L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La reazione di Spike Lee alla vittoria di Green Book

La reazione di Spike Lee alla vittoria di Green Book

Di Marlen Vazzoler

LEGGI ANCHE: Oscar 2019: Lady Gaga e Bradley Cooper cantano “Shallow” e rubano la scena

La vittoria di Green Book come miglior film non è stata ben accolta da Spike Lee. Andrew Dalton giornalista dell’Associated Press e altre persone presenti al Dolby Theatre hanno osservato il regista, chiaramente furioso, agitare in collera le braccia. Il filmaker si è alzato e incamminato verso la parte posteriore dell’auditorium, ma prima di uscire è stato fermato.

Sappiamo che ha parlato con Jordan Peele, probabilmente è stato lui a convincerlo a tornare a sedersi, mentre sul palco i produttori di Green Book facevano il loro discorso di accettazione. Lee ha dato la schiena al palco fino alla fine del discorso. Inoltre sia Peele che altre persone sedute vicino, non hanno applaudito la vittoria del film di Peter Farrelly.

LEGGI ANCHE: Oscar 2019 – Da Alfonso Cuarón a Spike Lee, ecco i discorsi di accettazione

Quando Lee è stato chiamato nel dietro le quinte per parlare con la stampa in merito alla sua prima vittoria agli Oscar con la sceneggiatura non originale di BlacKkKlansman, i giornalisti non si sono risparmiati.

Gli è stato chiesto se questa vittoria è una compensazione della perdita di Fa’ la cosa giusta nel 1990:

“Sono un serpente che morde. Ogni volta che qualcuno si fa un giro qualcun altro, perdo. Ma hanno cambiato la disposizione dei posti!
Ma nell’89 non sono stato nominato, con questo si. Per il miglior film”.

Naturalmente gli è stato chiesto della sua reazione alla vittoria di Green Book:

“Oh aspetta un attimo, che reazione hai visto? Che cosa ho fatto?… No, pensavo di essere al bordo campo al [Madison Square] Garden. L’arbitro ha preso la decisione sbagliata”.

Infine quando gli è stato chiesto dei progressi dell’Academy negli ultimi anni, Lee ha concluso:

“Senza April Reign, #OscarsSoWhite, e l’ex presidente dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, Cheryl Boone Isaacs, non sarei qui stasera. Hanno aperto l’Accademy per rendere l’Accademy più simile all’America, più diversificata. Questo è il motivo per cui tre donne di colore, se ho contato correttamente, hanno vinto un Oscar. Questo non sarebbe accaduto senza #OscarsSoWhite e Cheryl Boone Isaacs. Fatti. Come dice il mio fratello Jay Z, fatti”.

Infine parlando dell’eredità del film, Lee ha concluso:

“Questa pellicola, indipendentemente dal fatto che abbia vinto come miglior film o meno, resisterà alla prova del tempo per essere stato dalla parte giusta della storia”.

Fonte Variety

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

I Wanna Dance With Somebody: TriStar produrrà il biopic di Whitney Houston 4 Agosto 2020 - 20:45

Il film sarà scritto da Anthony McCarten, sceneggiatore de La teoria del tutto e Bohemian Rhapsody, e prodotto dagli eredi della cantante

Ryan Reynolds rivela il Reynolds Cut di Lanterna Verde 4 Agosto 2020 - 20:00

All'estremo opposto della Snyder Cut di Justice League c'è il montaggio alternativo di Green Lantern realizzato da Ryan Reynolds

Ratched: il trailer della serie prequel di Qualcuno volò sul nido del cuculo 4 Agosto 2020 - 19:15

La nuova serie Netflix di Ryan Murphy racconterà le origini della celebre infermiera, qui interpretata da Sarah Paulson

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.