L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Everybody Knows, la recensione del film con Cruz e Bardem che ha aperto il Festival di Cannes #SWCannes

Everybody Knows, la recensione del film con Cruz e Bardem che ha aperto il Festival di Cannes #SWCannes

Di Andrea D'Addio

Laura è una donna spagnola trasferitasi in Argentina che torna con la famiglia nel suo paesino natio per il matrimonio di una delle due sorelle. Tutti pensano che il marito abbia fatto fortuna in Sud America, ma non è così come emerge quando sua figlia Irene viene sequestrata da una banda che chiede 300mila euro di riscatto. Il ricatto dà il via ad una serie di rivelazioni all’interno della famiglia (si capisce così il significato del titolo, Tutti lo sanno) solo latamente legate al ricatto e che affondano le proprie radici nella vecchia storia d’amore tra Irene e l’allora figlio dei domestici, un uomo ora a capo di un’affermata vigna della zona.

Asghar Farhadi ci riprova e dopo avere già mezzo fallito con Il passato (film ambientato in Francia con cast transalpino) porta il suo cinema fatto di lunghi dialoghi e ambienti domestici in Spagna. Lo ha deciso, come lui stesso ha ammesso durante la conferenza stampa del film a Cannes, partendo dai due attori protagonisti, Penélope Cruz e Javier Bardem. Sono loro il fondamento di una sorta di storia a cornici concentriche. Ad uno stadio successivo, intorno a loro c’è la famiglia di lei. Ancora più intorno invece c’è l’intero paesino. Le bugie, palesi o meno che siano, servono per mantenere assieme i pezzi. Questa circolarità nella rappresentazione dei rapporti personali si ritrova anche a livello narrativo: nell’epilogo si intuisce che in futuro, ad essere tenuta apparentemente nascosta, sarà un’altra verità nascosta.

A raccontarla così la struttura del film di Farhadi appare più che mai solida e capace di letture a vario livello. Dato però lo spessore del cineasta (che ha firmato bellissime pellicole come Una separazione e Il cliente) l’assenza di una costruzione graduale dei personaggi di contorno (ma anche di quello della stessa Cruz, che nel finale sembra una donna più che mai cinica ed egoista) nonché l’illogicità di alcuni comportamenti (perché non andare dalla polizia, anche solo dopo che sembra sia tutto finito?) ledono la plausibilità del racconto. Non solo: così come in Il passato, Fahradi non riesce a contestualizzare la sua storia né nel territorio né nel tempo, differentemente quindi da quanto fatto con i due precedenti film citati o in About Elly dove si respirava il desiderio di rappresentare tanto le storie dei suoi personaggi che dell’Iran. Sia chiaro, Everybody knows è fruibile e non annoia, ma lascia poco o nulla dietro. Sulle interpretazioni: la coppia Cruz e Bardem funziona e non funziona. Da una parte è funzionale a fare capire da subito che c’è stato o ci sarà qualcosa tra di loro, dall’altra annulla quasi completamente la figura del personaggio interpretato da Ricardo Darìn, vittima sacrificale di un impossibile confronto fra personalità maschili.

Everybody knows ha aperto il festival di Cannes 2018 e uscirà in Italia in data da definire distribuito da Lucky Red (che è anche co-produttrice).

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL FESTIVAL DI CANNES 2018 e cerca l’hashtag #SWCannes su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Two Weeks to Live: il trailer della nuova serie TV con Maisie Williams di Game of Thrones 14 Agosto 2020 - 20:23

Maisie Williams, la Arya Stark di Game of Thrones, è pronta per tornare sul piccolo schermo con la serie Two Weeks to Live. Ecco il trailer.

Mulan: Christina Aguilera canta ‘Loyal Brave True’ per la colonna sonora del film Disney 14 Agosto 2020 - 20:09

Christina Aguilera canta 'Loyal Brave True' per la colonna sonora del film Disney Mulan. Ecco il videoclip della canzone.

La catena di cinema AMC pronta per riaprire negli USA, per un giorno biglietti a 15 cent 14 Agosto 2020 - 19:52

Si tratta di una cifra simbolica: era infatti quello il costo del biglietto nel 1920, quando i fratelli Dubinsky inaugurarono la loro prima sala a Kansas City, dando vita a quella che sarebbe diventata una delle più importanti catene di cinema nel mondo.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.