L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ant-Man and the Wasp, un sequel che rilancia e raddoppia

Ant-Man and the Wasp, un sequel che rilancia e raddoppia

Di Lorenzo Pedrazzi

Il Marvel Cinematic Universe non potrà mai eguagliare la vastità della sua controparte a fumetti, eppure l’evoluzione di questo universo cinematografico è sempre più capillare, come dimostra l’uscita di Ant-Man and the Wasp dopo Avengers: Infinity War. Se è vero che i registri dei singoli film possono variare, altrettanto mutevole è la “portata” delle loro trame, che talvolta procedono in parallelo ai grandi eventi, li guardano da lontano o li ignorano del tutto: la nuova avventura di Scott Lang (Paul Rudd) e Hope Van Dyne (Evangeline Lilly) si svolge in un arco temporale molto serrato, collocato fra Civil War e l’arrivo di Thanos, quindi può permettersi di raccontare la propria storia senza influenze esterne… almeno fino a un certo punto.

Ant-Man and the Wasp, in effetti, consente ai Marvel Studios di rifiatare dopo la sbornia di Infinity War, garantendo quel tocco di leggerezza che distrae dalle azioni del Folle Titano e dalla sconfitta dei Vendicatori. Inoltre, mette in scena le conseguenze della Guerra Civile sui singoli individui, mostrando diverse gradazioni di responsabilità: al contrario degli altri eroi (Occhio di Falco escluso), Scott ha una famiglia cui pensare, quindi patteggia con l’FBI e ottiene gli arresti domiciliari dopo aver affiancato Capitan America nella sua ribellione contro gli Accordi di Sokovia. Da questo dettaglio è evidente come il Marvel Cinematic Universe riesca quasi sempre a rispettare una solida coerenza interna, dove ogni evento – e ogni film – è la diretta conseguenza di quello precedente. Le accuse contro Ant-Man, però, si sono estese anche a Hank Pym (Michael Douglas), costretto a darsi alla macchia insieme a Hope, mentre Scott sconta la sua pena tra le mura di casa e intrattiene la piccola Cassie con giochi artigianali di grande fantasia (la scena iniziale mostra una creatività ludica degna di Michel Gondry). Quando però Janet Van Dyne (Michelle Pfeiffer) invia un messaggio dal Regno Quantico, Hank e Hope sono costretti a chiedere l’aiuto di Scott per ritrovarla, innescando una battaglia con una spettrale supervillain (Hannah John-Kamen) che dà la caccia a Janet per motivi personali.

Al di là dell’intelligente gender-swap, la scelta di Ghost come antagonista è originale, poiché si tratta di un personaggio poco noto e con poteri radicalmente diversi rispetto ad Ant-Man e Wasp: in tal modo, il regista Peyton Reed può sfuggire a un topos che il Marvel Cinematic Universe ha reiterato molte volte, secondo cui il villain dev’essere una copia malvagia dell’eroe (con gli stessi poteri, insomma). Ghost si carica sulle spalle il lato più drammatico del film, differenziandosi nettamente dallo schematismo del primo Ant-Man, dove Yellowjacket era un cattivo bidimensionale; stavolta, invece, la sceneggiatura ci offre un’antagonista con un passato alle spalle, utile per darle un minimo di caratterizzazione psicologica, seppur elementare: Ghost è prima di tutto una vittima incolpevole, come accade spesso ai villain meno manichei. Ant-Man and the Wasp resta una commedia d’azione, ma riesce a bilanciare piuttosto bene i cambiamenti di tono, alternando comicità, spettacolo e pause emotive, dove il meglio arriva dal tenero rapporto fra Scott e Cassie. Purtroppo il copione arranca un po’ di fronte a certi snodi narrativi, poiché approfitta del contesto sci-fi per semplificarsi la vita e non dare spiegazioni, nascondendosi dietro a paroloni pseudo-scientifici che suonano come forzature del racconto (soprattutto per quanto riguardo il Regno Quantico). Nulla di nuovo, intendiamoci: è un tratto piuttosto comune sia nei blockbuster sia nei fumetti supereroistici, ma la fragilità di alcuni punti è fin troppo palese.

La godibilità del film, però, ne esce intatta. Merito anche delle scene d’azione, capaci di sfruttare la CGI in modo creativo per alterare la dimensioni degli oggetti e dei personaggi, giocando continuamente sulle sproporzioni fra i corpi. Da questo punto di vista, il franchise di Ant-Man è il più fantasioso del MCU, alla pari di Doctor Strange: entrambi cercano soluzioni estetiche alternative, figlie della vecchia controcultura e di artisti come Steve Ditko e Jack Kirby, laddove immaginano dimensioni parallele che trascendono i limiti della realtà. Il Reame Quantico si conferma molto suggestivo, ed è forse l’unica circostanza in cui il 3D – se sarete fra i pochi a vederlo in questa versione – diviene un valore aggiunto. Ant-Man and the Wasp è quindi un valido prodotto d’intrattenimento, nonché un buon esempio di cinecomic “medio” targato Marvel Studios, senza pretese epocali né grossi rischi. Al contempo, però, riesce anche a proporre qualcosa di inedito rispetto agli altri capitoli del MCU, nell’idea di un’eredità femminile che si ripercuote su almeno tre personaggi (Hope, Cassie e Ghost), con effetti diversi a seconda delle circostanze. Il tutto si risolve in un divertente passo a due fra Ant-Man e Wasp, partner in battaglia e potenzialmente nella vita, che trovano nelle imprese supereroistiche la miglior terapia di coppia: a volte, lavorare insieme giova al rapporto.

Occhio alle scene durante o dopo i titoli di coda, che mutano improvvisamente il clima della situazione, ma senza tradire lo spirito del franchise.

ISCRIVITI ALLA NUOVA NEWSLETTER DI SCREENWEEK
Tutte le ultime notizie dal mondo del cinema e della tv direttamente nella tua casella mail, a portata di un solo click!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Finite le riprese di Army of the Dead di Zack Snyder 22 Ottobre 2019 - 23:55

Tra i protagonisti della produzione Netflix c'è anche Dave Bautista.

Jared Harris e Lee Pace in Foundation, serie della Apple TV+ 22 Ottobre 2019 - 23:46

Lo show sarà tratto dai libri di Isaac Asimov.

André Holland reciterà in Passing, diretto da Rebecca Hall 22 Ottobre 2019 - 23:35

L'attore raggiunge così Ruth Negga e Tessa Thompson.

Galline in Fuga 2: il sequel del film Aardman sta per diventare realtà! 22 Ottobre 2019 - 15:30

Galline in Fuga 2, sequel del film animato in stop-motion del 2000, è entrato ufficialmente in fase di post-produzione! La Aardman riuscirà a riportare in auge il brand, oppure si tratta di un tentativo fuori tempo massimo?

7 cose che forse non sapevate su Hello Sandybell! 22 Ottobre 2019 - 10:00

La cugina giapposcozzese di Pippi Calzelunghe, Lost in Translation e gli schiaffi da censura. Sette curiosità su Hello Sandybell.

StreamWeek: Paul Rudd vs Paul Rudd in Living with Yourself 21 Ottobre 2019 - 15:47

Modern Love, Living With Yourself, Panama Papers e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.