L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
EMMY 2018: il monologo di apertura e il numero musicale sul tormentone “we solved it”

EMMY 2018: il monologo di apertura e il numero musicale sul tormentone “we solved it”

Di Filippo Magnifico

LEGGI ANCHE: EMMY 2018: da Game of Thrones a Marvelous Mrs. Maisel, ecco tutti i vincitori

Si è conclusa a Los Angeles la 70esima edizione dei Primetime Emmy Awards, il più importante premio televisivo a livello internazionale, assegnato dall’Academy of Television Arts & Sciences ai migliori programmi d’intrattenimento della prima serata.

Questa edizione ha segnato il trionfo di Game of Thrones e The Marvelous Mrs. Maisel ed è stata aperta, come da tradizione dal consueto monologo dei presentatori Michael Che e Colin Jost, che hanno regalato al pubblico un discorso sulla diversità che è stato poi riprese nel numero musicale, che ha visto la partecipazione di grandi nomi come Ricky Martin, Tituss Burgess, RuPaul e Sterling K. Brown.

Molti i temi affrontati durante il monologo, tra cui anche il timore nei confronti di Netflix, in grado di terrorizzare i dirigenti dei vari network “più di una telefonata di Ronan Farrow” (il giornalista che ha fatto scoppiare il caso Weinstein, permettendo la nascita del movimento #MeToo).
Nel mirino dei due presentatori è finita anche Roseanne Barr, al centro di un polverone mediatico che si è sollevato dopo uno spiacevole tweet, considerato razzista e offensivo, che ha causato la cancellazione del suo show, Roseanne.

Ecco il numero musicale, scandito dal tormentone “we solved it” (lo abbiamo risolto) un chiaro riferimento al tema della diversità. Sandra Oh, ad esempio, è stata la prima nominata di origini asiatiche ed è stata chiamata in causa durante il numero:

ISCRIVITI ALLA NUOVA NEWSLETTER DI SCREENWEEK
Tutte le ultime notizie dal mondo del cinema e della tv direttamente nella tua casella mail, a portata di un solo click!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: L’ascesa di Skywalker – Ecco il NUOVO TRAILER! 22 Ottobre 2019 - 6:46

Ecco il nuovo, attesissimo trailer di Star Wars: L’ascesa di Skywalker, il prossimo capitolo della saga lanciata da George Lucas negli anni ’70.

Meagan Good sarà nella serie della Fox Prodigal Son 22 Ottobre 2019 - 1:25

La serie sta ottenendo un successo superiore al previsto su Fox.

Joel Edgerton potrebbe recitare nella serie su Obi-Wan Kenobi 22 Ottobre 2019 - 0:59

L'attore potrebbe riprendere il ruolo di Owen Lars, fratellastro di Anakin Skywalker e tutore di Luke.

StreamWeek: Paul Rudd vs Paul Rudd in Living with Yourself 21 Ottobre 2019 - 15:47

Modern Love, Living With Yourself, Panama Papers e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...