L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Willy, il principe di Bel-Air

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Willy, il principe di Bel-Air

Di DocManhattan

Prima che diventasse un uomo in nero in grado di sparaflashare la gente per cancellarle la memoria. Prima del giorno dell’indipendenza in cui l’umanità, guidata da un presidente eroico e pullman, avrebbe sconfitto gli alieni con il virus informatico della pallina. Prima di Alì, di Muccino, delle nomination all’Oscar e di tutto il resto, Willard Carroll Smith, Jr., per tutti Will Smith, faceva l’hip hop old school e si faceva chiamare The Fresh Prince. Veniva da Filadelfia, aveva fatto i soldoni con un altro DJ, nel duo DJ Jazzy Jeff & the Fresh Prince, e se li stava godendo nella Los Angeles dei ricchi. Così, un giorno, un produttore gli fa: “Oh, vuoi apparire in una sitcom su un tipo di Filadelfia che va a vivere a Bel Air in mezzo a quelli pieni di grana? Un tipo che essenzialmente sei tu?”. Will, il The Fresh Prince del microfono, diventa il The Fresh Prince of Bel-Air del piccolo schermo. Il Principe di Bel-Air era pronto a far danni in TV.

Imperversa negli anni 90 televisivi, Willy, ragazzo del ghetto di Philly piombato a casa degli zii danarosi. E la serie piace perché pur avendone tutti i tratti, non è la solita sit-com: è in corso un’evoluzione della specie e queste nuove produzioni anni 90 hanno fagocitato e digerito quanto venuto prima, esibendolo come un trofeo. E la metafora la fermi qui, perché sta diventando turpe. Tra una comparsata e l’altra, appaiono Gary Coleman e altri attori de Il mio amico Arnold. Si citano in continuazione I Robinson, compare più volte Sherman Hemsley de I Jefferson. Willy, Il Principe di Bel-Air non è una sit-com su una famiglia di colore come quelle precedenti, è la loro figlia o nipote: moderna, hip-hop e cosciente di sé. Willy buca più volte la quarta parete non solo perché ormai si porta in TV, ma perché è uno spettatore anche lui degli eventi. Oh, d’altronde è la versione superfictionalizzata della storia vera di uno che viene da Filadelfia e che cantava Girls Ain’t Nothing But Trouble con delle camicione improbabili addosso.

E sì, nel caso ve lo stiate chiedendo, Donald Trump appariva anche qui, non solo ne La Tata.

Sono passati 28 anni dalla prima messa in onda di Willy, il Principe di Bel-Air, venticinque dal suo approdo in Italia. I suoi giovani protagonisti, evidentemente, non sono più così tanto giovani. E non hanno avuto carriere fortunate come Smith: la dura legge della TV, altrimenti nota come Principio di Fonzarelli. Karyn Parsons era Hilary, la figlia maggiore dei Banks, la cugina più grande. Ha smesso di recitare a inizio anni 2000, ma è tornata da poco sul set. Nella serie si fidanzava con Ice-Tray, vecchio amico di Willy a Filadelfia, interpretato da Don Cheadle.

Esatto, tra le altre cose il War Machine degli Avengers.

E il cugino Carlton, fan dei puffi e di Tom Jones? Alfonso Ribeiro ha 47 primavere ed è sempre stato davvero un ottimo ballerino, tanto che nella sua brava dose di reality da ex celebrity, nel 2014 ha infilato anche Dancing with the Stars, il Ballando con le stelle USA. Vincendo quell’edizione. Il piccolo Nicky, arrivato dopo qualche stagione, era Ross Bagley, cui è toccato il triste destino di molti attori bambino: dimenticati ai primi cenni di pubertà, in un loop di accuse ai genitori e storie tristi da giornali da supermercato. E Ashley? Tatyana Ali fa la cantante, è apparsa in vari film e serie, ha fatto causa alla Warner per averle copiato l’idea per uno show. Ah, e ha sposato un professore di Stanford conosciuto su un sito di appuntamenti online. Giuro.

Ma mi piace ricordare anche la voce italiana di Willy, Edoardo Nevola. Che doppiava il protagonista e cantava la sigla del programma. Nevola, del resto, oltre che doppiatore, è musicista e compositore, e negli anni 70 ha inciso dei dischi, prodotti da Renato Zero, con lo pseudonimo Yo Yokaris. Riuscite a immaginare la serie che ha reso famoso anche da noi questo tipo simpatico di Filadelfia col berretto storto, senza Nevola che canta “Seduto su due piedi qui con te, ti parlerò di Willy superfico di Bel Air”? No che non ci riuscite, vero? Perché è impossibile.

LEGGI TUTTE LE RECENSIONI DI DOC MANHATTAN

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, segui la pagina Facebook Noi fan delle Serie TV e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Stranger Things 4: tutte le domande che hanno trovato una risposta nel finale 4 Luglio 2022 - 15:15

Con gli ultimi due episodi di Stranger Things 4 sono arrivate le risposte ad alcune domande che avevano lasciato con il fiato sospeso i fan della serie.

Skam Italia 5 dal 1° settembre su Netflix, ecco il teaser 4 Luglio 2022 - 14:26

La quinta stagione di Skam Italia uscirà il 1° settembre su Netflix, e ruoterà attorno a Elia: ecco il primo teaser!

The Princess: quando le principesse Disney picchiano come John Wick – La recensione 4 Luglio 2022 - 13:00

Prodotto da Derek Kolstad, sceneggiatore di John Wick, un film action che guarda a The Raid più che alla tradizione Disney

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.

Guida pratica alle serie Marvel ex Netflix (ora su Disney+) 30 Giugno 2022 - 9:01

Daredevil, Jessica Jones e le altre: cosa recuperare delle serie Marvel un tempo di Netflix, ora che sono disponibili su Disney+.