Condividi su

07 febbraio 2019 • 17:46 • Scritto da Marlen Vazzoler

Reunion di Il matrimonio del mio migliore amico

Foto, video e degli interessanti retroscena dalla reunion di Il matrimonio del mio migliore amico, con Julia Roberts, Dermot Mulroney, Cameron Diaz e Rupert Everett
Reunion di Il matrimonio del mio migliore amico
0

Nuovo giorno, nuova rimpatriata. Entertainment Weekly ha organizzato la reunion di Il matrimonio del mio migliore amico (My Best Friend’s Wedding) che ha riunito Julia Roberts, Dermot Mulroney, Cameron Diaz e Rupert Everett.

Nella commedia la critica gastronomica Julianne Potter (Roberts) scopre che il miglior amico Michael (Mulroney) sta per sposare l’adorabile e ricca studentessa del college di Chicago, Kimmy (Cameron Diaz). Ingelosita, decide di riprendersi Michael e di rovinare il matrimonio.

La copertina della rivista:


Mulroney si commuove fino alle lacrime quando parla del film:

“Penso a loro ogni giorno. Perché negli ultimi 22 anni la gente viene da me e cita ogni giorno questo film”.

Il regista P.J. Hogan, intervistato separatamente dal cast, spiega:

“La commedia romantica è un genere davvero difficile. Penso che ciò quello che uccide le commedie romantiche sia spesso il fatto che sembrano dei preconfezionati o dei cibi surgelati che non sono stati ancora scongelati – non sono proprio freschi. Ma quando vedo il film, regge ancora. Quando è divertente, è davvero divertente e gli attori brillano tutti. E penso che Julia sia stata straordinaria nel ruolo della protagonista. Voglio dire, chi altri sarebbe riuscito a farlo?”

Cameron ricorda la scena del karaoke

“Ero terrorizzata dal fare quella scena, per davvero. Ho permesso che il vero terrore del cantare di fronte alla gente fosse vivo in me. Volevo correre e nascondermi, e Dermot mi ha tenuto lì. Ha detto: ‘Puoi farcela, puoi farcela’. Nella scena lo sto fissando per tutto il tempo perché mi guardava come per dire ‘Stai bene. Non morirai’ E io pensavo ‘Ma sto morendo’.
E anche Julianne sapeva che non volevo cantare e lei mi ha fatto cantare”.

La scena fu scritta da P.J. poco prima dell’inizio delle riprese.

Everet ricorda che quando ha ottenuto la parte:

“C’erano letteralmente due frasi nello script. Ho pensato all’inizio che questa mossa avrebbe ucciso la mia carriera. P.J. Hogan mi ha fatto fare i test per il film tre o quattro volte. Io continuavo a dire ‘P.J. cosa posso fare? Non c’è niente che posso fare’.
E così sono arrivato con un atteggiamento piuttosto negativo, in un certo senso. Qual era il punto, ho pensato. Ma è stato completamente un punto di svolta per me.”

Test screening disastrosi

Dopo la fine delle riprese, il film ricevette aspri commenti ai test screening. La produzione fece quindi fare delle riprese aggiuntive per cambiare il finale e la scena nel bagno con Julianne e Kimmy. Originariamente Julianne s’innamora di un invitato interpretato da John Corbett.

Ricorda Hogan: “Una volta saputo che lo studio avrebbe pagato [per rigirare] l’ultima scena, ho pensato: ‘C’erano un altro paio di scene che pensavo facessero pena – è meglio se facciamo un lavoro migliore’. La prima scena del bagno non funzionava affatto. Nel modo in cui è stata originariamente interpretata il personaggio di Cameron perdona Julianne quasi immediatamente. Ricordo che sul set Cameron continuava a ripetere: ‘Non so perché la sto perdonando, voglio solo darle un pugno. Ha quasi rovinato la mia vita’.”

Hogan spiega che il focus non voleva un happy ending per Julianne, non l’avevano ancora perdonata. Quindi il regista ha pensato che la risposta fosse George:

“Perché il film davvero funzionava quando Rupert era ripreso. L?alchimia tra Rupert e Julia è fantastica”.

Fonte EW

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *