L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
THE DOC(MANHATTAN) IS IN – ALF

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – ALF

Di DocManhattan

Paul Fusco aveva davanti a sé un’impresa, di quelle con la I, la M e tutte le altre lettere maiuscole. Il burattinaio, un trentenne del Connecticut, aveva creato questo pupazzo di un alieno dal pelo castano e, dopo averlo usato per tormentare la sua famiglia, voleva vendere la sua storia al produttore Bernie Brillstein. L’uomo a cui dobbiamo film come Ghostbusters e i Blues Brothers, o I Soprano. Problema: Brillstein aveva già lavorato con Jim Henson per anni al Muppet Show e non gli interessavano altri burattinai, visto che nessuno poteva essere all’altezza del padre di Kermit la rana. Fusco riuscì però a farlo divertire con il suo alieno e venne così messa in cantiere ALF, la serie che avrebbe ossessionato gli americani per alcuni anni. E distrutto i nervi del suo cast.

“VOGLIO UCCIDERLO!”

ALF debutta sulla NBC nel 1986. L’acronimo sta per Alien Life Form, il modo in cui l’alieno Gordon Shumway viene ribattezzato dalla sua famiglia adottiva nell’episodio pilota. La storia dell’extraterrestre proveniente da Melmac – un mondo distrutto dall’accensione contemporanea di tutti gli asciugacapelli – che ha più di duecento anni e ama mangiare gatti, manco fosse cresciuto a Vicenza, e della sua turbolenta relazione con i Tanner, conquista il pubblico USA. La seconda stagione, in particolare, ottiene ascolti record: l’alieno marroncino diventa un’icona di fine anni 80, tradotta in merchandising di ogni tipo e protagonista anche di un fumetto Marvel durato la bellezza di 50 numeri. Un simbolo di quei tempi, una mascotte apparsa in seguito ovunque, dai Simpson ai Griffin, passando per The Big Bang Theory.

Solo che la produzione è lenta e difficile: lavorare sul set rialzato necessario per far spuntare ALF dalle botole è complicato, e occorrono anche trenta ore di riprese per cavarne 30 minuti di sitcom. Durante le quali, 0ltre ad annoiarsi, i membri umani del cast iniziano a odiare ALF. Cercando anche, uh, di farlo a pezzi. È comprensibile: non dev’essere bellissimo vedere un peluche diventare famoso al posto tuo ed essere costretto per anni a fargli da spalla.

Max Wright (Willie Tanner) ne aveva talmente le tasche piene, che un giorno iniziò a menare il (costosissimo) pupazzo. Lo hanno dovuto tirar via i tipi della troupe. L’ultimo giorno di riprese, Wright raccolse le sue cose e andò via, senza salutare nessuno. Il clima respirato sul set era talmente gioioso che tutti erano in tensione; Anne Schedeen (Kate Tanner) dichiarò in seguito miracoloso il fatto che la serie fosse venuta fuori divertente, considerato l’incubo che era per loro girarla. Secondo Andrea Elson (Lynn Tanner), che all’epoca soffriva di bulimia, se ALF fosse andata avanti solo per un altro anno, sarebbero impazziti tutti. Allegria!

Ma non successe. Nel senso che un altro anno, per l’alieno sarcastico, non c’era.

Gli ascolti precipitarono nel corso della quarta stagione e i progetti per la quinta vennero accantonati, lasciando il telefilm senza un finale. Per chiudere la storia del rapimento di ALF da parte dell’aviazione USA, il cliffhanger con cui terminava la quarta serie, bisognerà attendere il film televisivo del ’96, Project ALF.

Durante quelle quattro stagioni in TV, mentre gli attori volevano strangolare il suo pupazzo alieno, Fusco era concentrato su un altro problema: far scivolare sotto al naso della NBC le battute ciniche e i comportamenti del suo personaggio (doppiato da lui stesso). Anche la faccenda dei gatti divenne un campo minato, dopo che un ragazzino aveva piazzato il suo micio nel microonde. Pure le birre bevute dall’extraterrestre dovettero sparire: pur avendo più di 200 anni, in quanto amatissimo dai bambini, Gordon da Melmac non poteva più bere alcolici. E poi, certo, c’era quella cosa della jacuzzi.

Nell’episodio 16 della prima stagione, “L’amnesia” (“Try to Remember”), la perdita di memoria del titolo era provocata al protagonista dal tentativo di creare un idromassaggio gettando un frullatore nella vasca da bagno. Lo stesso ALF spiegava al pubblico a fine puntata che non è molto saggio mischiare acqua ed elettricità, ma un giovane spettatore provò a replicare l’esperimento, rischiando di lasciarci la buccia. La NBC costrinse Fusco a rigirare per le repliche tutta la sequenza iniziale, con l’amnesia provocata ora da una zuccata sulla vasca anziché dalla corrente.

E questo è quello che è arrivato in TV, figuratevi quello che non è riuscito a passare al vaglio del network. Ve lo immaginate ALF che fa battute razziste e dice un sacco di parolacce? Beh, perché tra una ripresa e l’altra, quanto meno, succedeva davvero.

 

LEGGI TUTTE LE RECENSIONI DI DOC MANHATTAN
ScreenWEEK.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice “click”, compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWEEK.it come Miglior Sito di CinemaÈ possibile votare fino a martedì 6 novembre 2018.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI

Vi invitiamo anche a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perderti tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ISCRIVITI ALLA NUOVA NEWSLETTER DI SCREENWEEK
Tutte le ultime notizie dal mondo del cinema e della tv direttamente nella tua casella mail, a portata di un solo click!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.
ALF

LEGGI ANCHE

La Casa: Sam Raimi ha già scelto il regista del nuovo capitolo della saga 18 Ottobre 2019 - 20:00

La saga horror Evil Dead, lanciata da Sam Raimi negli anni ’80, tornerà sul grande schermo con un nuovo film, che a quanto pare ha già un regista...

Shang-Chi: nuovi dettagli sul film, Matrix tra le ispirazioni 18 Ottobre 2019 - 19:00

Matrix tra le ispirazioni del cinecomic Marvel Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings. Ecco le dichiarazioni del regista Destin Daniel Cretton.

Star Wars: Joonas Suotamo ospite di Lucca Comics & Games 2019 18 Ottobre 2019 - 18:00

Joonas Suotamo, l’attore finlandese che torna a interpretare Chewbacca nel film Star Wars: L’ascesa di Skywalker, sarà protagonista della giornata di apertura di Lucca Comics & Games 2019.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.