti gli ERRORI nel film

Di Andrea Suatoni

Il successo di Captain Marvel, l’ultima fatica dei Marvel Studios per il Marvel Cinematic Universe, è inarrestabile: la storia di Carol Danvers sta conquistando pian piano tutti i Marvel fan, nonostante il personaggio sia nuovissimo e sia stato introdotto nell’universo unito non solo senza essere stato preceduto neanche da una scena dopo i titoli di coda nei precedenti film, ma anche accompagnata da una ret-con che riscrive ed arricchisce in parte il passato del MCU.

Ma neanche il film più perfetto è esente da alcune sviste, soprattutto se, come nel caso in questione, si ha a che fare con ricostruzioni storiche o con una continuity “vecchia” ormai di più di 10 anni: questo speciale è destinato ai fan Marvel più pignoli, a caccia di tutte quelle sfumature che in realtà, anziché danneggiare il prodotto finale, in un certo senso finiscono per impreziosirlo!

ANACRONISMI

Come evidenziato dal calendario che appare in un fotogramma del film, il film è ambientato nel Giugno del 1995. Alcune scene però contengono “pillole” di cultura pop che, sebbene fatte risalire al 1995, non avevano modo di esistere prima del mese di Giugno: ad esempio all’interno del BlockBuster compare una copia del film Il Primo Cavaliere, in realtà uscito solamente in Luglio. Ancora, la canzone Only Happy when it Rains dei Garbage che si sente riprodurre da un jukebox non venne pubblicata prima dell’Agosto 1995. Ottobre è invece la data d’uscita dell’album Melon Collie and the Infinite Sadness degli Smashing Pumpkins, di cui appare un poster.
Infine, il sistema operativo per PC Windows 95 (usato nella scena della riproduzione audio) è in realtà stato rilasciato il 24 Agosto del 1995.

Lo Stormo 144 della Guardia Nazionale della California nel film usa i velivoli classificati come F-15s; nella realtà, gli F-15s sono stati adottati dallo Stormo 144 non prima del 2013 (nel 1995, i velivoli usati erano quelli caratterizzati dalla sigla F-16s).

Il piccolo aereo a casa Rambeau in Lousiana mostra dei LED che nel 1995 non erano disponibili per tali tipi di apparecchi.

In realtà, tutti gli errori fin qui riportati sono tali solo se rapportati alla nostra realtà: le differenze anacronistiche diventano quindi semplici differenze nell’economia dell’universo unito, dove se accettiamo che pochi anni fa a New York si sia svolta una battaglia fra eroi e alieni, dovremmo anche accettare uno sfasamento nell’uscita di film, canzoni o programmi per computer.

IL PARADOSSO DI STAN LEE

Il cameo di Stan Lee in Captain Marvel, oltre ad essere denso di emozione e nostalgia in quanto primo cameo postumo del Sorridente, nasconde un significato che i fan del regista Kevin Smith hanno prontamente riconosciuto: si tratta di una citazione del film Generazione X (film uscito proprio nel 1995), dove Stan Lee interpreta sé stesso. In Captain Marvel lo vediamo infatti intento a studiare il copione del film, pronunciando anche una delle iconiche frasi della pellicola. Il paradosso sta nel fatto che nel Marvel Cinematic Universe i supereroi sono arrivati solamente in tempi recenti: nel 1995 Stan Lee non poteva essere famoso come creatore di tali personaggi nei fumetti, quindi perché Kevin Smith lo avrebbe voluto ad interpretare sé stesso?
Inoltre, come si inserisce il tutto nella teoria per la quale Stan Lee, in tutti i suoi camei nei film Marvel, interpreta un Osservatore? Esiste quindi uno Stan Lee anche nel MCU? O forse si tratta solamente di sterili quanto divertenti elucubrazioni mentali?

ERRORI IN CONTINUITY

Il termine S.H.I.E.L.D. è usato tranquillamente da Nick Fury e dai suoi in Captain Marvel, ma in Iron Man, datato molti anni dopo, sembrava che l’abbreviazione non fosse ancora stata coniata (anche se in effetti il tutto sembrava una semplice gag fra Tony Stark e Phil Coulson).

All’interno della pellicola scopriamo il modo in cui Nick Fury perse l’occhio sinistro, che fin dalle sue prime apparizioni era coperto da una benda simile a quella di un pirata. In Captain America: The Winter Soldier però avevamo notato una fotografia risalente ad un periodo dopo il 1995 (e quindi dopo Captain Marvel) nella quale Fury, nell’occasione della sua investitura a direttore dello S.H.I.E.L.D., presenta entrambi gli occhi.

ERRORI GEOGRAFICI

La battaglia nella metro di Los Angeles fra Carol e gli skrull inizia nei pressi della fermate di Douglas/El Segundo, ma la durata del viaggio e la presenza di alcune gallerie differiscono dalla reale conformazione della metropolitana.

Captain Marvel clip

IMPRECISIONI

Quando vediamo per la prima volta l’incaricato alla sicurezza che incontra Carol (o meglio, Vers) nei pressi del BlockBuster, l’uomo abbassa il finestrino come se quest’ultimo fosse elettrico. Quando poi lo rivediamo parlare con Nick Fury, il finestrino è invece diventato manuale.

La prima volta che vediamo la Harley Davidson che poi Carol ruberà allo sfortunato motociclista, l’immagine è specchiata a rovescio. Il veicolo presenta infatti i filtri dell’aria ed altre parti meccaniche dal lato opposto a dove dovrebbero essere, che poi tornano al loro posto nelle scene successive.

Lo skrull Talos afferma di aver recuperato la scatola nera del velivolo con il quale Carol e Mar-Vell sono precipitate appena prima dell’incidente nel quale l’eroina riceve i suoi poteri: l’esplosione in questione però è originata proprio nel punto in cui la scatola nera si trova nel modello di aereo visto nella scena, rendendo praticamente impossibile la “sopravvivenza” della stessa.

Captain Marvel foto

Gli skrull del Marvel Cinematic Universe possono replicare fino al livello del DNA gli individi che entrano nel loro campo visivo, incluse quindi le corde vocali. La voce dello skrull che si trasforma in una surfista in una scena del film sembra però rimanere la stessa.
Si potrebbe pensare che gli skrull possano quindi decidere, pur in forma mutata, di usare i propri toni vocali anziché quelli copiati, ma ciò porrebbe delle questioni molto difficili (certo, non insormontabili) rispetto a come la fisiologia di tali alieni ci è stata presentata.

Verso la fine del film, la canzone dei Nirvana Come as You Are viene riprodotta da un apparecchio presente nel subconscio di Carol. Tale canzone faceva parte dell’album Nevermind, uscito nel Settembre 1991: se Carol Danvers ha lasciato la Terra nel 1989 ed è tornata solo nel 1995, non è possibile che la sua memoria, neanche a livello inconscio, abbia cognizione di essa.

captain-marvel

La sinossi

Scritto e diretto dai registi/sceneggiatori Anna Boden and Ryan Fleck (Mississippi Grind e Half Nelson), il film segue le vicende di Carol Danvers, che diventa uno degli eroi più potenti dell’universo quando la Terra viene coinvolta in una guerra galattica tra due razze aliene. Ambientato negli anni ‘90, Captain Marvel è un’avventura completamente nuova che mostrerà al pubblico un periodo storico mai visto prima nell’Universo Cinematografico Marvel.

LEGGI ANCHE:

La nostra intervista a Brie Larson per Captain Marvel

La nostra intervista a Samuel L. Jackson per Captain Marvel

La nostra intervista a Gemma Chan per Captain Marvel

La recensione di Captain Marvel scritta da Roberto Recchioni

L’analisi delle scene dopo i titoli di coda di Captain Marvel

Cast, regia e sceneggiatura

Brie Larson (premio Oscar per Room) interpreta Carol Danvers, pilota dell’aeronautica militare che acquisisce straordinari superpoteri dopo un incidente in cui il suo corpo assorbe l’energia di un motore Kree. È destinata a diventare un membro importante dei Vendicatori. Nel cast figurano anche Ben Mendelsohn (l’antagonista Talos), Samuel L. Jackson (Nick Fury), Jude Law (Yon-Rogg), Gemma Chan (Minn-Erva), Lashana Lynch (Maria Rambeau), Lee Pace (Ronan), Djimon Hounsou (Korath), Clark Gregg (Phil Coulson) e Annette Bening (l’Intelligenza Suprema).

Il film è diretto da Anna Boden e Ryan Fleck, coppia di cineasti indipendenti che hanno realizzato It’s Kind of a Funny Story, Sugar, Mississippi Grind e Half Nelson (quest’ultimo scritto da entrambi ma diretto dal solo Fleck), quindi l’avventura di Carol Danvers è la loro prima esperienza in un blockbuster hollywoodiano.

La sceneggiatura è opera di Geneva Robertson-Dworet (Tomb Raider, Gotham City Sirens), Jac Schaeffer (TiMER, Black Widow), Anna Boden e Ryan Fleck, mentre il soggetto è di Nicole Perlman (autrice delle prime stesure di Guardiani della Galassia), Joe Shrapnel e Anna Waterhouse. Il cinecomic è prodotto da Kevin Feige, con Louis D’Esposito, Victoria Alonso, Jonathan Schwartz e Stan Lee come produttori esecutivi. Le musiche sono di Pinar Toprak.

 

Captain Marvel

 

Fonti: Imdb

Non perdete il nostro canale ScreenWeek TV su Youtube. Inoltre, ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI CAPTAIN MARVEL!

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Pose – La serie di Ryan Murphy finirà con la terza stagione 6 Marzo 2021 - 16:00

FX ha annunciato che Pose, acclamata serie di Ryan Murphy, Brad Falchuk e Steven Canals, finirà con la terza stagione. In Italia è disponibile su Netflix.

Thor: Love and Thunder – Natalie Portman e Tessa Thompson nelle foto dal set 6 Marzo 2021 - 15:00

Le nuove foto dal set australiano di Thor: Love and Thunder ritraggono Natalie Portman (Jane Foster) e Tessa Thompson (Valchiria).

Il Talismano – Spielberg e i fratelli Duffer per la serie Netflix tratta da Stephen King e Peter Straub 6 Marzo 2021 - 14:00

Stephen Spielberg e i fratelli Duffer produrranno Il Talismano, serie Netflix basata sull'omonimo romanzo di Stephen King e Peter Straub.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.