Fahrenheit 451, perché il remake del capolavoro di Truffaut era un film necessario (ma purtroppo non è perfetto) #SWCannes

Fahrenheit 451, perché il remake del capolavoro di Truffaut era un film necessario (ma purtroppo non è perfetto) #SWCannes

Di Andrea D'Addio

Rifare un film cult come Fahrenheit 451 oggi significa prima di tutto immaginare un futuro che non è andato esattamente come se lo erano aspettati Ray Bradbury prima, con il libro del 1953, e François Truffaut dopo, nel 1966 con l’omonimo film (di cui potete veder uno stralcio qui sotto).

Il rischio era alto, ma da questo punto di vista il regista e sceneggiatore irano-americano Ramin Bahrani ci riesce appieno: i due protagonisti della vicenda sono sì pompieri impegnati a dare fuoco ad ogni libro che esista al mondo, in forma cartacea o digitale che sia, ma il come si sia arrivati a questo punto affonda le radici nella nostra contemporaneità. Stanchi di fake news, dibattiti sul presunto razzismo di libri come Huckleberry Finn o del maschilismo nelle opere di Henry Miller, gli uomini si sono resi conto che l’estrema libertà porta ad un caos e una violenza più controproducenti che altro. E allora via tutto ciò che possa scatenare opinione.

La premessa è interessante e dimostra un desiderio di “fare le cose per bene” che, per un film di fantascienza realizzato per la televisione (è un prodotto HBO che in Italia sarà gestito da Sky) non ci si aspetterebbe. Del resto il Festival di Cannes, nonostante le polemiche con Netflix, ha deciso di selezionarlo per il Fuori Concorso.

Lo sviluppo del racconto è fluido, ma senza particolari trovate visive (ed è un peccato visto che si parla di fantascienza), con scelte di montaggio che bruciano diversi possibili momenti di suspense (come la cattura del personaggio della Boutella) e uno scontato finale che appiattisce ciò che con un po’ di ambizione produttiva sarebbe potuto diventare un piccolo cult. Bahrani, che ha scritto la sceneggiatura con il celebre regista iraniano Amir Naderi, non ha poi il coraggio di allontanarsi ulteriormente dal testo di partenza e sviluppare al meglio il personaggio di Beatty, ben interpretato da Michael Shannon.È lui, più di Montag, a lasciare trasparire un dilemma interiore più tragico e insolubile di un collega che semplicemente passa da uno schieramento all’altro. Insomma, un’occasione sprecata se si parla di cinema, un buon prodotto se si parla di televisione.

Presentato Fuori Concorso al Festival di Cannes, Fahrenheit 451 sarà trasmesso da Sky in data da definire.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL FESTIVAL DI CANNES 2018 e cerca l’hashtag #SWCannes su FacebookTwitter e Instagram per rimanere aggiornato!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cartoons on the Bay 2023: annunciati programma e ospiti, tra cui Peter Lord e Bruno Bozzetto 29 Maggio 2023 - 16:15

La 27a edizione di Cartoons on the Bay si svolgerà dal 31 maggio al 4 giugno e ospiterà anche l'anteprima de I Cavalieri dello Zodiaco

Festival di Cannes 2023 – Palma d’oro a Anatomie d’une chute, tutti i vincitori 27 Maggio 2023 - 20:48

La cerimonia della 76ma edizione del Festival di Cannes si è conclusa, con la premiazione di Anatomie d'une chute con la Palma d'oro.

Aki Irie: Dalle influenze di Adachi e Taniguchi alla realizzazione di Nuvole a Nord-Ovest 23 Maggio 2023 - 13:16

Abbiamo incontrato la mangaka Aki Irie al Comicon, e abbiamo parlato con lei di Nuvole a Nord-Ovest e Tabi - The journey of Life editi da J-POP.

Killers of the Flower Moon: cosa dicono le prime recensioni? 21 Maggio 2023 - 10:00

Killers of the Flower Moon, il nuovo film di Martin Scorsese, è stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes.

Across the Spider-Verse: precedenti animati e videogame con Spider-Man 2099 30 Maggio 2023 - 15:27

Le comparsate precedenti di Spider-Man 2099 in film, serie animate e videogiochi Marvel.

La Sirenetta: un po’ di cose a cui ho pensato guardandolo ieri con mia figlia 25 Maggio 2023 - 9:28

E allora parliamone un po', del target e di quello che al target interessa, in queste trasposizioni live action dei classici Disney.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI