Condividi su

07 gennaio 2019 • 20:34 • Scritto da Giulio Frafuso

Netflix annuncia la serie animata Love, death & Robots, creata da David Fincher e Tim Miller

Si tratterà di uno show antologico di diciotto cortometraggi con contenuti adulti. Il genere varierà dall'horror al fantasy alla commedia. Fincher ha già realizzato per Netflix la stupenda serie Mindhunter.
0

David Fincher (Se7en) e Tim Miller (Deadpool) hanno unito le loro forze creative per creare Love, Death & Robots, serie di diciotto cortometraggi d’animazione che andrà su Netflix. Il tono dei vari momenti di questa antologia sarà decisamente adulto, svariando attraverso generi come la fantascienza e l’horror ma anche la commedia. L’annuncio parla di soldati che sono anche lupi mannari, robot ribelli e latticini capaci di intendere e volere…

Ecco la dichiarazione di Tim Miller:

Love, Death & Robots è il progetto dei miei sogni. Coniuga il mio amore per l’animazione e quello per storie fantastiche. Film di mezzanotte, libri, fumetti e riviste di fantascienza mi hanno ispirato per decenni, ma erano relegati alla cultura dei nerd di cui faccio parte. Sono fottutamente eccitato dall’idea che gli orizzonti della creatività sono finalmente cambiati al punto che l’animazione di contenuti adulti è diventata parte di una cultura più ampia.”

Netflix ha già al suo attivo (tra le altre) una serie animata “adulta” di enorme successo come Big Mouth, rinnovata per una terza stagione. Per la piattaforma streaming David Fincher ha già realizzato uno show di enorme impatto come Mindhunter, oltre ad aver diretto alcuni episodi di House of Cards. Il regista girerà World War Z 2 ma prima si dedicherà alla seconda stagione del suo show. Ricordiamo infine che Tim Miller sarà alla regia del nuovo Terminator, tornato sotto l’egida produttiva di James Cameron.

Fonte: Hollywood Reporter

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *