L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
VICE: Dick Cheney secondo Adam McKay (e Christian Bale), la recensione

VICE: Dick Cheney secondo Adam McKay (e Christian Bale), la recensione

Di Adriano Ercolani

La Sala Ovale della Casa Bianca è al buio, debolmente illuminata dalla luce che filtra attraverso una porta aperta. Sulla soglia la sagoma imponente di Christian Bale/Dick Cheney, anch’essa immersa nell’oscurità, scruta la stanza in silenzio. Pensa, architetta, oppure semplicemente sogna? Questo è il momento veramente rivelatorio di VICE – L’uomo nell’ombra, questa la sua anima più profonda, quella che si cela dietro la messa in scena scoppiettante che Adam McKay ha realizzato per il suo scatenato biopic.

In una filmografia spesso tesa a sbeffeggiare l’ipocrisia a il bigottismo dell’american way of life McKay ha probabilmente prodotto la sua “summa” con questa ricostruzione sfrontata e irruente della vicenda politica e personale del Vice Presidente di George W. Bush Jr. Come già accaduto in maniera encomiabile con La grande Scommessa, McKay mescola toni, idee, stili con una libertà creativa ammirevole, capace di creare un’energia cinematografica personale e allo stesso tempo intrattenere. In alcuni momenti VICE – L’uomo nell’ombra sembra un film realizzato dall’Oliver Stone dei tempi migliori ma con l’occhio venefico e sarcastico di Michael Moore, tanto per tentare di trovare paragoni. McKay picchia duro nella sua palese volontà di denuncia delle trame di Cheney ma non dimentica mai di essere anche un cineasta di ironia graffiante, spesso iconoclasta. Ecco allora che nel bel mezzo di una decisione fondamentale Dick e sua moglie Lynne si mettono a recitare Shakespeare (momento di genio assoluto) per render farsesca la forza emotiva del momento. VICE – L’uomo nell’ombra si rivela ben presto un fiume in piena, uno spettacolo variegato che colpisce lo spettatore quasi volesse stenderlo al tappeto. È senz’altro cinema di spada invece che fioretto, in alcuni momenti magari eccede anche e sbanda, ma ha sempre e comunque il coraggio di osare, mai si tira indietro nel racconto e nell’esposizione delle sue tesi. A rendere ancora più prezioso il lavoro di McKay contribuisce poi un cast di attori semplicemente formidabile, in cui tutti sono capaci di lavorare sul doppio binario del realismo e della satira macchiettistica con un’abilità impressionante. Più dell’imponente trasformazione fisica Christian Bale è infatti perfetto perché impersona un Dick Cheney pienamente credibile, anche se guardandolo si ha la costante e gioiosa sensazione che al tempo stesso l’attore stia anche sbeffeggiando il suo personaggio. Amy Adams è una Lynne Cheney perfetta, in molte scene anche più inquietante del marito. A supporto della coppia principale Sam Rockwell (George Bush Jr.), Steve Carell (Donald Rumsfeld) e Tyler Perry (Colin Powell) forniscono un contributo fondamentale. Nel film compaiono in parti più marginali o anche semplici cammeo anche Alison Pill, Eddie Marsan, Jesse Plemons, Shea Wingham, Bill Camp e una Naomi Watts (non accreditata) semplicemente da applausi.

Un consiglio sincero: provate a non divertirvi troppo guardando VICE – L’uomo nell’ombra. Provate a rimanere il più distanti possibile dalla messa in scena e i fatti da essa narrati. Meglio non lasciar fomentare l’indignazione o la rabbia. Perché alla fine arriverà la scena che ricorderà a tutti noi che Dick Cheney è stato (e probabilmente è ancora…) l’America. Il suo lato nell’ombra, quello che non vediamo e che pensa, architetta, magari sogna. E trasforma VICE – L’uomo nell’ombra in uno schiaffo doloroso per chiunque abbia permesso che tutto questo accadesse. Nessuno escluso.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Let It Snow: il trailer della rom-com natalizia targata Netflix 22 Ottobre 2019 - 21:30

Si respira aria di Natale nel trailer della commedia romantica con Isabela Merced e Shameik Moore

Zombieland: Doppio colpo doveva includere una reunion dei Ghostbusters 22 Ottobre 2019 - 21:15

Lo sceneggiatore Rhett Reese racconta in dettaglio la scena come avrebbe dovuto essere

Mortale – Voodoo e poteri mentali nel trailer della serie Netflix 22 Ottobre 2019 - 20:30

È disponibile il trailer di Mortale, serie fantasy di produzione francese che uscirà sulla piattaforma on-line il prossimo 21 novembre.

Galline in Fuga 2: il sequel del film Aardman sta per diventare realtà! 22 Ottobre 2019 - 15:30

Galline in Fuga 2, sequel del film animato in stop-motion del 2000, è entrato ufficialmente in fase di post-produzione! La Aardman riuscirà a riportare in auge il brand, oppure si tratta di un tentativo fuori tempo massimo?

7 cose che forse non sapevate su Hello Sandybell! 22 Ottobre 2019 - 10:00

La cugina giapposcozzese di Pippi Calzelunghe, Lost in Translation e gli schiaffi da censura. Sette curiosità su Hello Sandybell.

StreamWeek: Paul Rudd vs Paul Rudd in Living with Yourself 21 Ottobre 2019 - 15:47

Modern Love, Living With Yourself, Panama Papers e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.