L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Widows è cinema di genere con una visione autoriale, la recensione

Widows è cinema di genere con una visione autoriale, la recensione

Di Adriano Ercolani

Al suo quarto film, il primo dopo l’Oscar per 12 anni schiavo, Steve McQueen ha scelto di raccontare l’universo femminile da una prospettiva del tutto particolare, quella di un trio di sconosciute che si trovano a dover diventare rapinatrici al posto dei rispettivi mariti rimasti uccisi dopo un colpo andato male. Alla sceneggiatura di Widows troviamo Gillian Flynn, scrittrice di genere che ha già adattato per David Fincher il suo successo letterario Gone Girl: il tocco della scrittrice sensibile e allo tempo sicuro nel delineare personaggi femminili originali è presente fin dalle prime scene. Il dolore della perdita, la volontà di non lasciarsi travolgere dagli eventi, la forza mentale per mettere a segno il colpo che salverà loro la vita sono soltanto alcuni dei tratti che raccontano la personalità delle tre protagoniste. Insieme ad essi ci sono anche piccoli ma preziosi tasselli che rendono le loro psicologie più reali, i loro sentimenti maggiormente sfumati, in particolare per i personaggi di Veronica (la solita, poderosa Viola Davis) e Alice (la sorpresa Elizabeth Debicki).

Lo script della Flynn vuole raccontare tali donne in maniera così approfondita che forse in alcuni momenti eccede addirittura nell’esposizione di sottotrame e intermezzi dedicati ad esplicitarne la multidimensionalità, allungando una narrazione che nella seconda parte avrebbe potuto essere leggermente più compatta. Ciò invece non accade alla messa in scena di Steve McQueen, che al contrario “asciuga” quasi del tutto il suo stile accentuato per realizzare un film molto più asciutto e preciso rispetto ai precedenti. Widows ad esempio fonde alla perfezione la trama principale con il contesto, un quartiere alla periferia di Chicago dove povertà e violenza dominano le vite non soltanto dei personaggi in scena. L’ambientazione urbana del film è davvero azzeccata, e riesce a dotare la visione di un senso di angoscia e ineluttabilità tangibili. La tensione dei vicoli scuri, dei garage abbandonati, dei nascondigli pieni di armi viene sfruttata da McQueen per un crescendo che porta alla sequenza finale magnificamente orchestrata, cinema d’azione vigoroso e insieme visivamente elegante.

Passando al cast, dell’efficacia della Davis e della Debicki abbiamo già accennato. In realtà anche la terza “vedova” Michelle Rodriguez fornisce una prova maiuscola, forse addirittura la migliore della sua carriera, ma il personaggio di Linda è caratterizzato con minore accuratezza rispetto agli altri due, ponendolo un po’ in secondo piano rispetto alle altre con il progredire della storia. Pur essendo un lungometraggio tutto al femminile Widows però non è un film di sole donne. Il cast di supporto è enorme, prezioso, assemblato con estrema cura: tra gli attori meritano segnalazione soprattutto Garret Dillahunt, sempre umanissimo, e al contrario un Daniel Kaluuya violento e istrionico al punto giusto.

Dramma a tinte forti, thriller d’azione dilatato e tesissimo, Widows è un film di genere realizzato attraverso una visione di cinema autoriale, il che lo rende decisamente superiore alla media di tali prodotti. Da non perdere.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Venom: La furia di Carnage – Il poster Dolby ci chiede da che parte stiamo 17 Settembre 2021 - 8:48

I due simbionti si fronteggiano sul poster di Venom: La furia di Carnage targato Dolby Cinema, a meno di un mese dall'uscita italiana.

Nightmare Alley: il teaser trailer del nuovo film di Guillermo del Toro 17 Settembre 2021 - 0:35

Come promesso, ecco il teaser trailer di Nightmare Alley, il nuovo film di Guillermo del Toro basato sul romanzo omonimo di William Lindsay Gresham.

Salvatore – Il Calzolaio dei Sogni, trailer del docufilm su Ferragamo di Luca Guadagnino 16 Settembre 2021 - 21:15

A ottobre arriverà nelle sale il film evento Salvatore – Il Calzolaio dei Sogni, il docufilm su Ferragamo diretto da Luca Guadagnino

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".