L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Man Who Killed Don Quixote, la recensione del film di Terry Gilliam da Cannes #SWCANNES

The Man Who Killed Don Quixote, la recensione del film di Terry Gilliam da Cannes #SWCANNES

Di Andrea D'Addio

Dopo 25 anni a fare e disfare, finalmente…” è questa una delle prime didascalie che annunciano l’inizio di The Man Who Killed Don Quixote, un modo per sdrammatizzare una delle avventure produttive più assurde di sempre, basti pensare che in passato il ruolo di cavaliere contro i mulini a vento è stato assegnato, senza mai arrivare completamente a compimento, a Jean Rochefort a Robert Duvall, Michael Palin e John Hurt. Alla fine il ruolo è toccato a Jonathan Price, ma ciò che davvero si pensa durante la visione della pellicola è: come sarà stata la sceneggiatura del primo Don Quixote di Terry Gilliam?

Ce lo si chiede perché la sua, finalmente, definitiva versione cinematografica è un film nel film nel film: un regista che aveva già realizzato un lavoro low budget sull’eroe di Cervantes si ritrova 11 anni dopo negli stessi luoghi per farne una versione più ricca e ambiziosa. I ricordi e le persone coinvolte nel progetto all’epoca riemergono però dal passato per entrare prepotentemente nel presente e ciò che è fantasia si trasforma in realtà. “I film cambiano irrimediabilmente le persone” sembra dirci Gilliam, se non tutti sicuramente quelli che hanno a che fare con Don Quixote. E allora il viaggio del vero protagonista della vicenda, il fantomatico regista Toby (Adam Driver), può ricordare quello che sicuramente ha vissuto Gilliam quando è tornato negli anni a fare i sopralluoghi per l’avvio di un film che era stato interrotto nel 2000 quando Jean Rochefort lasciò il set per una grave infezione alla prostata, un nubifragio rovinò l’equipaggiamento e cambiò irrimediabilmente le dune scelte come location e un investitore si ritirò improvvisamente dal progetto (tutti eventi raccontati nel documentario Lost in La Mancha).

Nonostante alcune simpaticissime trovate narrative e quella bislacca e irresistibile visionarietà capace di unire in sequenza puntini numerati appartenenti a pagine diverse della stessa Settimana Enigmistica, The Man Who Killed Don Quixote rimane un film godibile solo se lo si lega a doppio filo con la storia che ne ha portato alla realizzazione, un abbraccio di Gilliam al suo spettatore accompagnato da un malinconico “dai ridiamoci su assieme”. Per il suo cinema, così fuori dagli schemi, fantastico senza essere fantasy (o non per forza), epico, ma libero da supereroi e effetti speciali, romantico nella misura in cui può essere la passione di un artista per il progetto “di una vita” chissà se ci sarà ancora un posto in futuro.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL FESTIVAL DI CANNES 2018 e cerca l’hashtag #SWCannes su FacebookTwitter e Instagram per rimanere aggiornato!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Mandalorian: nel prossimo episodio vedremo [SPOILER]? 27 Novembre 2020 - 14:58

La fine dell'episodio 5 della seconda stagione di The Mandalorian, sembra confermare l'arrivo di Luke Skywalker. Ma sarà sul serio così?

Scott Derrickson è felice di aver lasciato Doctor Strange 2 nelle mani del “grande” Sam Raimi 27 Novembre 2020 - 13:30

Scott Derrickson sarà solo un "lontano" produttore esecutivo per Doctor Strange in the Multiverse of Madness, ma è felice di aver lasciato il film nelle mani del "grande" Sam Raimi.

Netflix US ha una funzione che avverte quando un titolo è in scadenza 27 Novembre 2020 - 12:30

Ora, la versione americana di Netflix avverte quando un titolo sarà rimosso dal catalogo. In Italia sembra che questa funzione non sia ancora disponibile.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?