L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Pose – Trailer ufficiale per la serie dance-musical di Ryan Murphy

Pose – Trailer ufficiale per la serie dance-musical di Ryan Murphy

Di Lorenzo Pedrazzi

GUARDA ANCHE: Il primo trailer di Pose

FX ha pubblicato il trailer ufficiale di Pose, nuova serie creata da Ryan Murphy e Brad Falchuk (gli stessi di American Horror Story e Scream Queens), insieme a Steven Canals. Lo show è ambientato nel 1986, ed “esplora la giustapposizione di svariati segmenti di vita e società a New York City: l’emergere dell’era del lusso targata Donald Trump, la scena sociale e letteraria della downtown, e la ball culture” (ovvero una delle manifestazioni della sottocultura LGBT, caratterizzata da diversi tipi di competizioni basate sulla danza, sui costumi e altro ancora). La prima stagione, composta da otto episodi, debutterà il prossimo 3 giugno sul canale via cavo americano.

Rispetto al teaser precedente, questo trailer è molto più ricco di scene tratte dalla serie, e ci presenta i personaggi principali. Kate Mara ed Evan Peters interpretano Patty e Stan, una coppia che viene risucchiata dal glamour e dagli intrighi della Grande Mela. James Van Der Beek presta il volto a Matt, il capo di Stan, un potente boss della finanza. Charlayne Woodard ha preso il posto di Tatiana Maslany nel ruolo di un’insegnante di danza moderna che nutre particolare interesse per il talento di Damon (Ryan Jamaal Swain). In generale, Pose include il più grande cast di attori transgender mai visto in una serie tv.

Ecco il trailer:

LEGGI ANCHE:

FX ordina la prima stagione di Pose

Annunciato il cast di Pose

Annunciata la serie Pose

Ryan Murphy ha dichiarato la sua soddisfazione per la nuova serie:

[Pose] sarà uno show davvero innovativo, una serie edificante sulla ricerca universale dell’identità, della famiglia e del rispetto. Oltre a essere un musical di ballo, con uno sguardo sulla vita americana negli anni Ottanta, sono orgoglioso del fatto che Pose e FX stiano facendo la Storia fin dall’inizio, ingaggiando il maggior numero di attori regolari transgender in una produzione televisiva statunitense. Inoltre, la prima stagione includerà più di 50 personaggi LGBTQ – un record nella storia della televisione americana.

La produzione è curata da Murphy insieme a Nina Jacobson e Brad Simpson.

Fonte: TV Line

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli: I character poster italiani 5 Agosto 2021 - 21:45

Shang-Chi, il Mandarino e il misterioso Death Dealer nei nuovi poster di Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli in arrivo nelle sale italiane il 1° settembre

Bruised: Il film diretto da Halle Berry su Netflix il 24 novembre 5 Agosto 2021 - 21:00

L'opera prima da regista di Halle Berry, Bruised, sarà disponibile in tutto il mondo su Netflix il 24 novembre. Nuova immagine

The Lost Daughter: il film di Maggie Gyllenhaal andrà su Netflix in USA 5 Agosto 2021 - 20:15

Il film, tratto da La figlia oscura di Elena Ferrante, sarà presentato in concorso a Venezia, e distribuito in Italia da BIM

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.